venerdì 29 novembre 2013

Risotto al ragù


Ed eccoci alla fine di questa settimana dedicata al comfort food...non poteva finire meglio! Il risotto è uno dei piatti che amo di più! Mangiare un risotto cremoso e caldo è come indossare un vecchio maglioncino consumato e confortevole...ti da una sensazione bellissima! Ai più curiosi confermo che purtroppo, nonostante la mia attesa, non ho ricevuto nessuna bella notizia...ma non importa...arriverà anche il mio momento d'oro, sono sicura di questo...quindi costruisco con ottimismo, persevero e mi impegno...è l'unica ricetta che vale, l'unico modo per raggiungere i nostri obiettivi e realizzare i nostri desideri. Nel frattempo, coccolo coloro che amo e cucino per loro tanti piatti caldi e confortevoli, perfetti in queste giornate fredde.
Vi auguro un buon week-end my friends e vi anticipo che la prossima settimana vi attende una bella sorpresa per le feste...ma non vi anticipo niente! Bye!!


La lista della spesa per (3/4 persone):
- 250g di riso carnaroli
- 1 scalogno
- 1 tazza di ragù (io lo preparo con 300g circa di tritato di bovino - o metà bovino e metà suino - 300g di salsiccia - 1 cipolla - 1 carota - 1 costa di sedano - passata e concentrato di pomodoro - olio evo - sale e pepe)
- buodo di carne q.b. 
- olio evo
- burro
- parmigiano grattugiato
- sale
- pepe

1) Pulire e sminuzzare lo scalogno e soffriggerlo in una casseruola con olio e una noce di burro. Quando sarà tenero ma non brunito, aggiungervi il riso e lasciarlo tostare per alcuni istante mescolando. 
2) Sfumare con il brodo di carne bollente, abbassare un po' la fiamma e continuare ad aggiungere brodo di tanto in tanto finchè il riso non sarà quasi cotto.
3) Regolare di sale e aggiungere il ragù, portare a cottura il riso allungando, se necessario con altro brodo.
4) Mantecare il risotto quando sarà cotto e cremoso con un pezzetto di burro e parmigiano a piacere (mi raccomando il risotto deve essere "all'onda" e cioè cremoso, non compatto, quello è riso, non risotto!!).
5) Servire con una spolverata di pepe nero appena macinato e non dimenticatevi di portare il parmigiano in tavola!!

mercoledì 27 novembre 2013

Puntine di maiale in umido...settimana dedicata al comfort food!


Questa settimana, vi avviso, è totalmente dedicata al comfort food...della serie...bisogno infinito di coccole!!! Giusto per info, nessuna buona notizia in vista, neanche una novità, nemmeno una piccola...da lunedì nulla è cambiato...posso ridire che palle???!! Ahhh...ma io non demordo...c'è ancora tempo fino a domenica...io aspetto!! Nel frattempo cucino piatti succulenti e molto molto confortevoli, come queste puntine di maiale in umido da servire con una soffice e calda polenta e un buon bicchiere di vino rosso che Sabina, come tutti i mercoledì, saprà indicarci. E allora godiamoci insieme questo piatto ideale nelle giornate fredde, perchè scalda il cuore. Buon mercoledì e buone notizie a tutti!!


La lista della spesa (per 3 persone):
- 500g di puntine di maiale
- 1 cipolla bionda piccola
- 1 carota
- 1 costa di sedano
- 1/2 bicchiere di vino rosso
- 300ml di passata di pomodoro
- 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
- olio evo
- sale
- zucchero
- pepe

1) Pulire la cipolla, la carota e il sedano. Sminuzzarli al coltello e fare un classico soffritto in olio extravergine d'oliva.
2) Fare rosolare le costine, precedentemente salate (massaggiare con il sale la superficie della carne), nel soffritto girandole di tanto in tanto finchè non saranno ben dorate.
3) Sfumare con il vino rosso e poi aggiungere la passata e il concentrato (se risulta troppo spesso il sugo allungare con un po' di acqua calda o di brodo), abbassare la fiamma, regolare di sale e pepe, aggiungere un cucchiaino di zucchero, coprire e cuocere finchè la carne non sarà così tenera da staccarsi dall'osso.
4) Servire ben calde e accompagnare con la polenta o le patate stufate.


L'abbinamento di VivailVino:

Con questa temperatura, con questo piatto così succulento e saporito... Ma come si può resistere alla tentazione di bere un buon Nebbiolo?!



lunedì 25 novembre 2013

Il mio Croque Monsieur


Sapete di cosa avrei bisogno? Di una buona notizia. Non importa quale purchè sia buona. Sì, dovrebbe iniziare proprio così questa settimana. Qui l'aria "puzza di vecchio" (come diceva il principe di Bel Air), mi farebbe piacere una bella novità, sono aperta a tutto. Vabbè, vi farò sapere alla fine della settimana come è andata...è vero che si dice nessuna nuova buona nuova però...che palle!!
Voglio lasciarvi una ricetta squisita e facilissima da preparare. Io la trovo perfetta per una cena davanti alla TV, mentre guardate un bel film o la partita...bonooooo!!! Non dimenticate la birra...la portate voi? Ok allora io scelgo il film! 


La lista della spesa (per 2 persone):
- 4 fettone di pane in cassetta casereccio
- senape in grani
- besciamella (circa 4 cucchiai generosi)
- 2 fette di prosciutto cotto
- pepe



1) Sistemare 2 fette di pane in una placca foderata con carta-forno. Spalmarle con la senape in grani, Aggiungere metà della besciamella, una  fetta morbidissima Camoscio d'oro per ogni toast, quindi la fetta di prosciutto cotto.
2) Coprire con le altre due fette di pane, cospargerle con la besciamella rimasta e finire con la  fetta morbidissima Camoscio d'oro.
3) Infornare a 180° per circa 15-20 minuti, finchè non sarà bello cremoso e gratinato. Sfornare, spolverizzare con pepe nero appena macinato e servire.

venerdì 22 novembre 2013

Praline di castagne allo speck


Non so voi ma con la brutta stagione io faccio andare il forno a tutto spiano. I bimbi e il marito adorano tutto cio' che è rotondo (crocchette, polpette, supplì....) e tutto ciò che è gratinato. E via con timballi, sformati, pasticci, lasagne e chi più ne ha più ne metta. Sono piatti sostanziosi che, se non sono troppo conditi, possono costituire un pasto bilanciato e completo. Per questo, appena ho visto la sfida di novembre dell'MTC, ho pensato ad un confortevole, squisito, piatto gratinato...magari delle palline così a casa piacciono ancora di più!!
Spero che la ricetta piaccia anche a Serena che oquesto mese avrà l'arduo compito (ne so qualcosa) di giudicare tantissime ricette fantasiose...tutte a base di castagne! Questa è la mia proposta...fatevi tentare in questo week-end autunnale!!


La lista della spesa per circa 20 praline:
- 500g di castagne
- 1 patata media
- 50g di speck affettato
- pangrattato q.b.
- 1 uovo
- latte q.b.
- noce moscata
- alloro frantumato
- 500g di  besciamella (preparati con 500ml di latte, 50g di burro e 50g di farina)
- parmigiano grattugiato q.b.
- burro 
- sale
- pepe


1) Lessare le castagne, eliminare la buccia e raccogliere la polpa in un mixer. Fare lo stesso con la patata.  Lasciare raffreddare. Frullare il tutto con 1 uovo e latte q.b. per ottenere una purea.
2) Spostare il composto in un recipiente, aggiustare di sale, pepe, noce moscata, alloro. Aggiungere 4 cucchiai circa di parmigiano grattugiato e pangrattato quanto serve per ottenere un impasto lavorabile con le mani.3) In un pentolino fare rosolare lo speck tagliato a piccoli pezzetti in un filo d'olio, finchè non sarà colorito ma non troppo asciutto, unire al composto di castagne, incorporare e lasciare riposare il tutto per qualche minuto affinchè i sapori si amalgamino per bene.
3) Formare delle palline tutte uguali della grandezza di una noce, sistemarle in una pirofila da forno imburrata (o in più pirofiline monoporzione), distribuirvi sopra la besciamella. Cospargere con parmigiano grattugiato, pepe appena macinato, noce moscata a piacere e alloro frantumato. Sistemare sopra alle praline dei fiocchetti di burro.
4) Infornare a 200° per circa 15 minuti finchè non saranno ben gratinate. Lasciare intiepidire e servire. 



mercoledì 20 novembre 2013

Paccheri gratinati al fumè


A volte imbocchi una stada e ne sei davvero felice, il sentiero ti appare dorato e tu non esiti a intraprenderlo...qualcosa sta cambiando, ti dici.
Finalmente non sono più solo, mi diverto, c'è qualcun'altro che mi vuole bene e la vita è bella. Spesso stai guardando solo quello che ti fa comodo, quello che hai bisogno di vedere in quel momento, senza considerare le situazioni nella loro totalità, senza vedere che di dorato non c'è proprio nulla. Ti butti a capofitto fiducioso, ti piace quello che stai vivendo e per un lungo momento pensi che sarà per sempre. 
Poi però nel tempo tutto diventa chiaro e piano piano capisci di aver preso un abbaglio, le persone ti appaiono per come sono e ti rendi conto che ti sei impantanato in qualcosa di vischioso e di sporco, qualcosa che si è preso una parte di te, che ti ha portato via ancora un pezzetto di ingenuità.
Ad un certo punto vuoi tornare a casa ma hai perso la bussola, il cammino sarà lungo e faticoso ma sai che è quello che vuoi, vuoi di nuovo tornare a respirare aria pulita, vuoi tornare a vivere la tua tranquillità familiare dopo un lungo periodo.
Oggi, dopo anni, io e mio marito ci sentiamo finalmente liberi, sento che la mia vita sa di buono, so di aver ritrovato il sentiero giusto e finalmente sono arrivata a casa.
Tutte le esperienze nella vita servono e ci regalano un insegnamento.
Sicuramente la conoscenza passa attraverso l'esperienza..non può essere che così.
L'amicizia è tanto importante e profonda quanto rara. E' facile prendere un abbaglio, anche solo per la voglia di condividere le piccole cose di tutti i giorni o per fare del tempo libero un momento di relax e divertimento.
Adesso lo so, purtroppo l'ho imparato a mie spese. 
Per questo raccomando spesso a tutti voi di passare più tempo possibile con le persone che amate e che vi amano, perchè sono poche e preziose.
Dedicate a loro le vostre attenzioni, senza perdere tempo con chi non lo merita. Preparate qualcosa di buono e di semplice e riunite la vostra famiglia attorno ad un tavolo. Fotografate questo momento e portatelo sempre con voi.
Buona vita.


La lista della spesa:
- 400g circa di paccheri
- 1 cipolla dorata 
- 200g di pancetta affumicata tagliata a cubetti
- 400ml circa di passata di pomodoro
- 200 ml di panna
- parmigiano grattugiato
- olio evo
- sale
- 1 cucchiaino di zucchero
- pepe

1) Soffriggere la cipolla tagliata a cubetti con dell'olio etravergine. Quandosarà tenera ma non brunita aggiungere la pancetta a cubetti e lasciare rosolare facendo attenzione a non fare seccare. Unire la salsa di pomodoro e lasciare cuocere a fiamma bassa, regolare di sale e pepe e aggiungere lo zucchero per togliere l'acidità. Unire la panna, mescolare bene, lasciare sul fuoco ancora alcuni minuti poi spegnere e mettere da parte.
2) Cuocere i paccheri in abbondante acqua bollente salata e scolarli al dente. Condire con il sugo e parmigiano grattugiato a piacere. Versare il tutto in una pirofila unta, cospargere con altro parmigiano grattugiato e gratinare in forno a 200° per circa 15 minuti, finchè non saranno dorati e croccanti in superficie ma morbidi e cremosi dentro. Servire caldi con un buon bicchiere di rosso.


Labbinamento di VivailVino:

E con questo tempo non poteva che esserci una bella ricetta da vino rosso.... Vi va un giretto in Langa?!
Diano d'Alba è quasi sinonimo di Dolcetto, che in effetti è il primo vino della piccola ma interessantissima azienda di Claudio Alario,



lunedì 18 novembre 2013

Cake agli agrumi del mediterraneo


Non c'è alternativa, per partire bene questa settimana ho bisogno di parecchia vitamina C! A questo punto inizio proprio dalla prima colazione non voglio perdere tempo! Vi presento questo cake profumato agli agrumi. E' molto particolare perchè all'interno c'è la tisana Agrumi del mediterraneo L'Angelica. Il mio blog infatti fa parte dei 10 blog selezionati da L'Angelica per preparare le Ricette di Natura con le tisane L'Angelica. A questa profumata tisana ho aggiunto il profumo persistente della scorzetta di arancia e lime e ho sfornato un cake agrumatissimo! E voi? Avete bisogno di vitamina C?? Ah, dimenticavo, accompagnate il cake con la tisana Agrumi del mediterraneo L'Angelica, è un abbinamento perfetto!


La lista della pesa:
- 200g di farina
- 150g di fecola di patate
- 150g di zucchero
- 125g di ricotta
- 2 uova
- 2 cucchiai di burro
- 1 bustina di lievito vanigliato
-  2 cucchiai di miele di arancia o di limone
- 1 dl di latte intero
- 2 bustine di tisana Agrumi del mediterraneo L'Angelica
- la scorza grattugiata di 1 arancia bio
- la scorza grattugiata di 1 lime bio


1) Montare le uova con lo zucchero, aggiungervi il burro ammorbidito, la ricotta  e la farina setacciata con la fecola e il lievito,  un cucchiaio per volta alternando con il latte tiepido.
2) Sempre montando unire al composto il miele, il contenuto di 2 bustine di tisana Agrumi del mediterraneo L'Angelica e le scorzette di agrumi.
3) Versare il composto in uno stampo da plum cake precedentemente imburrato e infarinato e infornare a 180° per circa 50 minuti, finchè non sarà cotto e ben dorato. Lasciare intiepidire e servire con la tisana Agrumi del mediterraneo L'Angelica.


venerdì 15 novembre 2013

Troccoli con il cavolo nero e la salsiccia


Vi ho già detto che mi piacciono un sacco gli ingredienti autunnali...vero?? Ok, parliamo del cavolo nero, che tra l'altro mi ha portato il mio babbo dal suo orto e quindi è anche bio. Oltre che molto buono io lo trovo bellissimo da vedere, le sue foglie sono morbide ed ha un colore fantastico, verde smeraldo scuro. Non sa classicamente di cavolo, e anche se cotto rimane consistente. Se non l'avete ancora provato cercatelo e usatelo per zuppe, risotti, polenta. Sicuramente vi darò qualche altra ricetta invitante. Oggi vi lascio la ricetta di un primo facile e veloce che però ha tutto il gusto dei pochi e semplici ingredienti utilizzati ed è perfetto anche per una cena con ospiti dell'ultimo minuto.
Come sempre vi auguro un buon week-end sereno, se riuscite trovate il tempo per fare una bella passeggiata... mettere il naso fuori di casa! 
A presto!


La lista della spesa:
- 500g di troccoli freschi
- 10 foglie circa di cavolo nero
- 300g di salsiccia saporita
- semi di finocchio
- 1 spicchio d'aglio
- olio evo
- sale
- pepe

1) Pulire il cavolo nero ed eliminare la costa dalle foglie. Sbollentare le foglie in acqua bollente salata finchè non saranno tenere. Scolare.
2) Sminuzzare al coltello le foglie di cavolo nero e rosolarle in padella con olio e uno spicchio d'aglio schiacciato.
3) Aggiungervi la salsiccia privata della pelle esterna e sbriciolata, fare rosolare bene il tutto per alcuni minuti e regolare di sale e pepe. Aggiungervi a piacere dei semini di finocchio, portare a cottura e mettere da parte.
4) Cuocere i troccoli in abbondante acqua bollente salata, salarli e saltarli in padella con il sugo.
5) Impiattare e finire con un giro di olio buono e una macinata generosa di pepe.


mercoledì 13 novembre 2013

Bruschetta autunnale


Ho proprio una predilezione per le ricette semplici, veloci e piene di gusto. Verdure di stagione, pane caldo, olio buono e ottimo formaggio, la formula giusta per un aperitivo tutto autunnale da consumare con gli amici davanti ad un camino e con in mano un bicchiere di buon vino.
Questo è l'autunno per me, convivialità, risate, ingredienti dai sapori e dai colori intensi, proprio come quelli dei miei boschi, così incredibilmente suggestivi.
Cin cin allora, e un brindisi a questo assolato autunno!


Come ogni bruschetta che si rispetti, va preparata con un olio di ottima qualità. Io ho usato Olio Extra Vergine Fruttato Fratelli Carli, davvero profumato e ricco.

La lista della spesa (per circa 15 bruschette):
Per il pane ai semi di girasole:
- 500g di preparato per pane ai semi di girasole o ai cereali
- 325g circa di acqua tiepida 
- semini di girasole

Per il condimento:
- 500g di zucca
- 500g di funghi (io plerotus)
- 1 porro
- 1/2 bicchiere di vino bianco
- 100g di castagne pelate e lessate
- 80g di speck
- fontina
- sale
- pepe


1) Preparare il pane: Impastare il preparato per pane con l'acqua tiepida, poca per volta, fino a quando l'impasto assume una consistenza liscia ed elastica, aggiungere a piacere semini di girasole. Mettere a lievitare al caldo per circa un ora finchè non avrà raddoppiato di volume. Reimpastare velocemente e formare due filoncini. Spennellare la superficie con olio evo e cospargere a piacere la superficie con altri semini di girasole. Lasciare lievitare ancora 30 minuti. Cuocere a 220° per circa 20 minuti, finchè non sarà ben dorato. Sfornare e lasciare raffreddare.
2) Mondare e tagliare la zucca a cubetti, pulire i funghi e tagliarli in piccoli pezzetti. Pulire il porro e affettarlo sottilmente, rosolarlo in olio extravergine d'oliva. Aggiungervi la zucca e i funghi, farli rosolare bene e sfumare il tutto con il vino bianco, aggiungere le castagne, fare insaporire bene e regolare di sale e di pepe. Portare a cottura. 
3) In un padellino rosolare lo speck tagliato a striscioline con un filo d'olio, aggiungerlo alla padellata di verdure e mescolare il tutto.
4) Tagliare il pane a fette non troppo spesse e tostarle in padella con un filo d'olio evo (io Olio Extra Vergine Fruttato Fratelli Carli) finchè non saranno dorate. Condire le bruschette e sistemarle in una placca da forno foderata con carta da forno. Sistemare sulle bruschette delle fettine sottili di fontina e passare le bruschette al forno per qualche minuto finchè il formaggio non sarà ben sciolto. Servire calde.

L'abbinamento di VivailVino:

Quanta aromaticità, quanta struttura...quanto gusto in questa bruschetta autunnale!
Per un piatto così ci serve un vino ricco di profumi, particolarmente complesso e  persistente, che quest'oggi andiamo a prendere a Castellabate.... Benvenuti al Sud! 




venerdì 8 novembre 2013

Ciambelline al fragolino


...giorno...avete voglia di un dolce semplice, croccante ma anche morbido e fragrante?? Io amo queste ciambelline...le avevo proposte QUI in un'altra versione e chissà in quante altre versioni le faro??!!! Mi piacciono!! Questa volta ho usato il fragolino per profumarle ma voi potete aromatizzarle come più vi piace.
E ora...le solite raccomandazioni per il week-end: 1) Fate le ciambelline e gustatele nella tranquillità della vostra casa, magari con i vostri amici 2) Non lavorate troppo, il week-end è fatto per rilassarsi e svagarsi...quindi non esagerate con le pulizie e il bricolage 3) Passate quanto più tempo potete con le persone che amate, con la vostra famiglia, con i vostri amici e ridete...ridete tanto!!!
Buon week-end!


La lista della spesa:
1 bicchiere di fragolino
1 bicchiere di olio di semi
1 bicchiere di zucchero
1 cucchiaino di lievito per dolci
farina q.b.
confettura scura
zucchero granellato

1) In un recipiente mettere il fragolino e sciogliervi bene lo zucchero. Aggiungervi quindi l'olio,  il lievito e la farina poco per volta, fino ad ottenere un impasto lavorabile.
2) Con la pasta (una noce circa per ogni biscotto) ottenere dei "salamini" tutti uguali e piegarli fino a realizzare la ciambellina, unire i due estremi.
3) Cuocerle in forno a 180° per circa 15 minuti, finchè non saranno dorate. Lasciare raffreddare.
4) Spennellare la superficie delle ciambelline con la gelatina/confettura leggermente scaldata e cospargere con lo zucchero granellato.

mercoledì 6 novembre 2013

Nidi di tagliolini alla boscaiola con besciamella allo zafferano


Odio il mercoledì,
è un giorno che non mi piace proprio. Al lavoro l'ufficio è aperto al pubblico tutto il giorno e io e le mie colleghe veniamo travolte da telefonate, richieste, appuntamenti, mail ecc...ecc...praticamente un'invasione (quasi) barbarica!
E' una giornata che fa da spartiacque nella mia settimana e divide i giorni in salita da quelli in discesa...per vedere dall'altra parte e scollinare però bisogna salire fino in cima...e questo è il mercoledì. 
Questa mattina, come tutti i mercoledì mattina, mi sono preparata, mi sono messa un bel vestito e una spruzzata in più di profumo, pronta ad affrontare la giornata di lavoro, con un'unica consapevolezza: il caffè scorrerà a fiumi!! E voi?? Com'è il vostro mercoledì?? 
L'unica cosa che mi consola è che a cena mi aspettano questi deliziosi tagliolini da accompagnare con un ottimo vino, come sempre, abbinato da Sabina.
Allora buon mercoledì amici miei!


La lista della spesa (per 6/8 nidi):
- 500g di tagliolini all'uovo
- 300g di funghi misti (io pioppini, champignon e pleurotus)
- 200g di pancetta affumicata a dadini
- 1 spicchio d'aglio
- 1 mazzolino di prezzemolo
- 500ml di latte intero
- 50g di burro
- 50g di farina
- 1 bustina di zafferano
- parmigiano grattugiato q.b.
- olio evo
- sale
- pepe

1) Preparare la besciamella: In una casseruola scaldare il burro, quando sarà completamente sciolto aggiungere la farina in un'unica soluzione, mescolare energicamente con una frusta e versarvi il latte tiepido. Continuare a mescolare finchè la besciamella avrà la consistenza desiderata. Aggiungere lo zafferano e incorporarlo fino al completo sciglimento. Regolare di sale e di pepe.
2) Mondare e tagliare i funghi a piccoli cubetti. Trifolarli in padella con olio evo e uno spicchio d'aglio e regolare di sale e di pepe. Mettere da parte.
3) In una padella rosolare la pancetta con un filo d'olio finchè non sarà dorata ma non secca. Mettere da parte.
4) Cuocere i tagliolini in abbondante acqua bollente salata, scolarli tenendo un po' dell'acqua di cottura. Condirli con i funghi, la pancetta, la besciamella (tenere da parte un po' di tutto per decorare) e una generosa manciata di parmigiano grattugiato e amalgamare bene aggiungendo l'acqua di cottura.
5) Sistemare i tagliolini nei pirottini unti (o in una pirofila grande), spolverizzare con un po' di parmigiano e gratinare in forno a 200° per circa 15 minuti, finchè non saranno ben dorati. Lasciare intiepidire alcuni istanti, decorare a piacere con la pancetta, i funghi e la besciamella tenuti da parte (ovviamente caldi) e servire.


L'abbinamento di VivailVino:
Questa settimana vi voglio parlare di un vitigno che ho scoperto da poco e che ci regala un vino piacevole, vivo, sapido e con buon potenziale di invecchiamento.



lunedì 4 novembre 2013

Chips & Sbrinz


Buona settimana gente!!! 
Ecco la mia seconda ricetta per Swiss cheese parade...davvero strepitosa nel gusto ma facilissima da realizzare. Sono dei cubetti di delizioso Sbrinz passati nell'uovo e nel pangrattato aromatizzato e poi fritti,ovviamente accompagnati da sottilissime e croccanti chips. A casa sono andati a ruba, lo Sbrinz che ha una consistenza compatta, si ammorbidisce senza sciogliersi completamente e diventa godurioso!!
Che dite, è abbastanza street food??...Questi formaggi svizzeri sono una continua tentazione!!
Vi auguro una settimana easy, proprio come questo piatto...bye bye!!


La lista della spesa (per questa ricetta le quantità sono da calcolare a occhio, a seconda delle porzioni):
- Sbrinz
- uovo
- pangrattato
- spezie varie (io ho usato black onion seed, chili in scaglie, paprika dolce e timo secco ma potete aromatizzare come volete )  
- patate
- olio di semi per friggere


1) Tagliare lo Sbrinz a cubetti, passarli nell'uovo e impanarli nel pangrattato aromatizzato (dividerlo in diversi contenitori, uno per gusto). Mettere in frigorifero per almeno trenta minuti.
2) Preparare le patate: Pelarle, passarle in acqua fredda e tagliarle in fette molto sottili .
3) In una padella scaldare dell'olio per rittura e riggere i cubetti di Sbrinz e le chis finche il tutto non sarà ben croccante e dorato. Tamponare l'eccesso di olio e servire calde.



Con questa ricetta partecipo al contest di Tery: