martedì 30 dicembre 2014

Baccalà mantecato con marmellata di clementine e Buon Anno!


Di quest'anno che se ne va posso dire che avrei cambiato molte cose. Potendo tornare indietro, avrei sicuramente cambiato il modo di affrontare il mio quotidiano lasciando entrare il sole molto più spesso, fermandomi a respirare l'aria fresca nei momenti di stanchezza e cercando più spazio per me e i miei affetti. Invece è stato un vero e proprio viaggio ad alta velocità, tutto in galleria e il risultato è stato questo finale di anno, al capolinea. Penso che nella vita tutto serva e anche questo momento di difficoltà, sono sicura, mi troverà più forte di prima ma ci vorrà tempo. Sicuramente mi ha aiutato a rimettere tutti i pezzi al loro posto e a ridefinire le priorità della mia vita. Non posso dimenticare però i successi raggiunti in questo 2014, le pubblicazioni sulle testate di Oggi, le importanti collaborazioni e le tante soddisfazioni ricevute dal blog. Con questi pensieri positivi voglio chiudere il 2014 e sono pronta per questo 2015 che non sarà facile ma mi troverà più matura e più consapevole. Ovviamente voglio ringraziare tutti voi che mi avete accompagnato anche quest'anno, che avete seguito le mie ricette, che mi avete letto pazientemente e che fate ormai parte del mio mondo! Un grazie speciale lo voglio riservare alle persone che nella difficoltà sono state per me un faro e che tutti i giorni mi hanno riservato un pensiero, mi hanno regalato un sorriso e mi hanno fatto sentire amata. Buon 2015 a tutti!


Ingredienti per 6 persone:

  • 500g di baccalà già dissalato
  • 3 foglie di alloro
  • qualche grano di pepe
  • 1/2 bicchiere circa di latte
  • olio extravergine
  • sale
  • pepe

Per la composta:

  • 500g di clementine senza semi biologiche
  • 200g di zucchero di canna
  • 1/2 limone

Per le cialde:

  • 3 fette di pane in cassetta
  • olio extravergine
  • semi di papavero


Procedimento:
1) Preparare la composta: Lavare le clementine e tagliarne le bucce esterne a listarelle sottili. Bollire le scorzette in acqua bollente finchè non diventeranno tenere, scolare e mettere da parte. Tagliare la polpa delle clementine a pezzettoni e farla cuocere con 200g di zucchero di canna, il succo di 1/2 limone e 200ml di acqua per circa 30 minuti, frullare il tutto, filtrare e aggiungere al succo le scorzette di clementine. Se necessario rimettere sulla fiamma fino ad ottenere la consistenza desiderata. Lasciare raffreddare.
2) Preparare il baccalà mantecato: Cuocere il baccalà dissalato in abbondante acqua bollente salata con l'alloro e il pepe finchè non sarà tenero. Scolare, eliminare la pelle (qualcuno la lascia, io ho preferito eliminarla) e mettere il baccalà nella planetaria o nel robot da cucina, aggiungere di volta in volta il latte alternato all'olio, sempre lavorando il baccalà, finchè non sarà una pasta morbida e lucida, regolare di sale e pepe.
3) Preparare le cialde: Tagliare il pane in cassetta a triangoli, assottigliarli con un mattarello, spennellarli con l'olio extravergine e cospargere con i semi di papavero. Infornare a 180° per circa 10 minuti, finchè saranno croccanti. Sfornare e lasciare raffreddare.
4) Assemblare il piatto: Mettere la marmellata alla base, posizionarvi sopra delle quenelles di baccalà mantecato e accompagnare con le cialde, decorare a piacere con le scorzette di clementine. Servire.


Buon 2015!

giovedì 25 dicembre 2014

Auguri e Canapè!


Un augurio sincero di uno splendido e sereno Natale in famiglia e un pensierino per voi, un canapè perfetto per la notte di San Silvestro. Ora un po' di meritato riposo...ci sentiamo tra qualche giorno!


Auguri di cuore!



mercoledì 24 dicembre 2014

Zuppa inglese tropicale


Buona vigilia a tutti! Allora, siete già ai fornelli? Io sto scrivendo il post tra un biscotto salato e un bignè...antipasti di Natale in preparazione! Non dimentico però di lasciarvi anche oggi uno spunto interessante per un dessert squisito da preparare con gli avanzi di panettone di Natale. E' una coppa che ricorda la zuppa inglese, infatti potete prepararlo anche in una boule di vetro più grande e servirlo a cucchiai. Gli strati sono costituiti da un curd di papaia e ananas, panettone bagnato con uno sciroppo al limoncello e panna montata. Per completare il tutto e dare un tocco croccante ho aggiunto della frutta tropicale secca (cocco, ananas, papaia e uvetta). Bene, adesso ne avete di idee per i prossimi giorni, passate una serena e gioiosa vigilia, domani ci sentiamo per gli auguri! Baci a tutti!


Ingredienti per 6 persone:
Per il curd:
  • 1/2 papaia
  • 300g di ananas già pulito
  • 4 tuorli
  • 140g di burro
  • la scorza di un limone bio
  • il succo di un limone
  • qualche goccia di essenza naturale di vaniglia
  • 100g di zucchero
  • 1 pizzico di sale

Per lo sciroppo:
  • 1 bicchiere di acqua
  • 1 bicchierino di limoncello
  • 3/4 di bicchiere di zucchero

Per la panna:
  • 400ml di panna
  • 1 cucchiaio e 1/2 di zucchero
  • 2-3 fette di panettone
  • una manciata di frutta esotica secca



Procedimento:
1) Preparare il curd: Mondare e frullare la papaia e l'ananas con lo zucchero, il sale, la scorza e il succo di limone. Sciogliere il burro e lasciare intiepidire. Sbattere leggermente i tuorli ed aggiungervi l'essenza di vaniglie ed il burro. Unirvi la purea di mango e cuocere per una decina di minuti a bagnomaria sempre mescolando, finchè la crema si sarà raddensata. A piacere, negli ultimi minuti di cottura, aggiungervi un tocco di maizena setacciata, poco alla volta, fino ad ottenere la consistenza desiderata. Lasciare raffreddare e refrigerare.
2) Preparare lo sciroppo: Fare bollire tutti gli ingredienti finchè lo zucchero non si sarà completamente sciolto, lasciare raffreddare.
3) Montare la panna con lo zucchero e assemblare le coppe (o la boule): Con l'aiuto di una sacca da pasticcere mettere sul fondo uno strato di curd, poi posizionare garbatamente uno strato sottile e regolare di panettone, bagnarlo con lo sciroppo e procedere con uno strato di panna (per la panna io ho usato una bocchetta a stella e fatto dei ciuffetti), quindi ricominciare con il curd e procedere come per il primo strato. L'ultimo strato dovrà essere la panna. Decorare a piacere con la frutta secca e servire.


Buona Vigilia a tutti!

martedì 23 dicembre 2014

Croque en bouche


Siamo arrivati al dessert, non ci posso credere, ce l'abbiano fatta! E' stata una vera e propria maratona e ora siamo alle battute finali. Tra qualche giorno il blog si prenderà una legittima pausa natalizia e ovviamente anche io che ho bisogno di riposarmi e ricaricarmi. Per il momento però si prosegue con il pranzo virtuale e ci rimangono le note dolci...c'è sempre spazio per il dolce! Questo poi è un dolce che adoro, i bignè così leggeri e cremosi che si ricoprono di un guscio di caramello croccante...una poesia! Occhio anche all'abbinamento di Sabina, anche il dolce vuole il suo vino!


Ingredienti per 4 persone:

Per la pasta choux:
  • 50g di burro
  • 50g di acqua fredda
  • 50g di farina
  • 1 uovo + 1 tuorlo
  • 1 pizzico di sale
  • 1/2 cucchiaino di lievito per dolci
Per il ripieno:
  • 250ml di panna da montare
  • 1 cucchiaio e 1/2 di zucchero a velo
  • qualche goccia di estratto naturale di vaniglia
Per il caramello:
  • 300g di zucchero



Procedimento:
1) Preparare i bignè: Tagliare il burro freddo a dadini e metterlo sulla fiamma insieme all'acqua fredda anch'essa e al sale. Quando il burro sarà completamente sciolto e bollirà aggiungere la farina in un' unica soluzione e mescolare velocemente finchè sarà tutto incorporato e il composto si staccherà dalle pareti. Togliere dal fuoco e aggiungere poco per volta (mi raccomando unire un po' e non aggiungerne altro finchè non sarà completamente assorbito) mescolando energicamente l'uovo e il tuorlo leggermente sbattuti, la massa si deve staccare dai bordi. Lavorare velocemente (volendo anche facendosi aiutare da uno sbattitore con frusta a K per una decina di minuti, a questo punto il composto sarà morbido, è normale se si attaccherà ai bordi, aggiungere il lievito, mescolare il tutto e trasferire in una sacca da pasticcere con bocchetta grande liscia. Distribuire dei piccoli gnocchetti di composto in una teglia da forno foderata con carta forno, con l'aiuto di un pennellino inumidito con acqua schiacciare leggermente le puntine che si creano quando il composto esce dalla sacca da pasticcere ed infornare in forno statico (no ventilato) a 180°/190° per circa 15/20 minuti dovranno essere cotti e dorati ma non troppo (Attenzione! Se i bignè non sono cotti si schiacciano tutti quando si apre il forno e sono da rifare!!!!). Lasciare raffreddare.
2) Montare la panna con lo zucchero a velo e la vaniglia e riempire bene i bignè aiutandosi con una sac a poche.
3) Preparare il caramello: Sciogliere lo zucchero in una casseruola antiaderente finchè non diventerà ambrato. Passarvi i bignè e lasciare raffreddare.
4) Assemblare il croque en bouche creando una grande piramide di bignè o dei mono porzione. Decorare a piacere con dei fili di caramello realizzati con il caramello avanzato (basterà passare una forchetta sul caramello che si sta addensando, tirare sù creando i fili e passarli intorno alla vostra mano, continuare così fino a creare un piccolo "nido" di fili, posarlo sul croque en bouche) e servire.


L'abbinamento di VivailVino:
Eccoci all'ultimo piatto di questo menù natalizio che ci ha portato a scoprire l'Italia dei piccoli produttori, storie di famiglie che legano anche da diverse generazioni la loro vita alla vigna e al vino, regalando a tutti gli appassionati delle vere e proprie chicche.



Immagine presa dal web

lunedì 22 dicembre 2014

Faraona ripiena di panettone al marsala


Buon lunedì gente! Il Natale si avvicina e voi, avete già il menù ben chiaro? No? E allora eccovi un'altra proposta succulenta per un secondo piatto degno della tavola delle feste. E' una faraona ripiena davvero incredibile, il suo ripieno agrodolce è ricco e lascerà tutti a bocca aperta...anzi, a bocca piena! Se avete voglia di cimentarvi potete dedicarvi voi a disossare la faraona, come ho fatto io, se invece avete molte cose da preparare potete con tutta tranquillità farvela preparare dal macellaio, a quel punto sarà molto semplice e il risultato sarà del tutto soddisfacente! Fatevi catturare dall'atmosfera natalizia! A domani con il dessert!


Ingredienti per 6 persone:

- 1 faraona disossata
- 125g di macinato di maiale
- 125g di fegatini di pollo
- 1 fetta di panettone classico (80g circa)
- 2 cucchiai di marsala
- 1 uovo
- 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
- 30g di lardo
- 2 cucchiai di rosmarino tritato
- 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
- 500ml di vino rosso
- sale
- pepe


Procedimento:

1) Preparare il ripieno: Mettere in un recipiente la carne di maiale, i fegatini di pollo precedentemente sminuzzati, il panettone sbriciolato e bagnato con il marsala, 1 cucchiaio di olio extravergine, l’uovo e il parmigiano. Mescolare energicamente il tutto fino a che il composto non sarà omogeneo. Fare riposare per una decina di minuti.
2) Riempire la faraona con il composto preparato distribuendolo omogeneamente. Ricucire con ago e filo la faraona in modo da sigillarla, legarla bene con uno spago per tenerla ben unita e trasferirla in una teglia da forno.
3) Massaggiare la superficie della faraona con sale e pepe. In una ciotola mettere il lardo sminuzzato, il rosmarino e l’olio rimasto, mescolare il tutto molto bene e distribuire sulla superficie della faraona.
4) Versare 250ml di vino rosso nella teglia con la faraona, infornare a 200° e cuocere per un’ora e mezza circa bagnando frequentemente con fondo di vino, se necessario aggiungere il vino rimanente.
6) Sfornare, lasciare intiepidire alcuni minuti poi tagliare a fette di 0,5 cm di spessore. Servire con patatine novelle al forno o con un soffice purè.


Ricordatevi di servirla con un buon bicchiere di vino rosso!

venerdì 19 dicembre 2014

Lonza di maiale all'arancia


E siamo arrivati ai secondi piatti, la prima proposta è una morbidissima lonza di maiale profumata all'arancia. Gli agrumi sono davvero uno degli ingredienti del Natale e questo secondo così succulento non puo' che viziare i vostri commensali. Un'alternativa al classico arrosto che troppo spesso compare sulla tavola delle feste. Ovviamente va accompagnato ad un buon bicchiere di vino rosso, quale? Sabinaaaaa!! Diccelo tu! Con voi l'appuntamento è per lunedì con un'altro secondo piatto sontuoso...buon week-end!


Ingredienti per 6 persone:

  • 1Kg di lonza di maiale
  • 2 cucchiaini di senape
  • 2 spicchi d'aglio
  • 2 cucchiai di scorza di arancia grattugiata
  • 2 cucchiai di burro
  • 3 arance
  • 250ml di vino bianco
  • 125ml di brodo di carne
  • 2 cucchiaini di pepe verde in salamoia
  • olio extravergine d'oliva
  • sale
  • pepe



Procedimento:
1) Mettere la lonza a marinare: In un recipiente condire la lonza di maiale con 1 cucchiaio d'olio, la senape, gli spicchi d'aglio tritati, sale, pepe e 1 cucchiaio di scorza d'arancia. Massaggiare bene la superficie della carne affinchè assorba tutti gli aromi e lasciare riposare coperta per almeno 4 ore.
2) In una casseruola scaldare 2 cucchiai d'olio con 1 cucchiaio di burro e farvi rosolare bene il maiale a fiamma viva da tutti i lati in modo da sigillare e non permettere ai succhi della carne di fuoriuscire. Sfumare con il succo di un'arancia e mezzo e con 1/3 del vino. Abbassare la fiamma e coprire, cuocere a fuoco lento per circa 2 ore aggiungendo di volta in volta, se necessario, il vino rimasto mescolato al brodo e alla scorza di arancia avanzata (sicuramente avanzerà, tenere da parte).
3) Pelare un'arancia a vivo estraendo solo la polpa, tagliarla sottilmente e farla rosolare con il burro rimasto.
4) Preparare la salsa: Quando la carne sarà cotta metterla da parte al caldo, rimettere la casseruola sul fuoco e aggiungervi la soluzione di vino e brodo avanzata, portare ad ebollizione e lasciare restringere finchè la salsa non si sarà addensata, aggiungervi il succo d'arancia rimasto, la polpa rosolata nel burro e il pepe verde, regolare di sale (attenzione, se la salsa rimarrà troppo liquida sarà sufficiente sciogliere un cucchiaino di maizena nel succo d'arancia e aggiungerlo alla salsa, in pochi secondi raggiungerà la consistenza desiderata).
5) Tagliare la carne e servirla con la salsa, decorare a piacere con delle fettine d'arancia.

L'abbinamento di VivailVino:

Lonza di maiale accompagnata da una succulenta e gustosissima salsa e da un bel vino rosso, che non poteva certo mancare in questo menù natalizio.



Immagine presa dal web


giovedì 18 dicembre 2014

Risotto al melograno, culatello e riduzione di rosè


Veniamo al secondo primo, ha come protagonista uno degli ingredienti tipici di questo periodo, il melograno. Un risotto delicato giocato sui contrasti tra caldo e freddo, cremoso e croccante, dolce e sapido. Inutile dire che regalerà un tocco davvero chic alla vostra tavola natalizia. Non rimane che abbinarci il vino giusto e per questo, come sempre c'è Sabina che per questo Natale ci ha riservato una selezione di vini davvero speciale! E domani si passa ai secondi! Ma come, siete già sazi?


Ingredienti per 4 persone:

  • 300g di riso carnaroli
  • 150g di culatello stagionato affettato
  • 1 melograno maturo
  • 1 scalogno
  • 750ml circa di brodo vegetale
  • 50g circa di burro
  • olio extravergine d'oliva
  • sale
  • pepe
Per la riduzione:
  • 500ml di vino rosè
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 1 rametto di rosmarino
  • la scorza di un limone bio



Procedimento:
1) Pulire il melograno e tenete da parte tutti i chicchi, sarà un lavoro un po’ lungo ma ne varrà la pena. 
2) Preparare la riduzione di vino: in un pentolino mettere il vino, lo zucchero, il rosmarino e il limone e portare ad ebollizione. Lasciare sobbollire finchè la riduzione non assumerà una consistenza sciropposa (attenzione, la riduzione si raddensa raffreddandosi quindi state attenti a non ridurre troppo!), mettere da parte.
3) Tritare lo scalogno molto finemente e farlo rosolare in una casseruola con circa 30g di burro finchè non sarà tenero. Aggiungere il riso e lasciarlo tostare per alcuni minuti. Versarvi sopra un mestolo di brodo caldo, abbassare leggermente la fiamma e cominciate con la cottura del risotto aggiungendo il brodo ogni qual volta ce ne sarà bisogno (per la cottura del riso ci vorranno 15-18 minuti), regolare di sale.
3) Nel frattempo tagliare il culatello a piccoli pezzetti e farlo rosolare in una padella con un filo d'olio. 
4) Quando il risotto sarà quasi cotto aggiungere il culatello, portare  a cottura il riso, regolare di sale e pepe, spegnere la fiamma e mantecate con il burro rimasto. E’ molto importante che il risotto abbia la giusta consistenza, dovrà essere cremoso e non compatto. 

5) Impiattare il risotto, distribuire sulla superficie i chicchi di melograno e la riduzione di rosè. Servire ben caldo.

L'abbinamento di VivailVino:

Colori meravigliosi nel piatto e nel bicchiere!
Il vino che vi propongo oggi è un pò il rosato del cuore per noi di Viva il Vino, lo produce Marilena Barbera a Menfi.





mercoledì 17 dicembre 2014

Ravioli di branzino con limone e bacche rosa


Continuando il nostro pranzo virtuale approdiamo ai primi piatti. La pasta ripiena è un must delle feste e proprio per questo trovo divertente variare sui ripieni che devono essere necessariamente, secondo me, sfiziosi e diversi dal solito. E' simpatico anche giocare con le forme, in questo caso sono delle stelle festose, perfette per il pranzo di Natale ma anche per la cena della Vigilia a base di pesce.
Questi ravioli sono molto delicati nel gusto e profumati di limone, le bacche rosa donano un tocco croccante e aromatico e conferiscono una gradevole nota cromatica. Volete sapere come continua? Stay tuned!


Ingredienti per 4 persone:

  • 1 branzino (circa 300g)
  • 1 spicchio d'aglio
  • olio extravergine
  • 2 fette di pane in cassetta
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 2 cucchiai di latte
  • 2 limoni bio
  • noce moscata
  • 1 cucchiaio di bacche rosa
  • 50g circa di burro



Per la pasta:
  • 3 uova
  • 300g di farina
  • 1 pizzico d sale



Procedimento:
1) Cuocere il branzino al cartoccio in forno a 200° per 20 minuti con lo spicchio d'aglio e un filo d'olio extravergine. Lasciare intiepidire e pulire il pesce, mettere da parte la polpa ed eliminare il resto.
2) Sbriciolare in un recipiente il pane in cassetta, bagnarlo con il latte e aggiungere il branzino, il parmigiano grattugiato, la scorza di un limone, la noce moscata, sale e pepe. Amalgamare bene il tutto mescolando a lungo in modo da ottenere un composto omogeneo. Lasciare riposare.
3) Preparare la pasta lavorando le uova con la farina e il sale fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico, stendere la pasta e con l'ausilio di un taglia pasta a forma di stella ricavare le stelle di pasta.
4) Con l'aiuto di un cucchiaino porzionare il ripieno sui ravioli, spennellare il bordo delle stelle con un po' di acqua e chiudere molto bene i bordi. 
5) Cuocere i ravioli in abbondante acqua bollente salata, scolare e saltare in padella con il burro fuso e le bacche rosa, regolare di sale e di pepe e finire con la scorza grattugiata di limone. Servire.


martedì 16 dicembre 2014

Sformatini di zucca con crema al Montasio, amaretti e mandorle


Allora, siete pronti ad andare avanti con il nostro menù per le feste? Si prosegue con un antipasto caldo, un classico sformatino di zucca che però diventa goloso con la crema di Montasio e prezioso con la polvere di amaretti e le mandorle. Uno di quegli antipasti che incontrano sempre i gusti di tutti. Se poi volete essere sicuri di fare una splendida figura allora seguite il consiglio di Sabina per l'abbinamento del vino! Cin cin!


Ingredienti per circa 6 sformatini:

  • 500g di zucca mantovana già pulita
  • 2 scalogni
  • 200ml di panna
  • 2 uova
  • 4/5 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • noce moscata
  • olio extravergine d'oliva
  • sale
  • pepe
Per la crema di Montasio:
  • 200ml di panna
  • 200g di Montasio
  • sale
Per la parte croccante:
  • una manciata di mandorle non pelate
  • 6/7 amaretti



Procedimento:

1) Pulire la zucche e tagliarla a piccoli tocchetti. In un tegame scaldare dell'olio con gli scalogni precedentemente  tritati e aggiungere la zucca, lasciarla brasare coperta finchè non sarà tenera (se necessario aggiungere poca acqua calda), regolare di sale e di pepe. Lasciare intiepidire.
2) Mettere la zucca in un mixer insieme alle uova e alla panna e frullare il tutto, versare in un recipente e aggiungere il parmigiano grattugiato, la noce moscata e, se necessario, regolare nuovamente di sale.
3) Versare il composto nei pirottini precedentemente imburrati e cuocere in forno a bagnomaria a 200° per circa 30 minuti, finchè gli sformatini non si saranno rassodati.
4) Nel frattempo preparare la crema facendo sciogliere il Montasio sminuzzato nella panna, continuare sulla fiamma fino ad ottenere la consistenza desiderata. Se necessario regolare di sale.
5) Servire gli sformatini con sopra la crema di Montasio e finire con gli amaretti sbriciolati e le mandorle tritate grossolanamente.

L'abbinamento di VivailVino:

Eccoci alla seconda uscita del nostro menù natalizio che prevede un tortino caratterizzato dalla tendenza dolce di cui sono ricchi la maggior parte degli ingredienti, poi crema la crema di formaggio che aggiunge una certa grassezza e infine l'aromaticità della frutta secca. Un mix che ci porta a scegliere un vino fresco e minerale, fine e mediamente profumato, per controbilanciare al meglio le caratteristiche del piatto. 




domenica 14 dicembre 2014

Mini cupcakes alla vaniglia


Si avvicina il compleanno della mia bimba, compie 9 anni e ovviamente non vede l'ora di festeggiare con le sue amichette. Così, in vista della festa di domenica prossima, ho cominciato a fare qualche prova, voglio che tutto sia perfetto e soprattutto voglio accontentare il mio fiore...se ci penso già mi commuovo! Così ho realizzato questi mini cupcakes in versione lollipop, che dite? Sono carini? Sono perfetti per un tè con le amiche. E a proposito di tè, ho scoperto i nuovi tè Lipton Pleasure Collection ai gusti sfiziosissimi di macarons, cupcakes, muffins e cioccolato e pere...profumatissimi! Sono sicura che il tè sarà un successo! Una tazza?


Ingredienti per 24 minicupcakes:
  • 125g di yogurt intero
  • 200g di farina
  • 180g di zucchero
  • 2 uova
  • 100ml di olio di semi
  • 1 bustina di lievito vanigliato
  • qualche goccia di estratto naturale di vaniglia
  • la scorza di 1 limone



Per la copertura:


  • 250ml di panna da montare
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo
  • qualche goccia di colorante alimentare giallo
  • qualche goccia di estratto naturale di vaniglia
  • zuccherini colorati


Procedimento:

1) Mettere in un recipiente o nella planetaria gli ingredienti nell'ordine esatto in cui sono scritti e poi lavorare con le fruste per alcuni minuti finchè il composto non sarà omogeneo e ben areato. 
2) Porzionatelo negli stampini ricoperti con i pirottini di carta in modo da riempirli per 2/3. Infornare subito a 180° per circa 15 minuti, finchè non saranno ben cotti e dorati. Lasciare raffreddare.
3) Nel frattempo montare la panna con lo zucchero a velo e la vaniglia, aggiungere gradualmente anche il colorante fino ad ottenere l'intensità desiderata.
4) Con l'aiuto di una sacca da pasticcere con la punta a stella decorare i cupcakes. Finire con gli zuccherini colorati. Servire in un vassoio o in versione lollipop come in foto.

venerdì 12 dicembre 2014

Crostata con panna cotta di Martha Stewart


Buon venerdì! Oggi interrompiamo la nostra carrellata natalizia per fare posto al 3° appuntamento con le ricette di Martha Stewart e con il suo libro "Scuola di Cucina". Continuo a consigliarvi caldamente l'acquisto di questo libro (QUI) che per me si sta rivelando davvero ricco di spunti e di consigli preziosissimi. Ma veniamo alla ricetta, questa volta si tratta di un dolce davvero semplice ma al contempo squisito e raffinato. Un guscio di pâte sucrée che contiene una morbidissima e squisita panna cotta al gusto di vaniglia. Una vera poesia. Martha Stewart consiglia di servirla con della frutta lasciata riposare un po' prima in zucchero e limone, io ho optato per i frutti di bosco in purezza, mi piaceva l'idea di contrastare la dolcezza della panna cotta con l'acidità dei frutti di bosco. Per di più Martha usa uno stampo rettangolare (come vedrete indicato nella ricetta), io purtroppo non sono ancora riuscita a mettere le mani su quello stampo che desidero davvero molto per cui ne ho utilizzato uno rotondo e devo dire che il risultato è comunque bello...non trovate?


Ingredienti:

Per la crosta

  • farina, per spolverare
  • ½ dose di pâte sucrée preparata con (ingredienti per 1 dose): 2½ cups (290 g) di farina 00, 3 cucchiai di zucchero, ¾ di cucchiaino di sale, 225 g di burro freddo, tagliato a pezzetti, 2 tuorli grandi, leggermente sbattuti, ¼ cup (i70 ml) di acqua ghiacciata, più altra se necessario

Per la panna cotta

  • 1 cucchiaino di gelatina vegetale in polvere
  • 3 cucchiai di acqua fredda
  • ¾ cup (210 ml) di yogurt bianco intero o latticello
  • ½ cup (70 ml) di panna
  • 3 cucchiai di zucchero
  • ¼ di cucchiaino di sale grosso
  • 1 baccello di vaniglia, aperto per il lungo
Per decorare
  • Frutti di bosco



Preparate la pâte sucrée Mescolate la farina, lo zucchero e il sale nel robot da cucina (o fatelo a mano in una ciotola). Incorporate il burro Unite il burro. Lavorate finché il composto sembra una farina a grana grossa, per 10-15 secondi; i pezzetti di burro dovrebbero essere di 3 mm o meno, non dovrebbero restare pezzi grandi come piselli. In alternativa incorporate in fretta con un pastry blender o con la punta delle dita.
Incorporate i tuorli Unite i tuorli e mescolate (o sbattete con la forchetta). 
Aggiungete l’acqua Con il robot in funzione, aggiungete l’acqua ghiacciata a filo finché l’impasto sta insieme. Non lavorate per più di 20 secondi; controllate fermando il robot e schiacciandone un po’ tra le dita. Non aspettate che l’impasto si compatti nel robot. (Se mescolate a mano, aggiungete lentamente l’acqua e sbattete con la forchetta finché il composto sta insieme.)
Formate, avvolgete e raffreddate Dividete l’impasto a metà e formate dei rettangoli o dei dischi, a seconda della forma della tortiera. Avvolgeteli nella pellicola e mettete in frigo per almeno 1 ora (o tutta la notte). La pâte sucrée si può surgelare per 1 mese; scongelatela per una notte in frigo prima di usarla.
Stendete e raffreddate l’impasto Stendete l’impasto su un piano leggermente infarinato in un rettangolo di 3 mm di spessore (18 x 43 cm circa). Trasferitelo in una tortiera per crostate scanalata rettangolare di 10 x 35 cm con il fondo removibile, sistemandolo con delicatezza sul fondo e lungo le pareti. Rifilate l’impasto che fuoriesce dalla tortiera passandoci sopra con il mattarello. Bucherellate il fondo con una forchetta (per evitare che si gonfi in cottura). Mettete in frigorifero finché è freddo, per 1 ora circa.
Cuocete a vuoto Scaldate il forno a 190 °C. Coprite il guscio freddo con la carta da forno e riempitelo con i pesi da forno o i fagioli secchi. Infornate finché inizia a colorirsi intorno ai bordi, per 20-25 minuti. Togliete carta e pesi, rimettete in forno e cuocete finché il centro è dorato e asciutto, per altri 12-15 minuti (coprite i bordi con la carta stagnola se si scuriscono troppo in fretta). Fate raffreddare su una griglia. Tirate fuori il guscio dalla tortiera e mettetelo su una teglia da forno. Preparate il ripieno di panna cotta Cospargete la gelatina sull'acqua fredda in una ciotolina. Aspettate che si ammorbidisca (e assorba tutta l’acqua), per 5 minuti (così la gelatina si scioglie meglio nella panna calda). Mettete lo yogurt in una ciotola media e sbattetelo per disfare i grumi. Mettete la panna, lo zucchero, il sale e il baccello e i semi di vaniglia in un pentolino. Appena prima che prenda il bollore abbassate la fiamma. Eliminate il baccello. Incorporate la gelatina ammorbidita nella panna, sbattendo su fuoco basso finché è completamente sciolta. Versatela attraverso un colino fine (per rimuovere eventuali pezzetti di gelatina) nello yogurt, poi mescolate. Versate la panna cotta nel guscio raffreddato e mettete in frigo finché è solida, per almeno 2 ore (o per tutta la notte, coperta).
Decorate e servite Distribuite sulla crostata i frutti di bosco freschi e servite.