venerdì 23 dicembre 2016

Dolce di Natale con la frutta candita e Tanti Auguri ★


Buongiorno! Ma siamo arrivati al 23 di dicembre! Non sono uscita di senno è che ogni anno per me arrivare a Natale con tutto fatto e tutto che funziona: pranzo pronto, regali fai date fatti, look più o meno decente, due parole con il cuore per mio marito in un bigliettino, tutto pronto per i bambini, gli auguri agli amici, un ultimo post sul blog, è una vera magia! Dai che ce la faccio anche quest'anno!! Bene, prima dei saluti vi lascio un'ultima ricetta per il 2016, un dolce ovviamente, per finire in bellezza. Voglio ricordare questo surreale 2016, per me è stato forse il primo anno, dopo tanti faticosi, che rimarrà per sempre nella mia memoria come un'oasi di serenità e creatività. Non sono mancati momenti tristi e periodi di bassa marea ma questo fa parte di questo gioco meraviglioso che si chiama vita. Non posso che augurarmi tanti anni come questo, anche se le cose stanno già cambiando velocemente e io non voglio fermarle, non è da me. Mi riprometto invece di conservare la positività e l'equilibrio che ho conquistato, anche davanti alle difficoltà sto imparando a non abbattermi troppo, a volte basta fermarsi a guardare dalla finestra e il panorama non ci sembra poi così grigio e comunque lo vediamo cambiare in fretta, spesso più velocemente di quanto ci saremmo aspettati. Ok, basta con queste riflessioni e avanti con i buoni propositi!! Per il 2017 il mio proposito è...mangiare meno dolci!! Buhahahaha!! Non ce la farò mai! Ecco a voi la ricetta e l'augurio sincero di buone feste e di un 2017 di qualità, fatto di piccole cose preziose, di grandi affetti e di momenti veri. Io ci sarò, sempre qui, buona vita!


Ingredienti per uno stampo da 20cm di diametro:


  • 300g di farina
  • 100g di fecola di patate
  • 4 uova
  • 200g di zucchero
  • 150g di burro
  • 30g di uvetta sultanina
  • 50g di scorzette di arance candite a cubetti
  • 100g di ciliegie candite
  • 1 limone bio
  • 1/2 cucchiaino di cannella
  • 1 bustina di lievito vanigliato
  • 100ml di liquore all'arancia (o brandy/rum)
  • 1 pizzico di sale

 Per la glassa:

  • 5 cucchiai circa di zucchero a velo
  • 2 cucchiai circa di succo di limone


  • Confettini argentati e dorati per decorare



Procedimento:

1) Mettete l'uvetta in ammollo nel liquore all'arancia.
2) Montate il burro ammorbidito con lo zucchero, aggiungete quindi le uova, sempre montando, e poi la farina setacciata con il sale.
3) Scolate l'uvetta e infarinatela, infarinate anche le scorzette di arancia e le ciliegie candite e incorporate il tutto all'impasto. 
4) Aromatizzate con la scorza di limone e la cannella e infine regolate la consistenza dell'impasto aggiungendo poco per volta, un po' del liquore di arancia delle uvette. Potrebbe essere troppo tutto, quindi unitelo un po' per volta fino ad ottenere la giusta consistenza. Per ultimo aggiungete il lievito.
5) Versate il composto in una tortiera a cerniera da 20cm di diametro precedentemente imburrata ed infarinata. Infornate a 180° per circa 45/50 minuti, finchè non sarà ben cotta e dorata. Lasciate raffreddare.
6) Preparate la glassa mescolando lo zucchero a velo con il succo di limone (aggiungete 1 cucchiaio di succo di limone per volta e mescolate finchè la glassa non avrà la giusta consistenza, dovrà avere un bel colore bianco e dovrà "tirare", altrimenti risulterà troppo fluida e trasparente.
7) Versate la glassa sul dolce freddo, aspettate che si assesti senza asciugarsi (basteranno pochi minuti) e decorate con i confettini. Lasciate indurire la glassa e servite.



lunedì 19 dicembre 2016

Lonza di maiale farcita con prosciutto di Praga e parmigiano


Ed eccoci arrivati alla settimana di Natale, i ritmi si fanno frenetici, cose da finire al lavoro prima della parentesi vacanziera invernale, recite scolastiche dei bambini, regali da acquistare, addobbi da preparare, centrotavola da prenotare, menù da stilare, spesa, spesa e ancora spesa! Io ho deciso di vivere un po' alla giornata per non farmi trascinare da tutto questo, mi sono preparata un programma e mi concentro sulle incombenze giornaliere senza andare oltre, servirebbe solo ad angosciarmi! Non sono una grande fan del Natale ma forse questo ve l'ho già detto...comunque, ecco uno spunto per un secondo semplice da preparare ma squisito, quelle ricette perfette per le feste, le metti in forno e te le dimentichi (non nel vero senso della parola, mi raccomando!! Programmate il timer :)!). Dai, tenete duro...ancora qualche giorno e poi il meritato riposo!!


Ingredienti per 6/8 persone:

  • 1 Kg di lonza di maiale
  • 150g di prosciutto di Praga affettato
  • 150g di parmigiano in un pezzo o in scaglie
  • olio extravergine d'oliva
  • sale
  • pepe



Procedimento:

1) Massaggiate la lonza con il sale e pepe, praticate poi dei tagli ogni 2 cm circa uno dall'altro ma senza arrivare proprio fino in fondo e insaporite la carne con sale e pepe anche tra i tagli.
2) Farcite l'arrosto inserendo nei tagli fette di prosciutto e scaglie/fettine sottili di parmigiano. Legate bene la lonza con lo spago da cucina in modo che nulla possa uscire e sistematela in una pirofila da forno unta. Finite con un filo d'olio e infornate a 170° per circa 1 ora e mezza bagnando di tanto in tanto con il fondo di cottura. 
3) Lasciate intiepidire, affettate non troppo finemente e servite con il liquido di cottura e un contorno rustico. 

giovedì 15 dicembre 2016

Ravioli alla burrata con cime di rapa, colatura di alici e cedro limone...Christmas Edition!


Finalmente un pensiero per questo Natale in arrivo, tra i vari impegni l'ho proprio trascurato, vi ho trascurato un po', lo ammetto, perdonatemi!! Comincio dal primo piatto, poi chissà come andrà, in questi giorni l'istinto mi guida più del solito e io lo assecondo, come sempre. Complice nella realizzazione di questa ricetta, che ho amato subito, è la colatura di alici Zarotti, un vero elisir di mare. Protagonisti di un pranzo di Natale originale e sofisticato o di una cena della Vigilia chic, questi ravioli andranno a ruba e rimarranno nel cuore dei vostri commensali. Un ottimo inizio direi...abbiate fede, gli spunti per il menù delle feste non finiscono qui! Stay tuned!!


Ingredienti per 4 persone:

  • 2 uova
  • 200g di farina
  • 400g di cime di rapa
  • 1 spicchio d'aglio
  • 4 cucchiai circa di colatura di alici Zarotti
  • 250g di burrata
  • pangrattato
  • 1 cedro limone (o un limone bio)
  • Olio extravergine d'oliva
  • sale 
  • pepe



Procedimento:

1) Mondate le cime di rapa, lessatele in abbondante acqua bollente salata, scolatele ed immergetele in acqua e ghiaccio per preservarne il colore. Scolatele nuovamente e mettetele da parte.
2) Mettete la farina a fontana in una spianatoia e aprite al centro le uova, unite un pizzico di sale e lavorate il tutto fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Coprite con la pellicola e lasciate riposare fuori frigo per circa 15 minuti.
3) Nel frattempo sminuzzate la burrata e lavoratela finchè non sarà una sorta di crema. Salatela e aggiungete un po' di pangrattato, il ripieno ottenuto dovrà avere una consistenza morbida ma compatta.
4) Stendete la pasta con il mattarello o la macchinetta e ricavate delle sfoglie sottili. Fate i mucchietti di impasto sulla sfoglia e coprite con un'altra sfoglia, ricavate i ravioli e chiudetene bene i bordi per evitare che il ripieno fuoriesca in cottura.
5) Rosolate le cime di rapa in padella con lo spicchio d'aglio schiacciato. Cuocete i ravioli per qualche minuto in acqua bollente salata e saltateli con le cime. Togliete dal fuoco, aggiungete la colatura di alici (serviranno circa 4 cucchiai ma aggiungetela gradualmente e assaggiate), la scorza grattugiata del cedro limone (o semplice limone), sale e pepe. Mescolate bene, finite con un filo d'olio a crudo e qualche zeste di cedro e servite.

lunedì 12 dicembre 2016

Il Gattoghiotto per Ars Unica...la mia linea di tessili per la casa!



Finalmente ci siamo!! Sono davvero emozionata! Oggi la linea per la casa Il Gattoghiotto per Ars Unica è on line! Amo questo progetto nato mesi fa dalla voglia di unire il mio mondo country chic con la competenza, la qualità e la creatività di Silvia Tacconi di Ars Unica. Oltre ad essere una grandissima amica, Silvia è sempre stata una mia sostenitrice e mi ha proposto senza esitazioni di unire le forze per sviluppare una collezione che rappresentasse me, la mia campagna, la mia cucina e la mia casa. E' stato divertente condividere le idee e lavorare per realizzare qualcosa di originale, fresco e sofisticato al tempo stesso. 


Tovaglie, runner, tovagliette americane, strofinacci, grembiuli, cuscini e tanto ancora. Tutto verrà realizzato, se preferite, nei colori che più si adattano alla vostra casa, basterà contattare Ars Unica, QUI trovate tutti i dettagli. Inoltre riceverete una mia dedica, è come se un pezzetto di me arrivasse a casa vostra...adoro!!!
Ovviamente non potevano mancare le mie gallinelle che compaiono su cuscini e runner. Ma ci sono tanti altri soggetti come le mie ricette che decorano grembiuli e strofinacci.


Insomma, adesso tocca a voi visitare il sito e-commerce di Ars Unica, troverete tutta la collezione completa...ma state tranquilli che noi continueremo a creare e ad arricchire la mia linea...stay tuned!
Per il momento ci godiamo la ribalta e speriamo che voi siate pronti a condividere il nostro successo portando a casa o regalando Il Gattoghiotto, dalle 16.00 di oggi potrete scatenarvi con gli acquisti, pronti??




mercoledì 7 dicembre 2016

Focaccia veloce con carciofini, speck e fontina


Buon mercoledì a tutti, sono una sopravvissuta, per il momento! Sono in un vortice infernale di impegni di ogni genere, mi sento trasportare via dalla corrente...oddioooo!!! No, ce la faccio, ce la faccio! Il Natale è alle porte ma non ancora qui nella mia piccola casetta virtuale, ma arriverà prima o poi, abbiate fede 😝😝😝😝😝! Oggi vi propongo una golosità facile e veloce (d'altronde in questi giorni non poteva essere che così!) con la complicità di Degustabox che, insieme a tanti prodotti sfiziosi, mi ha dato la possibilità di assaggiare i buonissimi carciofini cardetti Valbona in olio extravergine d'oliva...ottimi! Lascio ricetta. Stop. Appuntamento a venerdì. Stop. Ce la posso fare. Stop. Go!!! Stop.



Ingredienti per una leccarda da forno:

  • 500g di farina
  • 300ml circa di acqua
  • 10g di sale
  • 1 cucchiaio di malto (o di miele)
  • 1 bustina di lievito di birra secco
  • 1 barattolino di carciofini cardetti Valbona in olio extravergine d'oliva (185g)
  • 60g circa di speck
  • 80g di fontina
  • olio extravergine d'oliva
  • sale grosso integrale



Procedimento:

1) In un recipiente (o nella planetaria) mescolate la farina con il sale, il malto, 3 cucchiai di olio extravergine e il lievito sciolto in poca acqua tiepida. Aggiungete quindi acqua poco per volta lavorando gli ingredienti fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico ma non troppo compatto. Mettetelo a riposare al caldo (se avete fretta va bene anche in forno a 50°) per circa 1 ora finchè non avrà raddoppiato di volume.
2) Stendete il tutto in una teglia da forno rettangolare unta con olio extravergine d'oliva e fate nuovamente riposare al caldo per 30 minuti circa.
3) Preparate un'emulsione con dell'olio extravergine e dell'acqua fredda usando una frusta e distribuitela sulla focaccia (io ho utilizzato l'olio extravergine dei carciofini). Farcite con la fontina tritata, con i carciofini e lo speck a pezzetti, cospargete a piacere con qualche granello di sale grosso e infornate a 220° per circa 20/30 minuti, finchè la focaccia non sarà ben cotta e dorata. Sfornate e servitela calda.


venerdì 2 dicembre 2016

Cavolfiore arancione al tandoori masala


Si finisce in leggerezza e in gusto...non poteva che essere così questa settimana! Non sto a dirvi quanti impegni!! Quasi tutti stimolanti per la verità. I miei corsi di cucina che sono decollati, nuove proposte di collaborazione, nuovi progetti che sono alle porte di cui non posso dirvi ancora nulla...insomma tanta robbaaaa! L'unica cosa che vi posso svelare è la ricetta facilissima di questo cavolfiore. Buon week-end my friends!!!


Ingredienti per 4 persone:
  • 1 cavolfiore arancione (va bene anche quello bianco o verde)
  • 3 cipolle rosse fresche (cipollotti)
  • 1 cucchiaino generoso di tandoori masala
  • Qualche foglia di prezzemolo
  • 1 manciata di pinoli tostati
  • Olio extravergine d'oliva
  • sale (io fiocchi di sale)



Procedimento:

1) Mondate il cavolfiore e tagliatelo a fette. Sistematelo in una teglia da forno. 
2) Aggiungetevi i cipollotti a spicchi e cospargete con sale e tandoori masala. Irrorate con olio extravergine d'oliva e infornate a 200° finchè il cavolfiore non sarà ben cotto e dorato (ci vorranno circa 30 minuti). 
3) Sfornate e sistematelo in un piatto da portata. Finite con il prezzemolo fresco tritato grossolanamente e i pinoli. Servite.

mercoledì 30 novembre 2016

Essenza: Bruschette con insalata fiorita e uova pochè


Buon mercoledì gelato a tutti!! Brrr...che freddo! Ma io non mi arrendo all'inverno...si vede?? L'altra sera da Eataly ho trovato ingredienti fichissimi, tipo questa insalatina fiorita e i germogli di porro...meraviglia!! E mi sono subito proiettata nella bella stagione!! Ho pensato a qualcosa da realizzare per la mia rubrica Essenza, una ricetta leggera con gusto, un'esplosione di gusto!! Piace?? Spero di sì! Auguro un buon mercoledì colorato a tutti e abbiate fede, la rubrica prima o poi tornerà il lunedì, basta crederci...buhahahahaha!! Oggi sono un po' matta...bye!


Ingredienti per 2 bruschette:

  • 2 fette di pane casereccio ai semi o ai cereali
  • insalatina fiorita (se non la trovate potete farla voi usando la misticanza e aggiungendo fiori eduli)
  • 2 uova
  • germogli di porro (facoltativi)
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • olio extravergine d'oliva
  • sale



Procedimento:

1) Tostate le fette di pane su una griglia unta e ben calda finchè non saranno croccanti.
2) Versate il succo di limone in un barattolo e aggiungete olio extravergine d'oliva e sale. Chiudete bene e scuotete energicamente ottenendo un'emulsione.
3) Prendete due quadrati di pellicola per alimenti da 30cm circa per lato. Spennellateli con poco olio d'oliva e rompete al centro di ogni quadrato un uovo facendo attenzione a non romperlo. A questo punto chiudete gli angoli del vostro quadrato e sigillate bene l'uovo girando la pellicola (o utilizzando uno spago) e ottenendo un pacchettino (non deve contenere aria, la pellicola deve solo avvolgere l'uovo che in questo modo assumerà cuocendo la forma classica dell'uovo in camicia o pochè).
4) Cuocete le uova nella pellicola immergendole in acqua bollente per circa 3 minuti.
5) Sistemate il pane su un piatto da portata, distribuitevi sopra l'insalatina e conditela con la citronette preparata. Posate le uova pochè, precedentemente liberate dalla pellicola, sopra all'insalata e finite con i germogli di porro e un filo d'olio. Servite.

lunedì 28 novembre 2016

Brioches ai cachi e uvetta


Buongiorno a tutti! Come vedete anche questa settimana la programmazione è un po' sballata e si comincia dal dolce, ma noi, che siamo istintivi e poco avvezzi a schemi e regole rigide, ce ne freghiamo e prendiamo quello che arriva così, a cuor leggero, dico bene??
Ok, detto questo passerei alla ricetta. Il mio vicino ogni anno ci fa dono di un cesto pieno di cachi bio della sua pianta. Un dono davvero gradito. Purtroppo però a casa, nessuno, tranne me, ama i cachi e quindi, sistematicamente, mi tocca trovare delle ricette per far sì di non sprecarli e di farli mangiare a tutta la famiglia. In rete ho scovato QUESTA ricetta che con qualche modifica mi è stata molto utile per realizzare con successo queste brioches così graziose, morbide e fragranti. Nel lasciarvi dosi e procedimento vi auguro che anche la vostra settimana possa cominciare in dolcezza. Un abbraccio.


Ingredienti per 12 brioches circa:
  • 500g circa di farina 00
  • 75g di latte intero
  • 2 uova
  • 100g di zucchero di canna (io zucchero di canna integrale)
  • 3 cucchiai circa di uvetta
  • 50g di burro
  • 12g di lievito di birra fresco
  • 200g circa di polpa di cachi frullata
  • 1 limone bio
  • 1 pizzico di sale



Procedimento:

1) Stemperate il lievito di birra nel latte tiepido e aggiungete 75g della vostra farina, mescolate velocemente, coprite con la pellicola e fate riposare al caldo per circa 1 ora. Nel frattempo mettete l'uvetta in ammollo in acqua.
2) Unite al preimpasto preparato la polpa dei cachi, 1 uovo e i 3/4 circa della farina che vi è rimasta. Lavorate il tutto nella planetaria o a mano finchè non otterrete un impasto omogeneo. Aggiungete quindi lo zucchero di canna, l'albume dell'uovo rimasto e due cucchiai della farina restante. Continuate ad impastare con energia finchè il tutto non sarà coeso. 
3) Aggiungete in ultimo il burro tagliato a piccoli cubetti, il sale, la scorza di limone grattugiata e infine l'uvetta scolata e leggermente infarinata (tenete da parte a piacere qualche chicco di uvetta da disporre sopra le brioches), amalgamate il tutto.
4) Trasferite l'impasto su una spianatoia infarinata (con la farina rimasta) e lavoratelo creando un panetto. Mettetelo a lievitare al caldo per circa 1 ora finchè non sarà raddoppiato di volume.
5) Ricavate dal vostro impasto delle palline di circa 75g l'una, fatene dei salamini e arrotolateli dentro alle formine dei muffins precedentemente imburrate. Spennellate con il tuorlo d'uovo rimanente (io l'ho allungato con un pochino di latte), disponete garbatamente sulle brioches i chicchi di uvetta tenuti da parte e lasciate ancora lievitare per circa 30 minuti.
6) Infornate le brioches a 180° per circa 30 minuti, finchè non saranno ben cotte e dorate. Lasciatele raffreddare su una griglia e servitele. 

domenica 27 novembre 2016

Buona domenica!


Vi piace la mia spesa? Galeotta fu una serata da Eataly dove ho acquistato compulsivamente stranezze molto green con cui fare le ricette che pubblicherò nelle prossime settimane...curiosi?? Abbiamo delle radici daikon, un cavolfiore arancione, delle patate dolci, patate viola, rape bianche, dei pak choi, del cedro limone, ravanelli, uova bianche e uova di quaglia ma ho acquistato anche altro e allora stay tuned e buona domenica a tutti!! Qui si cucina!!! Go!

mercoledì 23 novembre 2016

Essenza: Insalata di polpo, lenticchie nere beluga e arancio


Lunedì niente ricetta leggera ma oggi recuperiamo con questa bellissima insalata un po' black. Adoro le consistenze che si alternano, i sapori che si fondono, il profumo di arancio che rinfresca ulteriormente questo piatto. Devo dire che amo i legumi e le lenticchie sono tra i miei preferiti, in ogni loro declinazione. Questa qualità, le lenticchie nere beluga, sono bellissime, oltre ad essere molto buone. Una ricetta che mi fa pensare un po' all'estate, forse perchè qui continua a piovere a dirotto...uff. Tornerà il sole prima o poi...nooo??? 


Ingredienti per 4 persone:

  • 1 polpo (1 Kg circa) già pulito
  • 200g di lenticchie nere (io lenticchie nere beluga Melandri-Gaudenzio)
  • 2 arance bio
  • 1 cipolla fresca rossa 
  • 3 cucchiai di olive taggiasche 
  • 1 cucchiaio di capperi dissalati
  • olio extravergine d'oliva
  • sale



Procedimento:

1) Immergete il polpo in abbondante acqua bollente salata e cuocetelo per circa 45 minuti. Lasciatelo raffreddare nella sua acqua. Scolatelo e tagliatelo a pezzi non troppo piccoli. Mettetelo da parte.
2) Lessate le lenticchie in acqua bollente salata seguendo le indicazioni riportate sulla confezione (ci vorranno circa 15-20 minuti). Scolatele e passatele in acqua fredda per bloccarne la cottura.
3) Unite il polpo alle lenticchie, aggiungete le olive taggiasche, i capperi e gli spicchi di 1 arancio pelati a vivo.
4) Preparate una vinaigrette con il succo dell'arancio rimasto, l'olio extravergine e il sale, emulsionate bene e condite l'insalata di polpo. Finite con della scorza di arancio grattugiata e un filo d'olio. Servite.


lunedì 21 novembre 2016

Finalmente meringhe! ❤


Vi aspettavate la ricetta light stamattina, vero?? Sorpresa!!! Si comincia in dolcezza. Ne ho proprio bisogno, sono reduce da un week-end entusiasmante e impegnativo. Sabato mattina c'è stato il mio primo corso di cucina sui finger food, ho avuto la fortuna di trovare una classe di allievi interessati e collaborativi con i quali ho trascorso una mattinata divertente e creativa...grazie a loro la tensione per la mia prima "performance"come docente è sparita di colpo!! Poi domenica ho festeggiato i 90 anni di mio nonno e ho preparato una bella torta (questa) per 40 persone. Quindi le meringhe me le merito tutte! Devo confessarvi che avevo provato diverse volte a farle con risultati deludenti. Finalmente sono riuscita nel mio intento e sono stata davvero soddisfatta del risultato ottenuto. Sono una tipa caparbia, amo pensare che i miei punti di debolezza diventeranno un giorno i miei punti di forza, voglio migliorarmi, imparare e esorcizzare le mie paure e i miei limiti, sono convinta che solo così si può crescere! Vi auguro una dolcissima settimana!


 Ingredienti per 30 meringhe circa:

  • 100g di albume a temperatura ambiente
  • 100g di zucchero semolato
  • 100g di zucchero a velo
  • qualche goccia di succo di limone
  • qualche goccia di colorante in gel (facoltativo)



Procedimento:

1) Setacciate lo zucchero a velo e unitelo a quello semolato.
2) Montate gli albumi finchè non saranno spumosi, aggiungete quindi metà dello zucchero, poco per volta, fate montare bene e aggiungete la restante quantità di zucchero, sempre un cucchiaio per volta. Continuate a montare con le fruste.
3) Unite quindi qualche goccia di succo di limone e del colorante (a piacere), sempre continuando a lavorare l'impasto con le fruste. Il risultato dovrà essere un composto lucido e ben montato.
4) Distribuite le meringhe in una leccarda foderata con carta forno aiutandovi con una sac a poche. Cuocete le meringhe in forno caldo a 110° per circa 30/50 minuti (dipende dalla grandezza delle vostre meringhe), controllate di volta in volta se si sono asciugate dentro e che non siano ancora morbide. Ricordatevi che non dovranno dorarsi durante la cottura. Le mie le ho cotte per circa 50 minuti (forse qualcosina in più). Spegnete quindi il forno e lasciatele raffreddare lì dentro in modo che si asciughino bene. Se avete paura che con il forno spento si generi troppo vapore all'interno, lasciate lo sportello leggermente aperto aiutandovi con un cucchiaio di legno. Conservate le meringhe in un barattolo o in una scatola di latta. 


venerdì 18 novembre 2016

Sweet friday: Ciambella yogurt e frutti rossi


Il post di oggi voglio dedicarlo alle amicizie vere, così difficili da trovare ma così preziose. Ho pochissime amiche, sono una persona selettiva ma i rapporti che sono riuscita ad instaurare resistono alla distanza e, ho scoperto, anche al tempo. Lo scorso week-end ho incontrato, dopo tanti anni, due amiche delle scuole superiori. Eravamo un trio e insieme, all'epoca, ne abbiamo combinate parecchie! E' stato bellissimo scoprire che non è cambiato nulla e che dopotutto siamo ancora le stesse ragazze di allora. Quante risate ci siamo fatte e quanti ricordi sono riaffiorati nella mia mente! Poi ci sono le amiche lontane, io ne ho due a cui voglio un gran bene, Roma e Milano. Poi l'amica del cuore con cui, anche se non ci si vede spessissimo, si riesce a condividere problemi, ansie e preoccupazioni, indispensabile. Poi ci sono le ex colleghe, con loro ho condiviso un bel pezzo di strada, tutte le mattine ci scambiamo il "buon giorno"su whatsapp e guai se manca!! Infine ci sono nuove amicizie che si stanno facendo strada nel mio cuore piano piano, chissà...
A tutte le mie amiche voglio augurare un buon week-end...questo sweet friday è per voi!!


Ingredienti per una torta o una ciambella da 24cm di diametro:

  • 125g di yogurt bianco intero
  • 250g di farina
  • 200g di zucchero
  • 2 uova
  • 150g di olio di semi
  • qualche goccia di estratto naturale di vaniglia
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 40g di lamponi essiccati
  • 40g di ciliegie essiccate
  • zucchero a velo


Procedimento:

1) Mettete i frutti rossi in ammollo in acqua per circa 10 minuti.
2) Versate nella planetaria o in un recipiente lo yogurt, aggiungete quindi la farina, lo zucchero, le uova, l'olio di semi, la vaniglia ed infine il lievito. Lavorate il tutto con le fruste elettriche fino a che non otterrete un composto gonfio e ben areato. Scolate i frutti rossi ed incorporateli al composto ottenuto.
3) Versate in uno stampo da ciambella precedentemente imburrato ed infarinato. Infornate a 180° per circa 40 minuti, finchè la ciambella non sarà ben cotta e dorata. Sfornate e lasciate raffreddare. Spolverizzate a piacere con lo zucchero a velo.