lunedì 30 gennaio 2012

Piccola bottega di campagna - Gennaio


Buona settimana a tutti!!
Qui in Piemonte siamo sommersi dalla neve e voi, come ve la passate?
In fondo è un altro modo per ricordarsi che siamo in inverno, vi posso assicurare che non tutti se lo ricordano...sono appena tornata da un bellissimo week-end nell'astigiano e devo dire che purtroppo al ristorante peperoni, melanzane e zucchine le ho trovate un po' ovunque con mio sommo disappunto...prendetemi così...è più forte di me!!
Del week-end forse vi parlerò ma voglio iniziare questa settimana premiando chi non si è dimenticato di utilizzare verdure di stagione per i suoi piatti e cioè i partecipanti della PbC di gennaio. Questo mese è stato difficile decretare un vincitore perchè le ricette erano davvero molto belle ma io, che sono una persona estremamente corretta, questo mese ho lasciato che fosse lo Staff di Malvarosa Edizioni a decidere perchè tra le partecipanti c'era Claudia una mia carissima amica e non volevo che questo influisse sulla scelta del vincitore. Quindi, a questo punto, è davvero con immenso piacere che posso annunciavi  che la PbC di gennaio è stata vinta proprio da...


-

Dosi per 2 persone 

150 gr di pasta sfoglia fresca già pronta
1 piccolo cavolfiore
1 porro 
10 pomodori piccadilly
olio evo
sale
pepe

Separate le cimette del cavolfiore e farlo cuocere in abbondante acqua salata con l'aggiunta di un goccio di latte per evitare che l'odore vi appesti casa. Nel frattempo in una padella rosolate ill porro co 2 cucchiai di olio  evo aggiungete i pomodorini tagliati a pezzetti e infine le cimette di cavolfiore morbidissime. Con una forchetta schiacciate il cavolfiore fino a ridurlo a crema, aggiungendo un pò della sua acqua di cottura fino a creare una salsa.
Prendete i fogli di sfoglia e con un coppapasta ricavatene tanti cerchi. Riportate a bollore l'acqua di cottura del cavolfiore e gettatevi le lasagnette cuocendole per circa 2-3 minuti. Scolatele e componente la vostra lasagna alternando la sfoglia e la salsa di cavolfiore e pomodoro in una teglia da forno. Cospargete con del pangrattato e gratinate al grill per circa 5 minuti .

Complimenti di cuore alla cara Claudietta!!! Sei grande! E voi...tutti sulla linea di partenza pronti a scoprire i nuovi ingredienti per il mese di febbraio!!! Vi aspetto!!!

giovedì 26 gennaio 2012

Tagliolini agli scampi e cuori di carciofo profumati all'arancia


Avevo proprio voglia di scampi...mmm...è così, mi vengono improvvisamente le voglie e finchè non mangio quello di cui ho voglia rompo letteralmente le scatole, soprattutto a mio marito!! Quindi per me le gravidanze sono state praticamente la normalità...insomma io le voglie ce le ho sempre!!! E voi? Non vi capita improvvisamente di volere assolutamente mangiare quella cosa lì o andare a mangiare in quel posto lì??!! Ditemi che sono normale!!! In attesa di un responso a questo quesito io gli scampi me li sono comprati e anche mangiati!! Ho cucinato questi tagliolini freschi unendo il sapore del carciofo con quello degli scampi il tutto legato dal cognac e rinfrescato dall'arancio...il risultato è davvero ottimo!


La lista della spesa:
- 250g di tagliolini freschi 
- 3 carciofi
- 8/10 scampi freschi
- un bicchiere di cognac
- la scorza grattugiata di un arancio
- olio evo
- due spicchi d'aglio
- 1 limone
- un mazzetto di prezzemolo fresco
- sale e pepe

1) Pulire i carciofi scartando le foglie esterne e mantenendo solo il cuore. tagliarli in quarti, eliminare la "barba" interna e lasciarli in un recipiente con l'acqua e il limone spremuto per non farli annerire. 
2) Scaldare due cucchiai di olio evo in una padella con gli spicchi d'aglio, fare rosolare alcuni istanti quindi aggiungervi gli scampi puliti ed asciugati. Cuocere per alcuni secondi per lato quindi mettere da parte.
3) Aggiungere nella stessa padella i carciofi precedentemente tagliati a fettine e farli stufare nel fondo di cottura degli scampi. Eliminare gli spicchi d'aglio e rimettere gli scampi in padella scaldare bene a fuoco vivo e sfumare il tutto con il cognac, abbassare la fiamma e lasciare cuocere ed insaporire alcuni minuti, regolare di sale e di pepe.
4) Lessare la pasta in acqua bollente salata, scolarla velocemente lasciando anche un po' di acqua per andare ad allungare il sugo, qualche minuto prima che sia a cottura e saltarla in padella con il sugo fino a cottura raggiunta.
5) Aggiungervi il prezzemolo tritato e la scorzetta di arancia, impiattare e finire con un giro d'olio all'arancio Marina Colonna. 

martedì 24 gennaio 2012

Risotto alla pizzaiola...made in Italy


Il pomodoro per me è proprio uno dei simboli principali del nostro paese e quando Cirio mi ha coinvolto con il suo progetto e mi ha chiesto di pensare ad una ricetta con i loro prodotti tutto quello che mi è venuto in mente da subito e l'Italia con i Suoi sapori...così dapprima sono "nati" gli Involtini e poi questo risotto meraviglioso con tanto pomodoro e mozzarella filante...il profumo dell'origano, il parmigiano e un filo di olio buon...buon appetito!

La lista della spesa:
- 250g di riso per risotti
- 1/2 cipolla dorata
- 1 bottiglietta di passata La verace - vellutata Cirio 
- 2 mozzarelle di qualità
- parmigiano grattugiato
- origano fresco o secco
- 2 cucchiai di olio evo
- brodo vegetale q.b.
- sale e pepe

1) Tritare la cipolla e rosolarla nell'olio extravergine per qualche secondo, poi aggiungervi il riso e tostarlo nella padella, quindi unirvi la passata La verace - vellutata Cirio e il Supercirio - concentrato di pomodoro , mescolare bene.
2) Bagnare il riso con del brodo bollente e lasciare cuocere aggiungendo altro brodo ogni qual volta viene assorbito dal riso, ci vorranno circa 10 minuti/un quarto d'ora. Regolare di sale e di pepe.
3) Tagliare la mozzarella a cubetti, aggiungerla al riso con 4 cucchiai di parmigiano e una spolverata di origano, lasciare mantecare alcuni istanti. Servire con un filo di olio a crudo.


lunedì 23 gennaio 2012

Involtini gustosi su letto di pomodoro italiano


Siamo nel week end e ho l'impressione che le ore ti scivolino via dalle mani sempre più velocemente, come l'acqua che viene risucchiata dal sifone...sono già le 15.00 e che cos'ho fatto?? Nulla, assolutamente nulla...anzi sì, gli involtini per il pranzo...niente male! Ma allora, ma vogliamo farlo "fruttare" questo week end?? Ci proveremo ma prima vi lascio la ricetta degli involtini...buoniiii!


La lista della spesa:
- 4 fettine di carne di vitello sottili
- 4 fette di mortadella 
- fette di formaggio dolce tipo edamer
- olive verdi denocciolate
- 1 barattolo di Fior di filetti Cirio 
- 1 spicchio d'aglio
- 1 mazzetto di prezzemolo fresco
- olio evo
- sale e pepe



1) Stendere le fettine di carne e asciugarle bene con della carta da cucina.
2) Sistemarci sopra le fettine di mortadella, le fette di formaggio e le olive sistemate in fila, arrotolare le fettine e formare degli involtini che andranno assicurati con degli stuzzicadenti
3) Scaldare poco olio in una padella e rosolarci gli involtini in ogni lato per alcuni minuti a fiamma alta affinchè cuociano e si dorino bene, salare e pepare. Coprire e mettere da parte.
4) Nel frattempo scaldare 2 cucchiai di olio in un'altra padella con lo spicchio d'aglio, aggiungervi i Fior di filetti Cirio e il Supercirio - concentrato di pomodoro e far andare a fiamma bassa, il sughetto deve sapere di pomodoro crudo, quindi non deve cuocere a lungo, giusto una decina di minuti, un quarto d'ora al massimo. Buttare lo spicchio d'aglio e regolare di sale e pepe. 
5) Tagliare gli involtini a tocchetti, sistemare il sughetto di pomodoro sul fondo del piatto, accomodarci gli involtini in verticale e servirli con del prezzemolo tritato al coltello.



Non siete ancora andati sulla pagina Facebook di Cirio? Allora cliccate qui 

giovedì 19 gennaio 2012

Finger light food


Non potevo non partecipare al contest di Vale e di Cinzia...due amiche e due blogger fantastiche!! Questo mese la sfida prevedeva di preparare un piatto bianco e nero e devo dire che non è stato semplicissimo ma sicuramente mi sono divertita un mondo! Più la sfida è ardua, più io mi diverto! Ho pensato a delle verrine light...quante volte ci capita di ospitare la nostra amica perennemente a dieta o tante amiche perennemente a dita??!! Io personalmente sono sempre a caccia di spunti per poter creare dei veri e propri happy light hour...forse perchè anche io sono perennemente a dieta ma poi il week end, quando esco con gli amici a  cena o sono ospite vanifico tutti gli sforzi settimanali! Sono da sempre dell'idea che light non significhi per forza triste...bisogna fare uno sforzo di creatività e di immaginazione...ma poi ne vale la pena e potete organizzare quanti party volete!!

Verrines en noir et blanc

La lista degli ingredienti:
Le quantità per questa ricetta vanno un po' ad occhio, valutate voi sulla base dei bicchierini da preparare.
- riso venere nero
- riso basmati
- formaggio tipo primosale o feta
- olive nere denocciolate
- yogurt bianco magro
- succo di limone
- semi di papavero
- sale e pepe

1) Lessare separatamente i due tipi di riso seguendo le indicazioni riportate nella confezione, scolarli e sciacquarli in acqua fredda per fermare la cottura. Condirli, sempre separatamente, con una vinaigrette preparata con l'olio alla senape, il succo di limone, sale e pepe.
2) Tagliare il formaggio a cubetti piccoli piccoli e le olive a fettine sottili 
3) Assemblare il bicchierino alternando gli strati di riso bianco e nero, quindi distribuire sulla superficie i cubetti di primosale/feta, uno strato di olive affettate ed infine coprire con lo yogurt condito con un filo d'olio extravergine e sale.
4) Decorare con i semi di papavero e servire 



lunedì 16 gennaio 2012

Entremets chocolat et clémentines


Quando ho visto la sua ricetta tempo fa me ne sono immediatamente innamorata, all'epoca la provai nella versione originale e devo dire che è meravigliosa!! Volevo però fare una mia versione, magari la mia di una serie...le entremets mi piacciono tantissimo quindi ci saranno altre sperimentazioni!!
Questa volta ho giocato sull'abbinamento tra il cioccolato e le clementine ed il risultato è un dolce delicato con una fesca nota agrumata che però si stempera dolcemente nell'insieme dei sapori. Vi invito a provarlo!!


Per il biscuit al cioccolato:
- 80 g di cioccolato fondente da copertura
- 60 g di burro morbido
- la scorza di due clementine bio
- 2 albumi 
- 30 g di zucchero
- 20 g di farina
- 20 g di maizena
Per la gelatina di clementine e vaniglia:
- 400 ml di succo di clementine 
- 120 g di zucchero
- 4 fogli di gelatina 
- 1/2 bacca di vaniglia bourbon
- la scorza grattugiata di 2 clementine bio
Per la mousse leggera al cioccolato:
- 150 g di cioccolato fondente da copertura
- 100 ml di latte fresco intero
- 2 fogli di gelatina
- 250 g di panna fresca da montare
- la scorza grattugiata di 3 clementine bio


1) Far sciogliere il cioccolato a bagnomaria e incorporare il burro e la scorza delle clementine. 
2) Montare gli albumi a neve aggiungendo in due volte lo zucchero e incorporarvi a mano delicatamente il cioccolato fuso e successivamente la farina e la maizena pochi cucchiai per volta mescolando dal basso verso l'alto per non smontare il composto che deve essere spumoso.
3) Spalmare l'impasto sul fondo di uno stampo a cerniera da 24 cm o direttamente su una placca da forno foderata con carta forno ad uno spessore di 1/2 cm circa. Cuocere un quarto d'ora in forno caldo a 160°. Far raffreddare a estrarre dagli stampi, mettere da parte.
4) Procedere con la preparazione della gelatina mettendo i fogli di gelatina in acqua fredda ad ammorbidirsi.
Portare a bollore il succo di clementine con lo zucchero, la scorza grattugiata di due clementine e la stecca di vaniglia aperta in due e i semi già raschiati dalla bacca e stemperati nel succo. Ridurre della metà, filtrare e sciogliervi dentro i fogli di gelatina precedentemente strizzati. Versare tutto nello stampo utilizzato in precedenza foderato con la pellicola o negli stampini che si desidera utilizzare. Io ho tagliato il biscuits con un tagliapasta rotondo e ho versato la gelatina in 5  stampini rotondi (più o meno dello stesso diametro del taglia past) foderati con la pellicola. Mettere in frigorifero per almeno 4 ore o in freezer per circa 2 ore.
5) Preparare la mousse di cioccolato facendo sciogliere il cioccolato a bagnomaria. Portare ad ebollizione il latte con dentro la scorza di una clementina tagliata sottile con un pelapatate facendo attenzione a non includere la parte bianca. Versare il latte sul cioccolato in più passaggi avendo cura di incorporarlo bene in modo da ottenere un composto liscio.
6) Montare la panna e incorporarvi poco per volta il cioccolato intiepidito, quasi freddo, facendo attenzione a mescolare delicatamente dal basso verso l'alto per non smontare la panna, unirvi anche la scorzetta grattugiata delle clementine.
7) Procedere ad assemblare il dolce posizionando il biscuit alla base dello stampo/stampini coperto da pellicola. Versare la metà della mousse, posizionare la gelatina di clementine ed infine versare l'altra metà della mousse. Coprire con la pellicola e mettere nel congelatore almeno 6 ore, in realtà si può lasciare lì e tirarla fuori quando serve. Trasferire l'entremets nel frigorifero almeno 6 ore prima di servire.
8) Decorare a piacere con cioccolato in polvere, scorzette di clementine e ciò che più vi piace. Io ho usato degli alchechengi.

Con questa ricetta partecipo al contest di Gianni


venerdì 13 gennaio 2012

Brasato glassato al mosto d'uva e frutta secca con zucca al forno


Da brava piemontese (adottata ma sempre piemontese) vado orgogliosa dei miei secondi di carne, non è un mistero che io sia molto legata alla territorialità dei prodotti per cui a casa mia c'è molta carne e poco pesce, di cui faccio scorpacciate quando vado in vacanza al mare.
Il contest di Eleonora mi è piaciuto subito, amo le pietanze di carne che cuociono a fuoco lento per ore inondando la casa di profumini confortevoli...mmm...che languorino! Così è nata l'idea di questo brasato agrodolce glassato con il vino cotto e arricchito con noci e pinoli che danno croccantezza al piatto...a me è piaciuto molto! Ho deciso di accompagnarlo con delle fette di zucca al forno che danno colore all'insieme e riprendono le note dolci del brasato.


La lista della spesa:
- 1 pezzo di ottima carne per brasato e arrosto (1 Kg circa)
- olio evo
- 1 cucchiaio di burro
- 2 bicchierini di sapa (mosto d'uva cotto)
- 1 bicchiere di vino rosso corposo tipo dolcetto o barbera
- brodo di carne q.b.
- 2/3 cucchiai di gherigli di noce tritati grossolanamente
- 50g di pinoli
- 1 cucchiaino di maizena
- sale e pepe

Per il contorno:
- 1 piccola zucca tipo mantovana
- 2 spicchi d'aglio
- olio evo
- sale e pepe

1) Asciugare la carne ben bene con della carta da cucina, quindi insaporire la superficie con sale e pepe e farvi aderire la frutta secca dappertutto
2) In una casseruola scaldare due cucchiai di olio e il burro e farvi rosolare la carne a fuoco vivo da tutti i lati in modo da sigillare la superficie ed evitare la fuoriuscita dei succhi della carne
3) Sfumare con un bicchierino di sapa e quindi aggiungervi il vino, regolare di sale e pepe ed abbassare le fiamma, lasciare coperto e cuocere per 2 ore e mezza/3 ore girando di tanto in tanto ed aggiungendo un po' di brodo se si asciuga troppo
4) Nel frattempo pulire la zucca e tagliarla a fette tutte uguali, disporle in una teglia da forno ricoperta con carta forno, tagliare gli spicchi d'aglio a fettine e distribuirle in modo sparso nella teglia. Salare e pepare e irrorare la superficie con un filo d'olio evo. Cuocere in forno ventilato a 200° per circa 10 minuti, finchè non sarà tenera.
5) Filtrare il fondo del brasato tenendo da parte la frutta secca, aggiungere al fondo del brodo e il secondo bicchierino di sapa, in poco succo stemperare il cucchiaino di maizena e poi ributtare il tutto nel pentolino con il sugo del brasato, fare sobbollire finchè si raddenserà e velerà il cucchiaio. Unirvi nuovamente la frutta secca.
6) Tagliare il brasato a fette e distribuirvi sopra il sughetto, a piacere aggiungervi anche dell'altra frutta secca tritata grossolanamente per decorare e servire insieme alla zucca al forno.

Con questa ricetta partecipo al contest di Eleonora in collaborazione con Gualtiero Villa e Teatro 7 



mercoledì 11 gennaio 2012

Scones al grano sareceno e cranberries e...il nuovo Gattoghiotto

Servizio da tè Easy Life 
Buongiorno a tutti!
Vi do il benvenuto nel mio blog ristrutturato di fresco...allora che ne dite? Vi piace la nuova grafica? Per questo devo ringraziare davvero il mio maritino che si è messo d'impegno cercando di realizzare tutto ciò che desideravo....o almeno ci ha provato e devo dire che mi piace moltissimo per di più il fatto di aver creato tutto questo con lui lo rende ancora più bello ai miei occhi! Il maritino?? Ma no...parlo del blog! 
Vi avevo annunciato che avevo voglia di cambiamenti...ed eccomi qui!
Tranquillizzo subito i clienti della mia Piccola bottega di campagna che erano abituati a vedere gli ingredienti della sfida mensile sul mio header...non vi preoccupate, troverete gli ingredienti del mese nella colonna a destra sotto al banner del contest.
Ma passiamo alla ricetta di oggi, si tratta dei famosi dolcetti anglosassoni che mi piacciono tanto, soprattutto appena sfornati! Ho pensato ad una versione più rustica, con la farina di grano saraceno ed al posto delle uvette ho aggiunto i cranberries...buoniiii!!!Vi consiglio di farcirli con della confettura casalinga e di assaporarli con un buon tè.

Servizio da tè Easy Life 
La lista della spesa:
- 250g di farina00
- 250g di farina di grano saraceno
- 110g di burro
- 300 ml di latte + altro per ammorbidire i cranberries
- 2/3 cucchiai di cranberries essiccati a piacere
- 3 cucchiai di zucchero di canna
- mezza bustina di lievito per dolci
- 1 pizzico di sale
- confettura fatta in casa

1) Miscelare le farine setacciate con il lievito,lo zucchero ed il sale e lavorarle con il burro freddo tagliato a cubetti.
2) Aggiungere il latte poco per volta finchè non sarà bene amagamato ed il composto non risulterà un po' appiccicoso, aggiungere quindi i cranberries precedentemente ammorbiditi in poco latte e scolati e incorporare bene al composto.
3) Aggiustare con della farina se risulta troppo morbido fino a che l'impasto non si riesca a stendere bene ad uno spessore di 2 cm circa.
4) Con l'aiuto di un taglia pasta ricavare dei dischetti e sistemarli su di una placca da forno rivestita con carta forno.
5) Cuocere per 15/20 minuti circa a 180° finchè non saranno dorati, servire tiepidi e farciti con la confettura e volendo anche con del burro...naturalmente per il tè delle cinque!!!

Con questa ricetta partecipo al contest di Creare con lo zucchero



Servizio da tè Easy Life 

lunedì 9 gennaio 2012

Frittelle salate al radicchio e panettone


Panettoni da smaltire? Ok, ci sarebbero anche i chiletti da smaltire ma preferisco cominciare dai panettoni soprattutto se sono panettoni Loison, buonissimi e fatti solo con cose buone, l'altra sera mangiavo una fetta di quello all' amarena ed ho notato tanti piccoli puntini di vaniglia (vera!!) che costellavano la fetta...meraviglioso!
Per la ricetta di oggi ho utilizzato il panettone al prosecco, il risultato è stato davvero ottimo...provate anche voi e se cercate altre ricette per utilizzare il panettone andate sul sito Insolito panettone.

La lista della spesa:
- 2 radicchi lunghi
- 100g di pancetta dolce a cubetti
- 1 scalogno
- 1 fetta di panettone al prosecco Loison
- 100g di farina
- 2 uova
- 150g di latte
- 60g di parmigiano
- olio evo
- olio di semi per friggere
- sale e pepe

1) Lavare e mondare i radicchi, tagliarli a striscioline e rosolarle in poco olio insieme allo scalogno precedentemente pulito e sminuzzato. Aggiungere alle verdure i cubetti di pancetta e lasciare cuocere alcuni minuti fino a che non saranno dorati. Regolare di sale e pepe e mettere da parte.
2) Preparare la pastella sbattendo le uova e aggiungendo piano piano la farina setacciata ed il latte, incorporare anche il parmigiano, la consistenza non deve essere troppo liquida ma sostenuta, regolare di sale e di pepe e mettere in frigorifero a riposare per circa 15 minuti.
3) Nel frattempo sbriciolare il panettone in un recipiente. Versare il radicchio ed il panettone nel recipiente con la pastella e mescolare bene.
4) Friggere le frittelle a cucchiaiate in abbondante olio di semi ben caldo finchè non saranno belle dorate, tamponare l'eccesso di olio con della carta da cucina e servire.



venerdì 6 gennaio 2012

Torta morbida allo yogurt e dulce de leche

Piattino Green Gate 

Quanti progetti porta con se il nuovo anno e quanti buoni propositi! Innanzitutto ho voglia di fare 1000 cose, ho voglia di una ventata di freschezza, e sicuramente anche il blog risenterà di questo stato d'animo...chissà...ma non vi anticipo niente se non che dovrete avere un po' di pazienza anche perchè mi devo ancora ristabilire da questa brutta influenza! Infatti ho tanta voglia di coccole e così ho "sacrificato" il prezioso barattolino di dulce de leche comprato in Francia e gelosamente conservato...non me ne sono affatto pentita! La ricetta dalla quale sono partita è quella di Damiana del Fiore di Nutella , Nutella che ho sostituito con il dulce de leche ma posso garantirvi che anche la versione originale è fantastica...a proposito, conoscete i dolci di Damiana? Sono strepitosi, semplici, genuini e immensamente buoni...proprio come lei...non deludono mai!!!Io penso di averne adottati 6 o 7...sono perfetti anche per le mamme, infatti i miei bimbi li adorano!...Andate a farci un salto quando avete bisogno di zuccheri, ne vale la pena!

Piattino Green Gate 


La lista della spesa:
- 500 g di farina,
- 150 g di zucchero
- 2 vasetti di yogurt da 125 g
- 1 uovo
- 130 g di burro fuso
- 1 bustina di lievito
- vaniglia
- un pò di latte se serve
- dulce de leche
- zucchero a velo

1) Mettere tutti gli ingredienti nel mixer fino ad ottenere un bell'impasto sodo ed elastico.
2) Stendere in un rettangolo di circa mezzo centimetro e spalmare con il dulce de leche.
3) Formare un rotolo e tagliare in circa 8 pezzi.Disporre in una teglia foderata di carta forno.I pezzi devono essere abbastanza vicini e con il lato non tagliato verso il basso.
4) Cuocere a 180°per circa trenta minuti.A piacere spolverizzare con lo zucchero al velo.


Piattino Green Gate 

lunedì 2 gennaio 2012

La Piccola bottega di campagna di gennaio - Cavoli e porri


Intanto...buon anno a tutti!!! So di essere in ritardo ma sono in balia di una brutta influenza che mi costringe a letto...in realtà anche il 2011 era iniziato così ed è stato un anno pessimo!! Speriamo di no...comunque sarò telegrafica dato che ho la capoccia che mi gira e i brividi per la febbre...la sfida di gennaio è Cavoli e Porri...inutile dire che vi aspetto tutti ma proprio tutti!! Vi lascio con il consueto regolamento...etciù etciù!
Oddio Oddio...vado sotto le coperte...bacione.


Regolamento:
1) Per partecipare si dovrà realizzare una ricetta (assolutamente a piacere) con gli ingredienti presenti sul mio header, per il mese di gennaio cavoli e porri, e postarla/inviarla entro le ore 24.00 del giorno 20 del mese stesso.

ATTENZIONE: Bisogna utilizzare tutti gli ingredienti presenti nell'header!

2) Chi può partecipare?
Tutti, chi ha un blog posterà la ricetta completa di foto e mi invierà il link come commento a questo post , chi non ha un blog potrà inviarmi il materiale via mail (ilgattoghiotto@gmail.com)
IMPORTANTE: Chi ha un blog deve ricordarsi di inserire il banner nella home page e di linkare questo post e anche il sito di Malvarosa Edizioni e se vi va potete unirvi su facebook alla pagina di Malvarosa cliccando qui 

3) Valgono le ricette già postate purchè contengano tutti gli ingredienti richiesti

4) Si può partecipare con più ricette

5) Il giudizio sarà globale, si valuterà sia la preparazione che la presentazione senza mai trascurare la qualità delle foto

6) Il vincitore del mese avrà l'onore di vedere pubblicata la sua ricetta in uno spazio esclusivo sul sito di Malvarosa Edizioni dove rimarrà per tutto il mese


Vi aspetto!


I partecipanti di gennaio:

1) Scialatelli in verde di diariodicucina
2) Pastina in brodo di Vaniglia e Cannella
3) Tortine stellari ai porri e fagioli con cavoletti al mandarino di Oggi pane e salame domani...
4) Vellutata di cavolfiore, porro e zenzero con cavolo nero di Arte in cucina
5) Frittatina di porri con cruditè di cavolfiore di Creare con lo Zucchero
6) Polpette light di verdure di Arte in cucina
7) Vellutata di cavolo nero con porro croccante di Scorribande in cucina
8) Soufflè/Sformato al cavolfiore con porri e semi di papavero di Spadelliamo insieme
9) Penne di kamut con broccolo romano e porro di Di pasta impasta
10) Fagottini porri e cavoletti di J'ai  le Chocolat
11) Lasagnetta al cavolfiore, porro e pomodoro di VerdeCardamomo
12) Crema di porro con cavolo ai pop corn di My taste for food
13) Involtini prosciutto, verza e porro di Arte in cucina
14) Cheeseburger al salmone con porri e crema di cavolfiore di Fashion Flavors
15) Corona di riso con cavolfiori e salsiccia di A tutta cucina
16) Risotto con cavolo rosso di La ricetta della felicità
17) Torta salata rustica di kamut di Zampette in pasta
18) Orzotto con porro e cavolo di  My taste for food
19) Risotto chic di VerdeCardamomo
20) Spaghetti in crema di porri con il cavolfiore e porro croccante di La Cucina che Vale
21) Vellutata di cavolo viola e porri di Essenza in cucina