mercoledì 30 marzo 2016

Fish&Chips


Continua il mio spettacolare soggiorno nel Cilento, presto pubblicherò delle belle foto...non vedo l'ora!! Per il momento gustatevi questa ricetta, un must dei paesi anglosassoni, uno dei comfort food più conosciuti ed amati al mondo...siori e siori...rrrrrr...rrrrullo di tamburi...solo per voiiiii....fish&chips!!! Evvivaaaa! Ma quanto è buono??? Ok, un'ultima raccomandazione, la birra, non dimenticate la birra!!! Ho anche storie di birra da raccontarvi ma non vi anticipo nulla, vi lascio la ricetta e scappo!!! Bye bye!


Ingredienti per 4 persone:

- 500g di filetti di merluzzo fresco
- 500g di patate pasta gialla
- 100g di farina
- 1 tuorlo 
- 150ml di birra
- ½ cucchiaio di bicarbonato
- 1 cucchiaio di aceto
- 750ml di olio di semi di girasole
- sale


Procedimento:

1) Prendete i filetti di merluzzo e tagliateli in pezzi regolari non troppo piccoli. Salateli e metteteli da parte.
2) Mondate accuratamente le patate e tagliatele a spicchi di uguale dimensione. Mettete anch’esse da parte.
3) Preparare la pastella: In un recipiente mescolate la farina con una presa di sale. A parte mescolate il bicarbonato con l’aceto, il tuorlo e la birra fresca. Unite il composto liquido alla farina poco per volta mescolando con una frusta in modo da evitare la formazione di grumi. Il risultato dovrà essere una pastella liscia ed omogenea, se così non fosse basterà passarla per qualche secondo con il frullatore ad immersione. Mettete la pastella a riposare in frigorifero.
4) Scaldate l’olio di semi di girasole e friggetevi le patate finchè non saranno ben cotte e dorate, tenetele al caldo. Friggete quindi i pezzi di merluzzo immersi nella pastella girandoli di tanto in tanto. Fate attenzione alla cottura del pesce, dovrà essere ben cotto all’interno ma ancora umido.
5) Servite fish&chips in fogli di carta paglia o in coni di carta da giornale, proprio come in Inghilterra!



martedì 29 marzo 2016

Frittura di mare gluten free


Mentre leggerete questo post io sarò praticamente in viaggio per il Cilento, mi attende uno strepitoso blog tour organizzato da Zarotti di cui presto, molto presto vi farò tutto il resoconto...se mi seguite sui social sicuramente sarete informatissimi! Ovviamente però non potevo lasciarvi a bocca asciutta ed ho pensato ad un paio di ricette che ricordano il mare, beh, diciamo che il pesce c'è! Ma non avete voglia di una bella fritturina??? Ovvio, io sarò al mare davvero e voi no ma non si puo' avere tutto 😁, e allora consoliamoci con questo piatto fragrante e croccante. A presto ragazzi e un saluto dal sud! 


Ingredienti per 2 persone:

-          300g di calamaretti già puliti
-          200g di mazzancolle
-          250g di fecola di patate
-          500ml di olio di semi per frittura
-          sale


Procedimento:

1)      Sciacquate bene i calamaretti sotto l’acqua corrente, asciugateli accuratamente e tagliateli a striscioline ottenendo i classici anelli e ciuffetti.
2)      Versate la fecola di patate in un contenitore e impanatevi gli anelli di calamaro facendo attenzione ad eliminare l’eccesso di fecola. Procedete allo stesso modo con le mazzancolle.
3)      Scaldate l’olio di semi per frittura fino a che non sarà ben caldo. Per capire se ha raggiunto la giusta temperatura vi basterà immergere nell’olio un cucchiaio di legno o uno stecchino, se l’olio comincerà a soffriggere vuol dire che potete iniziare con la frittura.
4)      Friggete pochi frutti di mare per volta, girandoli di tanto in tanto, la fecola farà sì che si otterrà una frittura piuttosto chiara ma estremamente friabile e croccante. Quando i calamari e le mazzancolle saranno cotti tamponateli con carta da cucina e cospargeteli con il sale.
5)      Servite questa frittura fragrante direttamente nella carta paglia, accompagnatela con dell’insalatina mista e un freschissimo bicchiere di vino bianco.


venerdì 25 marzo 2016

Ciambella glassata di Pasqua


Come dolce pasquale ho pensato a qualcosa di molto semplice che, eventualmente, si potesse trasportare per le gite "fuori porta". Ero alla ricerca di un dolce dai sapori un po' antichi, una ciambella però colorata e festosa e sono incappata in QUESTA ricetta. Non conoscevo affatto il Pizzo Palumbo, per me non vuol dire molto, ma mi sono piaciuti gli ingredienti, il fatto che non fosse molto "grassa" e che quindi profumasse di uova, come i dolci di una volta. Ho fatto qualche piccola variazione, ovviamente e, al posto dei classici zuccherini colorati, ho messo sulla glassa dei semini di anice confettati che ancor di più mi riportano ai sapori della mia infanzia, dei dolci con cui sono cresciuta. Per questo l'ho chiamata semplicemente Ciambella glassata di Pasqua, la rifarò.


Ingredienti per uno stampo da 24cm di diametro:

  • 250g di farina 00
  • 200g di zucchero
  • 4 uova
  • 1 bustina di lievito vanigliato
  • la scorza grattugiata di 1 limone
  • la scorza grattugiata di 1 arancia
  • 100gr di latte intero
  • 50g di olio di semi
Per la glassa:
  • 200g di zucchero a velo
  • il succo di 1/2 limone
  • acqua q.b.
  • confettini colorati o semini di anice confettati



Procedimento:

1) Montate le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso.
2) Aggiungete alternando, e sempre lavorando con le fruste elettriche, il latte e l'olio.
3) Unite infine gli aromi (arancia e limone) e per ultimo il lievito vanigliato. Versate il composto ottenuto nello stampo precedentemente imburrato ed infarinato e infornate a 180° per circa 40 minuti, finchè la ciambella non sarà ben cotta e dorata, lasciate raffreddare.
4) Nel frattempo preparate la glassa: Setacciate lo zucchero a velo, unite il succo di limone e aggiungete acqua un cucchiaio per volta, sempre mescolando energicamente, la glassa deve "tirare" non deve essere troppo fluida altrimenti sarà trasparente e non avrà questo bell'effetto di bianco coprente. Distribuitela sulla ciambella fredda e decorate con i confettini. Lasciate rapprendere bene la glassa e servite.



giovedì 24 marzo 2016

Frittatine farcite, se non è Pasqua è Pasquetta


E siamo arrivati a quello che proprio un secondo non è, può essere interpretato come antipasto, finger food ma, lasciatemelo dire, è una fantastica idea per il pic-nic di Pasquetta. Quest'idea, semplice e geniale insieme, mi fa venire in mente la mia cara amica Silvia e due giorni di cucina insieme per allestire un buffet per 30 travel blogger affamati in visita a Torino. Lei preparò queste belle frittatine (allora erano semplici, senza verdure) e le farcì con della crescenza fresca...squisite! Da allora le ho fatte mie e le declino in ogni tipo di accostamento che la fantasia mi consenta. A Pasqua uova e salumi non possono mancare, ed ecco allora che queste frittatine colorate vi verranno in aiuto.


Ingredienti per 6 frittatine:
  • 6 uova fresche
  • 4 cucchiai di carotine tagliate a piccoli cubetti
  • 4 cucchiai di piselli freschi o sorgelati
  • 2 cipollotti sminuzzati
  • 4 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • olio extravergine d'oliva
  • sale
  • pepe

  • Salumi per farcire

 

Procedimento:

1) In una padella soffriggete i cipollotti e quindi aggiungete le carote e i piselli. Fate saltare a fiamma viva. Abbassate la fiamma e aggiungete, se necessario, poca acqua per stufare le verdure. Regolate di sale e di pepe e lasciate raffreddare.
2) Sbattete le uova, salatele, aggiungete le verdure e il parmigiano, amalgamate il tutto e versate nei pirottini precedentemente ben unti (le uova sono tremende, si attaccano e non si staccano più! Forse il silicone va meglio per questo lavoro ma io non lo utilizzo quindi non so dirvi). Infornate a 180° per circa 25-30 minuti, finchè non saranno ben cotte e dorate ma non asciutte. Sfornate e lasciate raffreddare.
3) Togliete le frittatine dagli stampi stando attenti a non romperle, tagliatele a metà e farcitele a piacere con i salumi. Portate in tavola.


❤ Bella la Jole!❤


mercoledì 23 marzo 2016

Carbonara veg con fave, agretti e menta


Ecco un'altra proposta veloce e informale per il pranzo di Pasqua, si tratta di una carbonara vegetariana con tutti i profumi della primavera. Io l'ho trovata buonissima, assolutamente da provare anche non per Pasqua. Per di più è un piatto rapido, si prepara al momento, ovviamente dovrete avere cura di pulire le fave ed eliminare la loro buccetta esterna, questo è un lavoro un po' lungo ma ne vale la pena. Ora vi lascio che ho un sacco di lavoro da sbrigare...ospiti a cena! Un caro saluto a tutti e a domani per un'altra ricetta a tema pasquale. Bye!


Ingredienti per 3/4 persone:

- 250g di spaghettini
- 150g di agretti
- 15 fave non troppo grosse 
- 1 cipollotto fresco
- 1 uovo e 2 tuorli
- un mazzolino di menta
- parmigiano grattugiato
- olio extravergine d'oliva
- sale
- pepe


Procedimento:

1) Lessate gli agretti già puliti, scolateli e immergeteli immediatamente in acqua e ghiaccio per conservarne il colore. Nel frattempo sgranate le fave ed eliminate la buccetta esterna. 
2) Fate soffriggere il cipollotto affettato in padella ed aggiungete le fave e gli agretti, fate saltare il tutto a fiamma viva, regolate di sale.
3) Nel frattempo lessate gli spaghettini, scolateli al dente e saltateli in padella con il condimento. Togliete dal fuoco, unite le uova sbattute e il parmigiano e mescolate velocemente e aggiungete un trito di menta fresca.
4) Impiattate e finite con un giro d'olio, una generosa macinata di pepe e delle foglioline di menta a decorare.



martedì 22 marzo 2016

Uova ripiene con ricotta, salsa tartara e bacche rosa


Le uova sono di sicuro le protagoniste indiscusse della Pasqua, in casa mia ancor di più perchè da quest'anno porterò sulla tavola le uova delle mie cocchine che sono davvero speciali.
Come vi avevo detto, il menù da me pensato è davvero veloce, le uova ripiene, riconosco, fanno un po' anni '80 ma se pensiamo a nuovi ripieni stuzzicanti e freschi, devo dire che hanno il loro perchè, sono coreografiche e belle da vedere e poi vanno giù che è un piacere!! Quella di oggi non si puo' neanche definire ricetta da quanto è facile...provare per credere!


Ingredienti per 4 persone:
  • 5 uova fresche
  • 2 cucchiai di ricotta vaccina
  • 3 cucchiai di salsa tartara
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • 10 foglie circa di prezzemolo
  • bacche rosa
  • sale
  • pepe

 Procedimento:

1) Lessate le uova, il tempo di cottura perfetto per evitare lo sgradevole alone verdastro attorno al tuorlo è di 12 minuti in tutto da quando mettete l'acqua fredda sul fuoco con l'uovo dentro. Questo vale per le uova medio-piccole, se l'uovo è più grande ci vorranno un paio di minuti in più. Un trucchetto per far venire via bene il guscio dall'uovo è aggiungere aceto nell'acqua di cottura. Scolate le uova e lasciatele raffreddare.
2) Eliminate i gusci e tagliate le uova a metà. Rimuovete i tuorli e metteteli nel mixer con la ricotta, la salsa tartara, il prezzemolo, il succo di limone, sale e pepe e frullate il tutto. Assaggiate e regolate.
3) Con l'aiuto di una sacca da pasticcere riempite le uova con la crema preparata. Decorate con le bacche rosa e sistemate in un bel piatto da portata con dell'insalata o del prezzemolo sul fondo. Servite.

lunedì 21 marzo 2016

Cupcakes di Pasqua - Un segnaposto che si mangia :)


Carissimi, buon lunedì. Si avvicina la Pasqua e, come ogni anno, cerco di darvi qualche spunto, spero gradito, per la vostra tavola o i vostri pic-nic all'aperto. Quello che mi preme in particolare, in questi casi, è la mise en place, curate sempre bene la vostra tavola per le feste, è un benvenuto speciale per i vostri ospiti. Questi segnaposto, ad esempio sono carinissimi e semplici da realizzare e poi ognuno avrà il suo dolcino, da mangiare subito o da portare via, i bimbi li adoreranno...ma anche i più grandi golosi come me! Quest'anno per la Pasqua ho pensato ad un menù molto semplice, quasi frugale che si addice bene ad un pranzo informale con gli amici, niente di particolarmente elaborato, perfetto per chi ha poco tempo e ci tiene a fare una bella figura. Spero di non deludervi e di regalarvi qualche idea da copiare! L'appuntamento è per domani, siete pronti a sedervi a tavola?


Ingredienti per 12 cupcakes circa:

  • 125g di yogurt intero
  • 200g di farina
  • 180g di zucchero
  • 2 uova
  • 100ml di olio di semi
  • 1 bustina di lievito vanigliato
  • qualche goccia di estratto naturale di vaniglia

Per la ganache di cioccolato al latte:

  • 250g di cioccolato al latte (io ho usato Lindt, che ve lo dico a fare???)
  • 125ml di panna fresca
  • 70g di burro
  • ovetti o confetti colorati per decorare
  • bandierine o altre etichette per il nome



Procedimento:

1) Preparate la base: Mettete in un recipiente o nella planetaria gli ingredienti nell'ordine esatto in cui sono scritti e poi lavorate con le fruste per alcuni minuti finchè il composto non sarà omogeneo e ben areato. 
2) Porzionate negli stampini ricoperti con i pirottini di carta in modo da riempirli per 2/3. Infornate subito a 180° per circa 15 minuti, finchè non saranno ben cotti e dorati. Lasciate raffreddare. Otterrete ,con questa quantità di impasto, più di 12 muffins, quelli rimasti senza ganache io li ho riposti in freezer per future colazioni o merende.
3) Nel frattempo preparate la ganache di cioccolato: fondete il cioccolato sulla fiamma dolce con la panna e il burro, mescolate molto bene finchè non otterrete una crema liscia a lucida. Mettete a raffreddare. Quando sarà completamente fredda montatela con le fruste elettriche finchè non sarà ben gonfia e spumosa. Distribuitela sui muffins preparati aiutandovi con una sac a poche con la punta a stella. Finite di decorare con gli ovetti e le bandierine/etichette su cui scriverete il nome dei commensali.


venerdì 18 marzo 2016

Frolline al cacao con crema di speculoos


Buongiorno e buon venerdì a tutti! Come state? Cosa vi ha lasciato questa settimana? A me, devo dire, soddisfazioni e lavoro ma anche un po' di stanchezza...ma non ci facciamo abbattere per così poco, anche perchè oggi è il compleanno del mio bimbo e domani ci sarà una bella festa per lui, 8 anni, ma come sono passati in fretta!!! Io ovviamente sarò occupata a preparare un bel po' di cose già da oggi, quindi...giornata piena! Vi lascio con l'ultima ricetta di questa carrellata sulle crostate. Penso di poter dire senza dubbio la più particolare, per la presenza di questa crema da acquolina. La crema di Speculoos era nella Degustabox di febbraio, il pacco sorpresa di cui vi ho già parlato più volte e per me è stato amore a prima vista! Ho deciso di realizzare delle crostatine friabili con questo cuore ricco, goloso e soprattutto cremoso...una goduria! Avete visto che belle scoperte ogni mese con Degustabox? Non siete ancora abbonati? Fatelo QUI! Auguro a tutti un buon week-end! A lunedì con le ricette di Pasqua!


Ingredienti per 6 frolline:

Per la frolla:
- 170g di farina
- 30g di cacao in polvere
- 100g di zucchero
- 100g di burro salato
- 1 uova
- qualche goccia di estratto naturale di vaniglia
- 1 pizzico di sale



Procedimento:

1) Preparate la pasta frolla al cacao: In un recipiente lavorate la farina, il cacao e lo zucchero con il burro freddo tagliato a cubetti fino ad ottenere un composto sbriciolato, aggiungete quindi l’uovo e la vaniglia. Continuate a lavorare velocemente. Impastate fichè il composto non sarà omogeneo e compatto, riponete in frigorifero per almeno 30 minuti.
2) Stendere circa metà della frolla preparata in uno strato sottile (circa 0,5cm) e con l’aiuto di un taglia pasta, ricavate dei dischi di frolla con cui andrete a foderare 6 stampini per crostatine precedentemente imburrati ed infarinati. Bucherellate la pasta con i rebbi di una forchetta e farcite con la crema di speculoos a creare uno strato ricco (circa 1 cm-1,5 cm di spessore) e omogeneo. 
3) Con la frolla rimasta create dei lunghi salamini regolari con cui andrete a decorare le crostatine formando la classica maglia incrociata delle crostate. Fate attenzione a premere bene la pasta nei bordi in modo che le striscioline rimangano ben attaccate alla base.
4) Infornate a 180° per circa 20-30 minuti, finchè le crostatine non saranno ben cotte e fragranti. Lasciatele raffreddare e servitele. Sono un ottima merenda per i bimbi, provatele con un bicchiere di latte freddo.

giovedì 17 marzo 2016

Crostata al budino (o crostata "budinosa")


E' proprio vero che i figli vengono al mondo con il loro carattere e la loro personalità. Noi genitori li formiamo, spesso riscontriamo in loro caratteristiche in cui ci rispecchiamo ma altre volte li scopriamo totalmente diversi da noi. Questo per me è affascinante se pur faticoso perchè spesso per capirli dobbiamo fare uno sforzo in più, tutto ciò che ci è estraneo è nuovo e da scoprire. Margherita è la mia bimba di 10 anni. Si sta avvicinando all'adolescenza e scorgo già in lei aria di cambiamento, anche se è proprio una "bambinona", ama giocare sopra ogni cosa. Difficilmente si apre raccontandomi quello che prova o sente, quasi mai mi fa parte degli episodi più o meno sgradevoli che capitano a scuola, questo suo lato ermetico è molto distante dal mio essere ed io cerco di decifrare senza però essere invadente, non fa parte di me. Capisco di essere il suo punto di riferimento da piccole grandi cose, ultimamente, ad esempio mi fa trovare dei bigliettini sul comodino, degli scritti dai contenuti diversi ma con lo stesso messaggio: ti voglio bene, ho bisogno di te.
L'altra sera ho trovato questa poesia scritta di suo pugno e voglio condividerla con voi, anche se non lo faccio mai, preferisco tenere queste cose per me, ma mi ha davvero toccato il cuore.


Mamma
Come la gioia è la mamma
che cala il tono di voce.
Corica la coperta sul letto, 
ovunque passa è ammirata.
Fischia una dolce melodia,
illumina l'ambiente,
sconvolge tutti,
caccia il gatto dalle piante.
Poi stanca si addormenta in un sonno profondo.

M.


Ingredienti per 8 persone (una tortiera da 24cm di diametro):

Per la frolla:
- 200g di farina
- 100g di zucchero
- 100g di burro salato
- 1 uovo
- qualche goccia di estratto naturale di vaniglia

Per il ripieno:
- 1 busta di preparato per budino a piacere

- 500ml di latte intero

- zuccherini colorati (a piacere)


Procedimento:

1) Preparate la pasta frolla: In un recipiente lavorate la farina e lo zucchero con il burro freddo tagliato a cubetti fino ad ottenere un composto sbriciolato, aggiungete quindi l’uovo e la vaniglia. Continuate a lavorare velocemente. Impastate finchè il composto non sarà omogeneo e compatto, riponete in frigorifero per almeno 30 minuti.
2) Stendere la frolla preparata in uno strato sottile (circa 0,5cm) e foderare una tortiera precedentemente imburrata ed infarinata. Bucherellate la pasta con i rebbi di una forchetta e sistemateci sopra un foglio di carta da forno con dei fagioli secchi. Infornate il guscio di pasta frolla a 180° per 10 minuti. Eliminate quindi i fagioli e la carta forno e continuate la cottura per altri 10-15 minuti, finchè la frolla non sarà ben cotta e dorata. Lasciate raffreddare completamente.
3) Preparate il budino seguendo le indicazioni riportate sulla confezione, di solito il preparato va sciolto nel latte freddo e poi portato ad ebollizione sempre mescolando. Quando il budino sarà pronto lasciatelo intiepidire per alcuni minuti e versatelo nel guscio di pasta frolla molto delicatamente facendo attenzione a non sovrastare la pasta frolla.

4) Lasciate solidificare il budino a temperatura ambiente e decoratelo a piacere con degli zuccherini colorati. Questa ricetta è perfetta per la merenda dei bambini. Se non la consumate subito, conservatela in frigorifero.

mercoledì 16 marzo 2016

Crostata semi-integrale con crema di zucca e spezie


Come da pronostico oggi neve! Più che altro qui c'è una bufera...è un vero colpo di coda di questo inverno mancato. Di solito non amo l'inverno, nè la neve, ma quest'anno sono felice di vederla, sono lieta di pensare che pulisca l'aria sporca delle nostre città, era ora! Ma veniamo a noi, in questa giornata così fredda non mi sentirò in colpa per proporvi questa crostata che ha come protagonista la zucca, ormai arrivata a fine stagione. Devo dire, anzi che questa ricetta è l'ideale se avete ancora qualche zucca da smaltire, che non è molto gustosa. Continua quindi questa serie di crostate e crostatine cremose, quella di oggi è rustica, la classica ricetta di campagna che non delude. Assolutamente da provare!


Ingredienti per 8 persone (una tortiera da 24cm di diametro):

Per la frolla (io ho utilizzato 200g di farina di grano tenero macinata a pietra Cuoredì):
- 100g di farina 00
- 100g di farina integrale
- 100g di zucchero
- 100g di burro salato
- 1 uovo
- la scorza grattugiata di un limone bio

Per la farcia:
- 450g di polpa di zucca a cubetti
- 2 uova leggermente sbattute
- 185g di zucchero di canna
- 80ml di panna fresca
- 1 cucchiaio di brandy
- ½ cucchiaino di zenzero in polvere
- ½ cucchiaino di noce moscata
- ½ cucchiaino di cannella in polvere


Procedimento:

1)      Preparate la pasta frolla semi-integrale: In un recipiente lavorate le due farine e lo zucchero con il burro freddo tagliato a cubetti fino ad ottenere un composto sbriciolato, aggiungete quindi le uova e la scorza di limone. Continuate a lavorare velocemente. Impastate fichè il composto non sarà omogeneo e compatto, riponete in frigorifero per almeno 30 minuti.
2)      Cuocete la zucca a vapore finchè non sarà tenera, riducetela a purea e lasciatele raffreddare completamente.
3)      Montate le uova con lo zucchero di canna, aggiungete quindi la zucca fredda, la panna, il brandy e le spezie che avrete precedentemente tostato per qualche istante in un pentolino. Il composto ricavato sarà piuttosto liquido ma in cottura si solidificherà diventando cremoso.
4)      Stendete la frolla preparata in uno strato sottile (circa 0,5cm) e foderate una tortiera precedentemente imburrata (con i 30g di burro) ed infarinata (basterà 1 cucchiaio circa di farina). Eliminate l’eccesso di pasta frolla e bucherellate la pasta con i rebbi di una forchetta.
5)      Versate la crema di zucca nel guscio di frolla ed infornate a 180° per circa 60 minuti, finchè la crema non si sarà ben rappresa (se vedete che la crostata si brunisce troppo continuate la cottura coprendola con un foglio di alluminio). Lasciate raffreddare completamente prima di servire.

martedì 15 marzo 2016

Crostatine di mele con crema alle mandorle


Buongiorno ragazzi, che bella giornata di sole! Godiamocela allora, qui domani è prevista neve e quindi, anche se sarà una giornata carica di impegni professionali (ho una scadenza per il giornale che incombe!) voglio comunque riuscire a mettere la testa fuori in giardino per qualche minuto...si capisce che ho voglia di primavera? 
Come vi avevo anticipato ieri, questa settimana proseguirà in dolcezza. Vi lascio quattro ricette di crostate e crostatine tutte da stampare e da gustare. Cominciamo da questa, con le amate mele e una delicatissima crema di mandorle al profumo di limone...davvero ottime e poi, non sono carine? Se le servite per un tè fate una splendida figura! E' solo l'inizio, fino a venerdì ci sarà da divertirsi, io adoro le crostate e voi?


Ingredienti per 8 persone:

Per la pasta frolla:
- 200g di farina
- 100g di burro
- 100g di zucchero
- 1 uovo
- la scorza grattugiata di un limone bio
- 1 pizzico di sale

Per la crema:
- 75g di zucchero
- 100g di panna
- 2 uova
- il succo e la scorza di un limone bio
- 2 cucchiai di farina di mandorle

- 2 mele
- 1 cucchiaio di zucchero a velo


Procedimento:

1) Preparate la pasta frolla: Nel mixer o nella planetaria lavorate il burro freddo a cubetti con la farina, lo zucchero e il sale, finchè non si otterrà un composto sbriciolato. Aggiungete la scorza di limone grattugiata e quindi l'uovo leggermente sbattuto, lavorate velocemente finchè non ricaverete una palla. Coprite con la pellicola e mettete in frigorifero per almeno 30 minuti.

2) Nel frattempo preparate la crema alle mandorle: montate le uova con lo zucchero fino ad ottenere una spuma chiara e gonfia, aggiungetevi poi la panna, il succo e la scorza di limone e la farina di mandorle. Il composto ottenuto risulterà piuttosto liquido ma si solidificherà in cottura raggiungendo una consistenza cremosa.

3) Togliete la frolla dal frigorifero, stendetela su un piano infarinato in uno strato sottile e foderatevi degli stampi per crostatine imburrati ed infarinati. Bucherellate il fondo della pasta con i rebbi di una forchetta.

4) Mondate le mele, tagliatele in 4 spicchi e praticate tanti tagli su ogni spicchio lasciandolo però unito alla base. Sistemate quindi le parti di mela, una per ogni crostatina, al centro. Distribuite la crema di mandorle preparata tra le varie crostatine ed infornate a 180° per circa 20-30 minuti, finchè le tortine non saranno ben cotte e dorate. Lasciatele raffreddare e spolverizzate a piacere con lo zucchero a velo. Servite.

lunedì 14 marzo 2016

Essenza: Salmone affumicato al tè nero



Buongiorno amici, ben ritrovati! Come state? Siete, come me, stropicciati e impigriti dal week-end? Bene, la soluzione è un bel centrifugato ricco di vitamine e un pranzo leggero. Oggi vi vengo in aiuto io con il nostro appuntamento del lunedì. Vi avevo già parlato dei fantastici tè Teavivre QUI e QUI. Oggi ho voluto sperimentare uno dei loro tè, il Keemun Black Tea per un piatto salato, l'ho utilizzato per affumicare il filetto di salmone e devo dire che l'esperimento è riuscito con successo. Il tè conferisce un deciso sapore di fumo e aromatizza in modo particolare il salmone. Il risultato sarà quindi un piatto leggero e davvero sofisticato. Accompagnate il pesce con un'insalatina fresca e il gioco è fatto! State leggeri oggi che poi ci aspetta una settimana dolcissima!! Stay tuned!


Ingredienti per 2 persone:

  • 400g di filetto di salmone
  • 30g circa di tè nero (io Keemun Black Tea - Teavivre)
  • olio extravergine d'oliva
  • sale
  • pepe



Procedimento:

1) Tagliate il salmone in due tranci uguali. In una padella scaldate un filo d'olio e fatevi rosolare il salmone dalla parte della pelle per alcuni minuti, finchè non diventerà croccante.
2) Girate quindi il salmone per qualche istante dall'altro lato solo per dorarlo, rigirate e regolate di sale e di pepe, togliete dalla fiamma.
3) Scaldate il tè nero sul fondo di un wok, quando comincerà a fumare adagiate il salmone nell'apposita griglia che va ancorata al bordo del wok e coprite con il coperchio. Finite la cottura dentro il wok in modo che il pesce finisca di cuocerci lentamente mentre si aromatizza con il tè (aprite le finestre, ci sarà parecchio fumo!!).
4) Servite il salmone con un filo di olio a crudo, delle fette di limone, qualche fogliolina di tè nero e un'insalata mista colorata.