mercoledì 16 gennaio 2013

Linguine risottate nello spumante con spada, limone e pepe di Sichuan


Buongiorno gente! Benvenuti all'appuntamento del mercoledì con ricetta+vino abbinato. Oggi gli amici di VivailVino ci hanno regalato un abbinamento davvero speciale, ma cominciamo con la ricetta, si tratta di un primo piatto dal gusto fresco, frizzante! La ricetta è davvero veloce e può essere un valido spunto per deliziare ospiti dell'ultimo minuto.
Prima di lasciarvi la ricetta voglio ringraziare tutti per il sostegno, i consigli e l'affetto che mi avete dimostrato nel post precedente...grazie di cuore, siete grandi!

La lista della spesa (per 2/3 persone):
- 200g circa di linguine di grano duro
- 200g di filetto di pesce spada
- spumante brut q.b.
- brodo di pesce q.b.
- 2 spicchi d'aglio
- 1 mazzolino di prezzemolo
- pepe di Sichuan
- zesta di limone grattugiata
- olio extravergine
- sale

1) In una padella scaldare un giro d'olio con i due spicchi d'aglio (io li ho messi interi e poi tolti, se invece siete amanti dell'aglio potete anche tritarli) e rosolarci dentro il pesce spada tagliato a cubetti a fiamma alta per alcuni istanti, togliere l'aglio e mettere il pesce da parte.
2) Nella stessa padella metterci la pasta secca ed ammorbidirla con lo spumante, lasciare cuocere come si fa con il risotto, aggiungendo di volta in volta spumante alternato a brodo di pesce fino a cottura della pasta, regolare di sale, unirvi il pesce spada e il pepe di sichuan a piacere, per ultimo il prezzemolo fresco e la zesta di limone grattugiata.


L'abbinamento di VivailVino:
Una ricetta quattro stagioni, veloce da preparare e davvero appagante, un piatto per mille occasioni. Ed essendo lo spumante uno degli ingredienti dellanostra creazione di oggi, quale miglior occasione per proseguire anche a tavola con le bollicine??
Come già sapete dall’altra settimana, a noi di Viva il Vino piace portarvi in giro per l’Italia alla scoperta di tutte quelle meravigliose produzioni di qualità di cui il nostro Paese è ricco, quindi
dopo essere stati in Trentino facciamo un salto in Lombardia alla ricerca della bottiglia per il nostro abbinamento!
In provincia di Pavia sulle colline strette tra Piemonte ed Emilia sorge l’azienda Castello di Cigognola che, oltre ad una straordinaria Barbera pluripremiata dai critici, produce ora anche lo spumante Oltrepò Pavese Pinot Nero Brut More, perfetto per le nostre linguine.
Un vino che nel bicchiere si presenta di colore paglierino e con perlage fine. Al naso ci propone sentori agrumati , floreali e di pane tostato, in bocca è fresco e di spiccata sapidità
permettendoci così di compensare la tendenza dolce della pasta e del pesce spada. Sul finale ritorni di panificazione e agrumati che vanno a risaltare la zesta di limone del nostro piatto.
Il Brut More viene prodotto con il metodo classico della rifermentazione in bottiglia dopo una raccolta manuale delle uve e riposa sui propri lieviti dai 18 ai 24 mesi. Il risultato è un vino molto piacevole ed equilibrato dove…… un sorso tira l’altro! Per chiudere vi ricordiamo che il costo di questo spumante è di 16€ circa, un ottimo rapporto qualità/prezzo per la categoria.
A questo punto… buone linguine a tutti!

16 commenti:

  1. Ciao Ambra, adoro questa rubrica. Cos' come adoro le bollicine e grazie a te ho scoperto una nuova cantina, che aggungo subito ai nostri "itinerari" del weekend a caccia di bottiglie buone e chicche food. Detto questo...adoro ancor di più ricettine come questa: un piatto unico sfizioso e leggero, che mi ha conquistata!
    Un bacione
    simo

    RispondiElimina
  2. Originalissima questa idea di risottare la pasta nello spumante, certo il sapore è particolarissimo! brava davvero!
    baci baci

    RispondiElimina
  3. ..Ha l'aria di essere deliziosa...

    Le foto poi sono stupende.

    Complimenti, Giorgia

    RispondiElimina
  4. Che meraviglioso piatto... mai risottata la pasta ma bisogna che mi ci metta, l'idea è davvero geniale
    Non so cosa ci fosse nel post precedente, ora me lo leggo :))

    RispondiElimina
  5. solo da poco mi sono convertita alla pasta risottata, una vera delizia

    RispondiElimina
  6. non c'è che dire. Sembra un piatto da ristorante, di quelli che ordini sbavando sul menù. Raffinato di gusto e fresco quel che basta per non formare il classico mattone nello stomaco.

    RispondiElimina
  7. Ma che bella ricetta!!!! E poi adoro la pasta risottata!!! Ma quando mi prepari qualcosa di buono? Dobbiamo organizzare una cena a quattro mani!!! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siiiiiiiiiiiiiii!!! Che bello!!!! Chiacchiere e cucina...assolutamente da fare!!!Smack!<3

      Elimina
  8. Oddio che buoni. Penso proprio che domenica mi fionderò da mio zio per accalappiarmi una fetta di spada e riproporre questo piattino. Quanto mi sa di estate *.*

    RispondiElimina
  9. Che meraviglia...mi sembra di sentirne il profumo...

    RispondiElimina
  10. Non ho mai provato a fare la pasta risottata ... devo ammettere che la pasta per celiaci non è la più adatta a cotture di questo tipo. Però, però, però ... ce ne è un tipo che forse forse ce la farebbe a tenere ...
    La ricetta è comunque squisita ^_^

    RispondiElimina
  11. Meravigliosa questa ricetta! Io adoro la pasta risottata da cruda o da cotta a metà, trovo che assorba molto meglio certi condimenti :)
    Baci e a presto

    RispondiElimina
  12. Certo che ora parli proprio come i grandi chef!!! ho dovuto cercare su internet il significato di "zesta". Cmq questa ricetta te la rubo perchè mi sembra veloce e deliziosa (io non sono per la cucina tanto elaborata, come sai.
    Baci da zia Vivi

    RispondiElimina
  13. che bella ricetta, non ho mai provato la cottura della pasta in questo modo,mi hai incuriosita...! ciao e buona serata

    RispondiElimina
  14. Ti trovo per caso, cercando ricette di Julia Child, però ora mi sono innamorata delle tue. Blog maraviglioso!!!!

    RispondiElimina