mercoledì 24 aprile 2013

Crostata sbriciolata con timo, limone e confettura di more


Ed eccoci al secondo appuntamento con le torte da forno, questa è la volta di una crostata pazzesca: Un guscio di frolla al timo e limone con dentro della goduriosa confettura bio di more...davvero buonissima!!
Adoro le crostate, nella loro semplicità rientrano di gran lunga nell'elenco (aimè lungo) dei dolci che preferisco e poi a casa piace sempre a tutti!! Adesso che è tempo di pic-nic all'aperto (pioggia permettendo) potete prepararla in anticipo e poi non teme il viaggio...insomma ci piace proprio!!
Ma non dimenticate di mettere nel cesto del pic-nic anche il vino giusto per questa crostata, a consigliarci, come ogni mercoledì c'è Sabina...approfittate dei suoi preziosi suggerimenti!! Baci a tutti e appuntamento a venerdì per l'ultima strepitosa torta...ho in serbo una chicca ma non vi anticipo nulla!!


La lista della spesa:
-400g di farina
- 150g di zucchero
- 200g di burro salato
- 2 uova
- qualche goccia di estratto naturale di vaniglia
- la scorza grattugiata di un limone bio
- un mazzolino di timo
- un barattolo di confettura di more (io confettura di more Bio Zuegg)
- gelatina di albicocche per lucidare (facoltativa)
- zucchero a velo


1) In un recipiente lavorare la farina e lo zucchero con il burro freddo tagliato a cubetti fino ad ottenere un composto sbriciolato, aggiungere quindi le uova, la scorza di limone e  la vaniglia. Continuare a lavorare velocemente. Per ultimo aggiungere le foglioline di timo (separare le foglie dai bastoncini!), impastare fichè il composto non sarà omogeneo e riporre in frigorifero per circa 30 minuti.
2) Stendere circa metà della frolla preparata e foderare una tortiera precedentemente imburrata ed infarinata. Bucare la pasta con i rebbi di una forchetta e farcire con la confettura di more. 
3) Sbriciolare sulla crostata il resto della pasta e infornare a 180° per circa 20 minuti, finchè non sarà cotta e dorata. Fare raffreddare
4) Scaldare a piacere la gelatina di albicocche e lucidare la torta spennellandone la superficie. Prima di servire spolverizzare leggermente con zucchero a velo.
Se volete gustarla al meglio servitela tiepida con una pallina di gelato alla vaniglia.


L'abbinamento di VivailVino:

Questa è la settimana che Ambra dedica alla dolcezza......... Delle vere tentazioni queste torte!
La confettura di more mi ha immediatamente riportato ad un vino dolce che già al naso ci propone questo tipo di sentore, frutti di bosco e note floreali per un delicato bouquet aromatico.
Stiamo parlando della Malvasia di Castelnuovo Don Bosco della Cascina Gilli. Siamo nel basso Monferrato, qui la Malvasia di Schierano, vitigno tipico della zona, viene vinificata per offrirci un vino da dessert di un bel color rubino, dissetante e di facile beva.
Da stappare e servire subito ( ad una temperatura tra 6 e 8 gradi), rivela nel bicchiere una spuma delicata e una vivacità persistente. In bocca la dolcezza è bilanciata da una buona freschezza che la rende davvero piacevole. Interessante anche  la bassa gradazione alcolica, a livello di quella del Moscato d'Asti.
Allora immaginate un giardino fiorito, con un tavolino, una fetta di torta e un bel calice di vino..... e a questo punto che dire se non buona merenda!
Trovate la Malvasia di Cascina Gilli in enoteca a circa 7,50 euro oppure potete acquistarla direttamente in azienda, uno storico edificio del 1700 circondato da venti ettari di terreno.
Buona pausa golosa, alla prossima settimana!
Sabina

17 commenti:

  1. Che torta meravigliosa...Super deliziosa!!!

    RispondiElimina
  2. E' vero, pioggia permettendo è proprio tempo da pic nic! Speriamo il tempo regga per questo ponte!
    Buonissima questa crostata, la replico per la colazione di domani ^^

    RispondiElimina
  3. che bona questa crostatina!!!bravissima

    RispondiElimina
  4. Io di fronte a queste ricette delicate ed eleganti mi sciolgo...Ambra, che neraviglia! Un bacione carissima (ora sbirciamo il Contest...ci era sfuggito, come tanto cose nell'ultimo periodo, un po' troppo denso di lavoro per entrambe...).
    bacione e buon ponte
    simo

    RispondiElimina
  5. Questa crostata fa subito primavera!
    Complimenti

    RispondiElimina
  6. Questa frolla dev'essere buonissima anche per fare dei semplici biscotti!

    RispondiElimina
  7. Ciao! bellissima, quasi quasi le sbriciolate le preferiamo alle classiche! poi con una cremosissima e golosissima marmellata...è il massimo!
    bravissima!
    baci baci

    RispondiElimina
  8. Che idea il timo nella frolla, ci proverò sicuramente e ho anche qualche barattolo di marmellata di more da smaltire :)

    RispondiElimina
  9. E' una crostata bellissima, dai profumi eccezionali. Complimenti! (p.s. anche i fiori sono bellissimi e donano alla foto una magica atmosfera!) :)

    RispondiElimina
  10. Che bella crostata, mi piace l'idea del timo. E bellissime anche le foto!
    Ciao
    Alessandra

    RispondiElimina
  11. Sarà buonissima!! magari potessi stendere la mano... baci

    RispondiElimina
  12. Crostata super invitante! Ricetta da segnare e provare il prima possibile! Ciao ciao, Chiara!

    RispondiElimina
  13. questa idea del timo te la rubo immediatamente!!!!
    bravissima!!!

    RispondiElimina
  14. fantastica non l'ho mai fatta col timo ...complimenti per le foto

    RispondiElimina
  15. col caldo che fa qui si può fare anche un pic nic al mare :)
    e questa crostata è sicuramente da portare :P
    buon we

    RispondiElimina