venerdì 30 settembre 2016

Crostata con farina di grano saraceno alle 5 spezie e confettura di ribes (gluten free)


Buon venerdì a tutti, finalmente siamo arrivati al week-end! Oggi, come quasi tutti i venerdì, vi propongo di chiudere in dolcezza...che dite? Si puo' fare? Per di più, sono emozionatissima perchè ad abbellire il mio set ci sono i meravigliosi tessili di Ars Unica, non li conoscete? Il loro sito di e-commerce sarà presto on line e io non vedo l'ora! Producono pezzi unici per la casa, e non solo, con tutta la qualità del made in Italy miscelata a creatività e buon gusto! Presto potro' parlarvi di un bel progetto che condivideremo insieme, per il quale sono davvero al settimo cielo...ma non posso anticiparvi nulla!! Per il momento vi dovrete accontentare della ricetta della crostata ma...stay tuned!!! Buon week-end bella gente!!


Ingredienti per una crostata da 24cm di diametro:

  • 200g di farina di grano saraceno
  • 200g di farina senza glutine (sostituibile con 200g di farina 00)
  • 200g di zucchero
  • 200g di burro
  • 2 uova
  • qualche goccia di estratto naturale di vaniglia
  • 1 cuchiaino generoso di miscela 5 spezie
  • 1 pizzico di sale
  • confettura di ribes (o more o mirtilli)
  • gelatina di albicocche per lucidare
  • zucchero a velo



Procedimento:

1) Preparate la frolla: Lavorate le due farine con il burro freddo tagliato a cubetti, lo zucchero, il sale e la vaniglia fino ad ottenere un composto sbriciolato. Tostate le spezie in un pentolino per pochi secondi, facendo attenzione a non farle bruciare, e unitele agli altri ingredienti. Aggiungete quindi le uova lavorando velocemente fino a che l'impasto non risulterà liscio ed omogeneo. Dividetelo in due parti (una più grande dell'altra), coprite con la pellicola e riponete in frigorifero per almeno 30 minuti, finchè la frolla non risulterà compatta e ben lavorabile.
2) Stendete la frolla (la parte più grande) e foderatevi una tortiera precedentemente imburrata ed infarinata (sempre con la farina senza glutine). Bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta e distribuitevi sopra la confettura. Con l'altro pezzo di frolla ricavate le strisce di  impasto che andranno a formare la classica griglia della crostata.
3) Infornate a 180° per circa 30-40 minuti, finchè la frolla non sarà ben cotta e dorata. Lasciate raffreddare e lucidate la superficie della torta spennellando della gelatina di albicocche scaldata. Finite spolverizzando a piacere la circonferenza della crostata con lo zucchero a velo. Servite.


mercoledì 28 settembre 2016

Ossibuchi al limone e albicocche secche


Io amo smisuratamente gli ossibuchi, insieme agli stichi di maiale, le guance di manzo e tutte quelle carni a lunga cottura che finiscono per staccarsi dall'osso e sciogliersi in bocca! Penso siano tra i primi posti nella mia personale classifica dei comfort food. Sono piatti appaganti che insieme ad un ricco purè di patate o ad una croccante e dorata teglia di patate al forno, attivano all'istante la mia salivazione...wow!!! Oggi vi propongo una versione un po' diversa dalle tradizionali, i limone conferiscono una piacevole acidità, mentre le albicocche regalano dolcezza, se vi piacciono i sapori particolari questo piatto fa per voi! 


Ingredienti per 4 persone:

  • 4 ossibuchi di vitello
  • 1 cipolla rossa
  • 2 limoni bio
  • 10 albicocche secche
  • 500ml di brodo di manzo o vitello
  • 2 cucchiai di farina
  • 1 mazzolino di prezzemolo fresco
  • olio extravergine d'oliva
  • 1 noce di burro
  • sale
  • pepe



Procedimento:

1) Incidete gli ossibuchi sui bordi esterni, in modo che la membrana che li circonda si snervi e gli ossibuchi rimangano ben stesi durante la cottura. Asciugate delicatamente la carne con della carta da cucina. 
2) Mondate la cipolla, affettatela finemente e fatela soffriggere in una casseruola con un giro d'olio e la noce di burro. A questo punto rosolate gli ossibuchi, precedentemente infarinati, a fiamma viva finchè non saranno ben dorati da ambo i lati. Bagnate con il brodo caldo, regolate di sale e pepe, abbassate la fiamma, coprite e cuocete per circa 45 minuti.
3) A questo punto aggiungete i limoni tagliati a metà e le albicocche secche, se necessario aggiungete dell'acqua calda per allungare il fondo di cottura. Continuate a cuocere a fiamma dolce per altri 45 minuti. A questo punto la carne dovrebbe essere tenera e il fondo di cottura cremoso ma non troppo ristretto (regolatelo sempre con acqua calda). 
4) Servite gli ossibuchi con un filo di olio a crudo, il prezzemolo fresco tritato e una generosa macinata di pepe.

lunedì 26 settembre 2016

Essenza: Spaghetti integrali con crema di peperoni verdi, sesamo nero e mandorle tostate


Buon lunedì a tutti! Avete passato un buon week-end? Il mio è stato impegnativo, lavori e incombenze domestiche e devo dire che non mi sono per nulla riposata. Però mi sento piena di voglia di fare e di energie positive! Ma quanto è importate mangiare sano?? Per me davvero tanto, se mangio qualcosa di grasso o pesante mi sento subito fiacca e senza forze...capita anche a voi? Non vi resta che prendere spunto dalle mie ricette del lunedì, oggi ad esempio ho realizzato una ricetta con i piccoli peperoni verdi del mio orto. Voi ovviamente potete utilizzare quelli tradizionali e più grandi, negli ingredienti ne ho già tenuto conto. Se vi piacciono i piatti saporiti, piccantini con un retrogusto amarognolo, questo fa al caso vostro...io lo adorato! Non eliminate i semi di sesamo e soprattutto le mandorle tostate che vi serviranno a dare equilibrio e rotondità al piatto. Buon appetito!


Ingredienti per 4 persone:

  • 250g di spaghetti integrali
  • 3 peperoni verdi (grandezza standard)
  • 2 peperoncini freschi
  • 1 spicchio d'aglio 
  • 1 cipollotto fresco
  • 1 cucchiaio di semi di sesamo nero (io semi di sesamo nero Melandri-Gaudenzio)
  • 40g di mandorle a lamelle
  • olio extravergine d'oliva
  • sale



Procedimento:

1) Mondate i peperoni, tagliateli a tocchetti e metteteli da parte. Pulite il cipollotto e tritatelo al coltello.
2) In una padella scaldate un giro d'olio con lo spicchio d'aglio schiacciato, il cipollotto e i peperoncini puliti e affettati. Lasciate rosolare quindi aggiungete i peperoni. Fate saltare il tutto a fiamma viva quindi abbassate la fiamma, aggiungete poca acqua, coprite e lasciate stufate. Regolate di sale. Quando i peperoni saranno teneri toglieteli dal fuoco e lasciate intiepidire.
3) Tostate le mandorle in un pentolino o nel forno a 180° finchè non saranno dorate, fate attenzione a non bruciarle.
4) Eliminate l'aglio dai peperoni e frullate il tutto fino ad ottenere una crema ricca, se necessario regolate la consistenza aggiungendo dell'acqua. Regolate eventualmente di sale.
5) Lessate gli spaghetti in abbondante acqua bollente salata, scolateli al dente tenendo da parte un po' di acqua di cottura e fateli saltare con la crema di peperoni. Aggiungete un po' di acqua di cottura per legare il tutto.
6) Aggiungete i semi di sesamo e le mandorle avendo cura di tenerne un po' da parte per guarnire. Servite gli spaghetti con un giro d'olio a crudo e i semi e le mandorle a decorare.


venerdì 23 settembre 2016

Sweet Friday: 4/4 al limone


Ricominciamo con le buone abitudini, quelle dolci dolci! E come sempre vince la semplicità. Dovete sapere che a casa mia sono l'unica amante dei dolci, mio marito e i miei figli apprezzano solo quelli molto semplici come una buona ciambella o una crostata. Il marito, in particolare, mi chiede sempre torte che si possono inzuppare nel latte, non prevede altre tipologie quindi capirete bene che ho il campo un po' limitato!! Ad ogni modo mi piace farli contenti e, in realtà, penso che questo tipo di dolci siano i migliori, quelli che sanno di burro, uova e zucchero. Questo vuol dire che il venerdì pubblicherò spesso torte della nonna o da credenza...ma non vi preoccupate, penserò anche a voi...come sempre! Buon week-end a tutti e provate la torta...semplice semplice!


Ingredienti per una torta da 18cm circa di diametro (se volete realizzarne una classica, 24cm o più vi basterà duplicare gli ingredienti, il principio della 4/4 è che ci deve essere la stessa quantità di burro, zucchero, uova e farina. Considerate che mediamente un uovo pesa circa 60g).


  • 120g di farina
  • 120g di zucchero
  • 120g di burro
  • 2 uova
  • 2 limoni bio
  • 1 pizzico di fior di sale
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  • zucchero a velo



Procedimento:

1) Montate le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso.
2) Aggiungete quindi il burro fuso e raffreddato e la scorza dei limoni, continuando a lavorare con le fruste.
3) A questo punto, unite la farina setacciata con il fior di sale, un cucchiaio per volta.
4) Aggiungete il succo di un limone e, quando sarà ben amalgamato, aggiungete il lievito.
5) Versate il composto in uno stampo imburrato ed infarinato e infornate a 180° per circa 30/40 minuti, finchè la torta non sarà ben cotta e dorata.
6) Lasciate raffreddare, spolverizzate a piacere con lo zucchero a velo e servite.



mercoledì 21 settembre 2016

Spezzatino di manzo con pioppini e lambrusco


E infine è arrivato l'autunno, prima come un lieve vento fresco che ci ha sussurrato piano all'orecchio annunciandoci che presto avrebbe bussato alle nostre porte. Poi come un sottile mantello grigio che ha avvolto tutta la campagna e l'ha dissetata con le sue piccole perle di pioggia. Per ultimo si diletterà dipingendo le foglie dei colori del tramonto e le farà cadere regalandoci il tappeto più bello. Non possiamo fare altro che osservare meravigliati il consueto spettacolo che tutti gli anni si ripete, la trasformazione ci coinvolge, ci stordisce. Amo l'autunno e la sua malinconica melodia.


Ingredienti per 4 persone:

  • 650g di spezzatino di manzo
  • 250g di funghi pioppini
  • 150g di pancetta in una sola fetta
  • 500ml di lambrusco
  • 1 tazza di brodo di manzo
  • 1 cucchiaio di farina
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 2 foglie di alloro
  • 1 rametto di timo
  • 1 noce di burro
  • olio extravergine d'oliva
  • sale 
  • pepe



Procedimento:

1) Mondate la cipolla e la carota e tritate entrambe. Asciugate la carne con della carta da cucina e mettetela da parte.
2) In una casseruola scaldate un giro d'olio e una noce di burro e soffriggetevi la cipolla e la carota. Aggiungete quindi lo spezzatino e caramellate la carne a fiamma viva girandola da tutti i lati.
3) Versate la farina nella casseruola, mescolate bene e sfumate con il lambrusco. Aggiungete un po' di brodo caldo fino a coprire la carne, unite l'alloro e il timo. Regolate di sale e di pepe, abbassate la fiamma e coprite. Lasciate cuocere a fiamma dolce per circa 1 ora e mezza.
4) Nel frattempo mondate i pioppini e saltateli velocemente a fiamma viva con un filo d'olio. Salate e mettete da parte.
5) Tagliate la pancetta a listarelle e saltate anch'essa con poco olio finchè non sarà ben dorata.
6) Aggiungete i funghi e la pancetta allo spezzatino e continuate la cottura per altri 30 minuti. Se sarà necessario durante la cottura allungate con dell'altro brodo. Alla fine il fondo dovrà essere una salsa morbida ed avvolgente e la carne dovrà sciogliersi in bocca. Servite con del purè di patate.




lunedì 19 settembre 2016

Essenza: Crackers integrali con farro soffiato


Buon lunedì a tutti! Si riparte con l'appuntamento più leggero della settimana; il lunedì, dopo i bagordi del week-end, bisogna partire con il piede giusto e lì ci sono io a consigliarvi con le ricette che più amo, quelle leggere che ci nutrono davvero senza appesantirci con grassi inutili e ingredienti pieni di zuccheri e porcherie! Oggi mi è venuta in aiuto la Degustabox di agosto, in particolare il farro soffiato Poggio del Farro bio. Appena ho aperto il mio pacco di delizie mensili ho subito deciso che avrei utilizzato questi chicchi sani e nutrienti e li ho trasformati in crackers saporiti e leggeri, preparati con la farina bianca, quella integrale, l'olio, il farro, il latte di soia, il sale e un pizzico di lievito, nient'altro! Sono deliziosi!! Dovete assolutamente provarli!! Buona settimana light!


Ingredienti per circa 30/35 crackers:

  • 300g di farina00
  • 100g di farina integrale
  • 50g di farro soffiato ( io farro soffiato Poggio del Farro bio)
  • 150ml di latte di soia
  • 50g di olio extravergine d'oliva
  • 1 cucchiaino di sale
  • 4g di lievito istantaneo
  • sale affumicato per insaporire



Procedimento:

1) Lavorate le farine setacciate con il sale e il lievito, aggiungete quindi l'olio e il latte di soia sempre lavorando fino ad ottenere un impasto omogeneo.
2) Incorporate il farro soffiato cercando di distribuirlo in modo omogeneo nell'impasto.
3) Porzionate l'impasto preparato e stendete poco impasto per volta in uno strato sottile, in questo modo sarà più facile che stenderlo tutto in un'unica volta.
4) A questo punto io ho fatto passare l'impasto steso nella macchinetta per la pasta fresca e ho fatto un paio di passaggi per rendere i crackers più sottili e quindi più croccanti. Non è un'operazione semplice perchè i chicchi di farro hanno già un loro spessore definito che quindi non vi aiuta nell'intento di fare una sfoglia molto sottile. Devo dire che ho provato i crackers stesi solo con il mattarello e quelli passati nella macchina della pasta, erano ugualmente buoni, i secondi ovviamente risultavano più croccanti, ma se non avete la macchinetta verranno comunque ottimi anche se stesi solo a mano. In tutto questo vi capiterà di perdere molti chicchi di farro, ma non disperate, ne varrà la pena!!
5) Con un tagliapasta quadrato o a mano, ricavate i crackers, bucherellatene la superficie con i rebbi di una forchetta e spolverizzate a piacere con sale affumicato o classico. Sistemate i crackers in una teglia foderata con carta forno e cuoceteli a 200° per circa 10 minuti, se li stendete a mano ricordatevi di tenerli qualche minuto in più in forno girandoli magari a metà cottura. Sfornateli, lasciate raffreddare e serviteli.



giovedì 15 settembre 2016

Risotto alla crema di pomodorini ciliegini, mozzarella di bufala e timo


In questi giorni si respira ancora l'estate (anche se oggi è la classica giornata autunnale di pioggia :(), qui in Piemonte stiamo godendo del sole e del caldo e i pomodorini del mio orto maturano che è una meraviglia! Amo l'autunno, non mi fraintendetemi, ma in questo momento il prolungarsi dell'estate mi fa piacere, mi fa sentire piena di forze e di positività. Anche in cucina si percepisce tutto questo, non più piatti freddi ma pietanze che raccontano il languore di fine estate, come questo risotto, che ha tutto il calore dei pomodorini al sole ma anche la freschezza ricca della mozzarella di bufala e un tocco di timo per profumare.


Ingredienti per 4 persone:

- 500g di pomodorini ciliegini
- 300g di riso (arborio o vialone nano)
- 1 spicchio d'aglio
- timo fresco
- 500ml circa di brodo vegetale
- 250g circa di mozzarella di bufala (io mozzarella di bufala Vallelata)
- 3 cucchiai di grana padano grattugiato
- olio extravergine d'oliva
- sale


Procedimento:

1) Lavate i pomodorini, tagliateli a metà e sistemateli in una placca da forno con la parte tagliata verso l'alto. Irrorateli con olio extravergine, salateli, aggiungete del timo ed infornateli a 200° per circa 20 minuti. Sfornate, lasciate intiepidire quindi frullateli con il liquido di cottura. Filtrate la crema ottenuta e regolatela di sale.
2) In una casseruola scaldate un giro d'olio con lo spicchio d'aglio schiacciato. Versatevi il riso, lasciate tostare per qualche minuto e sfumate quindi con il brodo vegetale ben caldo. Cuocete il risotto per 15-18 minuti continuando ad aggiungere brodo quando serve. A metà cottura incorporate metà della crema di pomodorini, il resto lo aggiungerete pochi minuti prima che il riso sia completamente cotto. Regolate di sale dopo ogni aggiunta.
3) Quando il riso sarà cotto bene, mantecatelo con dell'olio extravergine d'oliva e il grana padano grattugiato e aggiungete del timo fresco.
4) Spezzettate la mozzarella di bufala fresca sopra il risotto ( meglio se lo fate dopo aver impiattato il riso) e finite con un giro d'olio a crudo e una spolverata di timo. Servite.


lunedì 12 settembre 2016

Essenza: Polpettine speziate di legumi e semi di canapa con salsa di peperoni


E' tempo di riprendere le buone abitudini, ovviamente parlo della mia amata rubrica di piatti light e deliziosi! Ricominciamo con queste praline, un ottimo finger food vegan. Potete servirle anche come secondo piatto e, se dovete preparare un buffet vegano, sono uno spunto facile, veloce e di sicuro effetto. Non mi resta che augurarvi una buona settimana e lasciarvi la ricetta...di nuovo bentrovati, sono davvero contenta di ricominciare con i nostri appuntamenti, spero anche voi! 


Ingredienti per 4 persone:

- 1 scatola di ceci al naturale
- 1 scatola di fagioli rossi
- 1 cipollotto
- 1/2 spicchio d'aglio
- 1 cucchiaino abbondante di cumino in polvere
- 1 cucchiaino abbondante di coriandolo in polvere
- 1/2 cucchiaino di cannella in polvere
- 1 mazzolino di prezzolo
- 3/4 cucchiai di pangrattato
- 100g di semi di canapa (io semi di canapa decorticati Melandri Gaudenzio)
- sale
- pepe

Per la salsa di peperoni:

- 1 grosso peperone verde
- 1 grosso peperone giallo
- 1 cipolla rossa
- 1 spicchio d'aglio
- olio extravergine
- sale


Procedimento:

1) Preparate la salsa: Mondate i peperoni e tagliateli a cubetti, pulite la cipolla e tritatela. In una padella scaldate un giro d'olio con lo spicchio d'aglio schiacciato, aggiungete quindi la cipolla e lasciatela rosolare, unite i peperoni e fateli saltare a fiamma viva per alcuni minuti. Abbassate la fiamma, regolate di sale, coprite e lasciate stufare finchè i peperoni non saranno teneri e il fondo di cottura non si sarà rappreso. Frullate il tutto e regolate eventualmente la consistenza aggiungendo del brodo vegetale o dell'acqua, se necessario regolate di sale.
2) Mentre i peperoni cuociono tostate le spezie in un pentolino fino a che non sprigioneranno un leggerissimo fumo bianco. Mettete nel mixer i ceci e i fagioli già scolati, le spezie tostate, il cipollotto, l'aglio, il pepe e il sale e frullate il tutto finchè non otterrete un composto omogeneo. Regolate la consistenza aggiungendo del pangrattato (basteranno 3 o 4 cucchiai), mescolate e incorporate bene e mettete il tutto in frigorifero a riposare per circa 30 minuti.
3) Ricavate le polpettine che devono essere tutte uguali e passatele nei semi di canapa. Cuocetele in forno a 200° con un filo d'olio per 10-15 minuti. Servite le polpettine calde con la salsa di peperoni a temperatura ambiente.


giovedì 8 settembre 2016

Crêpes con erbe e pomodorini


Le crêpes sono uno dei piatti tipici della cucina francese (sul sito di Président Formaggi potrete scoprirne altri) che a casa mangiamo più che volentieri, quando le preparo è sempre una festa! Da un po' di tempo cercavo però una ricetta più estiva e leggera, di solito le cucino gratinate con un bel ripieno sostanzioso! Ed ecco che ho trovato questa ricetta, sempre sul sito di Président, che è proprio nelle mie corde. Si tratta di crêpes alla birra condita con pomodorini spadellati e profumate erbe aromatiche. I miei bambini e mio marito hanno gradito moltissimo, è una versione vegetariana che non ha nulla da invidiare alle golose declinazioni al prosciutto o al salmone. Le replicherò di sicuro!! 


Ingredienti per 4 persone:
  • - 2 uova
  • - 1 lattina di birra chiara
  • - 130 gr di farina 00
  • - 3 cucchiai di olio di oliva
  • - un pizzico di sale
  • - Burro 
  • - 20 g prezzemolo fresco
  • - 20 g di salvia fresca
  • - 10 g di erba cipollina
  • - 10 g basilico fresco
  • - 2 spicchi d’aglio
  • - 1 peperoncino fresco
  • - 100 g olio extravergine di oliva
  • - 450 g di pomodori ciliegia


Preparazione:

1) Setacciate la farina in una ciotola. Sbattete leggermente le uova e mescolatele alla farina e il sale. 
Aggiungete l’olio e la birra e continuate a mescolare energicamente. 
Quando tutto l’impasto sarà amalgamato fatelo riposare almeno 30 minuti in frigorifero, meglio un’ora.
2) Lavate i pomodorini e tagliateli a pezzetti molto piccoli con un coltello; metteteli da parte raccogliendo anche il loro succo.
3) Mondate tutte le erbe e tagliatele finemente sempre a coltello o con una mezzaluna, aggiungetele ai pomodori e mescolate per insaporire il tutto.
4) Aprite il peperoncino e privatelo dei semi con l’aiuto di un coltello e tagliatelo in tre o quattro pezzi. Se siete amanti del sapore del peperoncino fresco, tritatelo finemente. In una pentola scaldate l’olio con i due spicchi d’aglio, scamiciati e tagliati a metà, e il peperoncino. 
Quando sfrigolerà appena, spegnete e fate riposare cinque minuti. 
Togliete l’aglio e, solo se non è di vostro gradimento, il peperoncino e aggiungeteci i pomodorini e le erbette. Mescolate il tutto e fate riposare così i pomodori s’insaporiranno per bene.
5) Mentre i pomodori riposano passate alla cottura delle crêpes. In una padella, non troppo grande, fate sciogliere un po’ di burro e versatevi un po’ di composto alla birra roteando velocemente la padella in modo da allargarlo su tutto il fondo. 
Quando la crêpe si staccherà facilmente, giratela aiutandovi con una forchetta.  Appena l’altro lato si sarà dorato leggermente la crêpe sarà cotta. Quando avrete finito di cuocere tutte le crêpes, sgocciolate i pomodorini dall’olio e farcite le crêpes. Servite le crêpes tiepide


martedì 6 settembre 2016

Con la Corsica negli occhi 💛


Sono tornata. Queste immagini però riempiono ancora i miei occhi e il mio cuore. Oggi le regalo a voi per dirvi che sono di nuovo qui. Ancora qualche giorno per tornare ai miei ritmi consueti, ancora un momento.