mercoledì 7 maggio 2014

Gnocchi di ricotta su crema di ortica

 

Quest'anno non ho ancora postato nessuna ricetta con le mie amate erbe spontanee...non è da me! Sicuramente il brutto tempo che ci ha allietato negli scorsi week-end non mi ha aiutato ma la tentazione è troppo forte e quindi...si va! Questo è un piatto semplicissimo fatto di pochi ingredienti eppure i miei bimbi si sono leccati i baffi! Potete servirli così, rosolati nel burro fuso e posati caldi sulla crema di patate e ortica o gratinarli mettendo la crema alla base della pirofila, adagiandovi sopra gli gnocchi, versandovi il burro fuso, spolverizzando generosamente con il parmigiano e dorando in forno...scegliete voi! 
Ed oggi Sabina ci abbinerà anche un ottimo bicchiere di vino...il pranzo è pronto!


Ingredienti:
Per gli gnocchi:
- 500g di ricotta vaccina
- 125g di grana grattugiato
- 2/3 cucchiai di farina 
- 2 cucchiai di semolino
- 2 uova + 2 tuorli
- noce moscata
- sale
- pepe

Per la crema di ortiche:
- 1 patata media
- 1 mazzo di ortiche
- brodo vegetale
- olio evo
- sale

- burro
- timo fresco


Procedimento:
1) Preparare gli gnocchi: in un recipiente amalgamare la ricotta con il grana, le uova, i tuorli, la farina setacciata e il semolino, mescolare bene in modo da ottenere un composto omogeneo, se dovesse essere troppo morbido aggiungere regolare con farina e semolino. Il risultato deve essere un composto soffice ma sostenuto. Regolare di sale e pepe e profumare con una generosa grattugiata di noce moscata. Coprire e riporre in frigorifero per almeno 30 minuti, io vi consiglio di lasciare riposare il composto un'oretta.

2) Nel frattempo pulire le ortiche con i guanti facendo molta attenzioni a non toccarle con la pelle, lavarle e lessarle in acqua bollente salata. Scolare, lasciare intiepidire e mettere da parte. Nel frattempo lessare anche la patata, lasciarla intiepidire e pelarla. Con un frullatore ad immersione frullare la patate e le ortiche con un filo d'olio, regolare la consistenza della crema aggiungendo brodo vegetale quanto basta, regolare di sale e mettere da parte.

3) Prendere il composto di ricotta e con l'ausilio di due cucchiai ricavare delle quenelles. Adagiarle delicatamente su un piatto cosparso con semolino. Portare una pentola d'acqua a ebollizione e versarvi gli gnocchi, pochi per volta. Man mano che gli gnocchi vengono su rosolarli in padella con burro fuso e foglioline di timo. 

4) Servire il piatto con alla base la crema calda di patate e ortiche e sopra gli gnocchi, decorare con foglioline di timo e gustare con una spolverata di grana.

L'abbinamento di VivailVino:
Erbette spontanee e formaggio, un abbinamento che mi piace proprio e mi porta anche a scoprire vini sempre molto interessanti.
Questa settimana l'abbinamento è con un'altra chicca degustata al Vinitaly, un vino di montagna che arriva da Bressanone...



9 commenti:

  1. Questi gnocchi sono superlativi e l'abbinamento con il vino perfetto!
    Complimenti a tutte e due!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molte grazie Michela...riferirò anche a Sabina, so che ne sarà contenta!

      Elimina
  2. Un piatto superbo per bellezza, bontà, semplicità, eleganza nelle foto! purtroppo trovare le ortiche per me è impossibile, mi gusto le tue! complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lilli, alle volte le ortiche si possono trovare anche al mercato dai contadini insieme ad altre erbette spontanee che vanno comunque bene per realizzare questo piatto. un bacione.

      Elimina
  3. Ricetta che mi attira moltissimo per gli ingredienti e impiattata davvero molto bene!

    RispondiElimina
  4. Questi gnocchi sembrano morbidissimi e posso immaginare che meraviglia siano intinti nella crema di ortiche: complimenti!
    Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli gnocchi infatti sono soffici, sono piaciuti moltissimo anche ai miei bimbi...un abbraccio!

      Elimina
  5. Arrivo qui per caso e cosa scopro!? Un blog meraviglioso! Complimenti... Ora mi siedo e con calma leggo tutti i post che ho perso...
    Ah, piacere ^___^ Io sono Carla.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina