mercoledì 31 marzo 2010

Una qiche per la gita fuoriporta

Pasq1-ok 

Solo uno spunto per la giornata di lunedì, mi sembrava una bella idea per la gita di pasquetta…io trascorrerò la giornata con i miei amici in montagna e per me sarà sicuramente una giornata piena di serenità e felicità…auguro a tutti quelli che passano di qui una buona Pasqua (lo faccio adesso così non mi dimentico nei prossimi giorni) e una felice gita fuoriporta!!!

Pasq2-ok Ingredienti:

- 1 rotolo di pasta sfoglia

- 1 mazzetto di barba del frate lessata

- 10 uova di quaglia + 1 uovo leggermente sbattuto per la doratura

- 150g di provolone dolce

- Senape q.b.

- Parmigiano grattugiato q.b.

1) Stendere la pasta sfoglia in una teglia rotonda e bucherellare il fondo con i rebbi di una forchetta

2) Spalmare la senape sul fondo della torta (regolatevi a seconda del gusto se vi piace più delicata metterne un velo se invece vi piacciono i gusti più decisi mettetene un po’ di più)

3) Mixare il provolone e cospargere il fondo della torta con 2/3 del formaggio

4) Adagiare la barba del frate sullo strato di provolone e creare dei piccoli spazi in mezzo all’erbetta per poter mettere le uova di quaglia

5) Rompere le ovette (stando attenti a farle rimanere intere) e metterle nei buchi precedentemente creati

6) Terminare cospargendo la superficie della quiche con il provolone rimanente e poco parmigiano (facendo attenzione a non metterli sopra le uova)

7) Dorare la pasta sfoglia spennellandola con l’uovo leggermente sbattuto e infornare a 180°per 20 min

Pasq3-ok

lunedì 29 marzo 2010

Voglia di primavera...

s5n3_ok

Quando arriva questa primavera??? Ieri sole evvaii!!! Tepore e voglia di uscire, voglia di cose fresche…anche la mia dieta col sole non sembra così triste!!! Adesso di nuovo pioggia e freddo!!!Uffa! Ma io da un paio di settimane ho deciso: E’ ufficialmente primavera!!! E allora via con le maniche a 3/4, vestitini e décolletè…piove??E chi se ne frega! Tanto è primavera! Hihihi!! Quindi si va al mercato e si compra cosa? Questi bellissimi spinacini teneri da fare in insalata con cubetti di emmentaler, mela grammy smith, noci e salsa vinaigrette…light ma con gusto!

Ok, domani prometto che posto una ricetta vera…guardate che questa insalatina non era niente male!! Avrò perso un etto??!!!Bah!

s5n2_ok s5n1_ok

giovedì 25 marzo 2010

Di che colomba sei???

Profilo numero 1: L’originale – Cestino di pasqua con erbe di campo e uova di quaglia

cest5_ok

Se scegli questo profilo sei una persona anticonvenzionale che non fa caso alle apparenze…l’importante per te è stupire sempre e comunque!!

cest2_ok  cest3_ok

Ingredienti:

- 2 rotoli di pasta sfoglia

- 4 cucchiai abbondanti di maionese

- 1/2 vasetto di yogurt magro

- 1 tuorlo per dorare la sfoglia

- Erbe di campo (per me tarassaco, barba del frate e asparagi)

- Fiori commestibili di campo (per me primule)

- 6 uova di quaglia sode e sgusciate

1) Stendi un rotolo di pasta sfoglia e sistemalo in uno stampo per colomba

2) Con l’altro foglio creare delle striscioline che poi vanno intrecciate e fatte aderire al bordo della colomba+2 treccine che formano i manici del cestino (io li ho fissati ad un sostegno costruito con alluminio e carta da forno e fissato al fondo della torta)

3) Dorare la superficie della sfoglia spennellando il tuorlo sui bordi e sui manici, infornare a 180°per 15/20 min o comunque fino a quando la sfoglia non risulterà cotta e dorata

4) Lasciare raffreddare e rimuovere molto delicatamente lo stampo ed i supporti dei manici

5) Versare sul fondo del cestino il composto di maionese e yogurt che avrò precedentemente miscelato e sistemare bene le erbe di campo i fiori e le uova di quaglia

E’ un ottima idea per il centrotavola del pranzo di Pasqua, abbellisce la tavola e si mangia anche!!!

cest1_ok

 

Profilo numero 2: La golosa – Colomba alla mousse di gianduiotto e tonde gentili del Piemonte

colc4_ok

Se scegli questo profilo sei una persona dolce ed affettuosa, ami coccolare e farti coccolare e cerchi di vivere la vita sfruttando al meglio ogni momento!!!

colc1_ok

Ingredienti per l’impasto (è quello dei panini dolci/brioches):

- 500g di farina

- 125g di zucchero

- 75g di burro

- Lievito di birra (1 cubetto o una bustina di lievito di birra in polvere)

- 2 tuorli

- 10g di sale

- Aroma naturale di arancia e di limone (o le scorzette di arancio e limone non trattati)

- 1 pizzico di vanillina

- Acqua tiepida circa 400g

Ingredienti per la ganache/mousse:

- 240g di cioccolato al gianduja (io ho messo gianduiotti e ovetti di Guido Gobino e del cioccolato al gianduja)

- 100g di panna montata non zuccherata

- 200g di panna da montare

- Nocciole tonde gentili del Piemonte spezzettate

1) Mettere i tuorli in un pentolino insieme agli aromi (arancia –limone-vanillina) e mescolare senza sbattere ne montare

2)Aggiungere lo zucchero , metà del sale, mescolare bene e riscaldare leggermente a bagno maria in modo che il composto si intiepidisca (attenzione a non scaldare troppo se no si trasforma in una frittatina!!)

3)Preparare il preimpasto mettendo nella planetaria 1/3 della farina , il lievito di birra e l’acqua tiepida q.b. – Attenzione, mettere l’acqua poca alla volta fino ad ottenere un impasto liscio nè troppo morbido nè troppo duro, se si esagera con l’acqua bisogna rifare tutto!!

4)Una volta formato il preimpasto immergerlo in acqua tiepida: dopo qualche secondo l’impasto verrà in superficie e questo ci farà capire che ha raggiunto il punto esatto di lievitazione

5)Toglierlo dall’acqua e metterlo  nuovamente nella planetaria, procedere con l’aggiunta della farina rimanente alternandola al composto di uova e all’acqua tiepida (anche qui attenzione alle aggiunte di acqua…non bisogna esagerare, procedere poco per volta testando la consistenza dell’impasto che deve risultare liscio ed elastico

6)Aggiungere il burro ammorbidito (per incorporarlo bene all’impasto è meglio fare a mano questa operazione e poi rimettere il tutto nella planetaria per qualche secondo) e il sale rimanente

7)Mettere l’impasto a lievitare al caldo finchè non sarà raddoppiato di volume (circa 1 ora – 90 min)

8)Lavorare l’impasto e sistemarlo in due stampi da colomba non troppo grossi

9)Mettere di nuovo a lievitare per circa 30 min ed infornarle a 200° per 15/20 min

10)Preparare la ganache facendo riscaldare la panna da montare in un pentolino e versandola bella calda sul cioccolato spezzettato, mescolare energicamente finchè non di otterrà un composto omogeneo fare raffreddare

11)Incorporare a metà della ganache la panna montata e con questa mousse farcire la colomba precedentemente taliata a metà per il senso della lunghezza

12)Colare la restante ganache sulla superficie della colomba e completare con le nocciole tonde gentili

colc3_ok colc5

 

Profilo numero tre: La raffinata – Colomba con confettura di pere profumata al fragolino e chantilly alla vaniglia

colfra3_ok

Se hai scelto questo profilo sei una persona romantica e fantasiosa, ami la raffinatezza e hai classe…insomma hai personalità da vendere!

colfra1_ok

Ingredienti per la confettura:

- 1 kg di perette piccole mature pulite e passate al mixer

- 500g di zucchero

- 1 bustina di pectina (io non avevo tempo e l’ho usata se ne avete è meglio farla senza!)

- 1/2 bicchiere di fragolino

- 1 baccello di vaniglia

1)Mettere la purea di pere in una pentola alta insieme al fragolino e ai semi di vaniglia e aggiungervi il composto di zucchero e pectina (fruttapec)

2)Portare a ebollizione, far bollire per circa tre minuti poi togliere dal fuoco e mischiare energicamente per far dissolvere la schiuma

3)Mettere ancora bollente nei barattolini sterilizzati e chiudere bene

4)Capovolgere i vasetti per pochi minuti poi rigirare e lasciare raffreddare per tutta la notte

Ingredienti e procedimento per l’impasto sono identici alla colomba “golosa”

Ingredienti per la chantilly:

- 4 cucchiai di crema pasticcera alla vaniglia (prima o poi vi do la mia ricetta)

- 100g di panna montata non zuccherata

Ingredienti per la bagna:

- 2 bicchieri di fragolino

- 1/2 bicchiere d’ acqua

- 1 cucchiaio di zucchero

Ingredienti per la glassa:

- 1/2 albume

- 80g di zucchero a velo

- Il succo di mezzo limone

- Colorante alimentare

- Fiori brinati e confettini argentati per decorare

1)Quando la colomba è pronta ricavo due strati da farcire

2)Bagnare gli strati con uno sciroppo che avrò preparato facendo bollire il fragolino con l’acqua e lo zucchero

3)Versare sul primo strato la crema chantilly, coprire con lo strato di colomba, bagnare con lo sciroppo e spalmare il secondo strato con la confettura, finire con l’ultimo strato di colomba

4)Preparare la glassa montando per cinque minuti l’albume con lo zucchero a velo, poi aggiungere il succo di limone e il colorante alimentare e continuare per ulteriori tre minuti

5)Decorare la colomba versandovi la glassa sopra e completando con fiori brinati e confettini argentati

Con queste ricette partecipo al super contest di Babs+Genny+Loison

banner colomba

colfra5_ok

martedì 23 marzo 2010

Bocconcini di coniglio al pompelmo e una splendida giornata

Con2-ok

Eccoci qui, si ritorna alle ricettine dietetiche (ma mai tristi!!), qualcuna di voi se lo aspettava!!!

Oggi però non voglio parlarvi della dieta, voglio parlarvi di uno splendido incontro che mi ha rallegrato la giornata e non solo…sono ancora su di giri!!

Oggi infatti ho conosciuto una mia vecchia o nuova (non saprei??!!) amica…è Fabiana di La zuppa di bottoni, abbiamo pranzato insieme e ho scoperto che in realtà era proprio come me la aspettavo, è stato come se ci conoscessimo da sempre…neanche un attimo di imbarazzo ma solo la voglia di confrontarci e scambiarci impressioni, passioni, abitudini. Poche ore che sono volate ancora più veloci, risate e complicità e soprattutto l’intenzione di rivedersi al più presto, la paura di perdersi di vista, una cosa preziosa che non ha un nome e che è appena nata (amicizia?).

Grazie Fabi per avermi regalato un po’ di te in questa giornata di quasi primavera….

Con3-ok 

Ingredienti:

- 5oog di coniglio in parti

- 2 pompelmi

- Farina q.b.

- Olio extravergine d’oliva

- Sale e pepe

1)Disossare il coniglio e ottenere dei bocconcini

2)Infarinarli e farli rosolare a fiamma viva in olio extravergine d’oliva caldo finchè non risulteranno dorati

3)Sfumare con il succo di un pompelmo, aggiungere anche la sua scorzetta grattugiata e cuocere a fuoco dolce per una decina di minuti finchè non si otterrà una salsina di fondo, regolare di sale e di pepe

4)Se si desidera, servire a modi spiedino alternati a pezzetti di pompelmo freschi

Con1-ok

venerdì 19 marzo 2010

Cuscus con ceci cannella e zafferano

 

Ricettina presa su Sale&Pepe di marzo e prontamente modificata in quanto andava provata subito e dico subito!! Quindi ho guardato in frigo, nella dispensa e ho diciamo…personalizzato! Tra le altre cose è in linea con la mia autoraccolta light!! Peccato che io ne abbia mangiata una quantità assolutamente non consigliata da weight watchers!!!

Buon week end!

Cous3-ok

Ingredienti (della mia versione!):

- 350g di petto di pollo tagliato a bocconcini

- 250g di cuscus

- 10 pomodorini in barattolo (se sono di stagione sostituire con i pomodori freschi)

- 240g di ceci in scatola sgocciolati

- 1 cipolla rossa

- 4 foglioline di salvia

- 1 bustina di zafferano

- Mezzo cucchiaino di cannella in polvere

- Un bicchiere di brodo

- Olio extravergine

- Sale e pepe

 

1)Affettare la cipolla e soffriggerla in poco olio extravergine d’oliva, unire i pezzi di pollo e farlo rosolare per qualche minuto

2)Aggiungere i pomodorini tagliati, fare insaporire a fuoco dolce poi aggiungere i ceci, regolare di sale e pepe poi fare andare a fuoco vivo ancora per qualche min uto

3)Sciogliere lo zafferano e la cannella nel brodo tiepido, versare nella padella con la salvia e cuocere a fuoco dolce per 15-20 min

4)Preparare il cuscus seguendo le indicazioni riportate sulla confezione (io l’ho fatto un po’ piccantino!!) sistemarlo sul piatto da portata e condire con il pollo ai ceci

 

Con questa ricetta partecipo alla raccolta della mia amica Fede

 

4125943146_e727a69037_m

 Cous4-ok Cuos1-ok

Ne apprifitto ancora una volta per ringraziare la mia amica Luna che è sempre splendida con me e mi ha riconosciuto un premio per festeggiare la primavera, lo voglio donare a tutte quelle bloggers che passano di qui e che se lo vogliono accattà (senza fare nomi!!)…buona primavera a tutti!!

-1

giovedì 18 marzo 2010

Pizza di Pasqua

 

Bene, ecco il primo post pasquale…non potevo che esordire con un classico della mia terra d’origine (Marche) nonchè di gran parte del centro Italia…La pizza di Pasqua al formaggio.

Questo “panettone” salato nella tradizione si consuma la mattina di Pasqua a colazione accompagnato a capocollo e uova sode…all’insegna della leggerezza!! Effettivamente è davvero eccezionale, per quanto mi riguarda il suo sapore fa parte del mio corredo genetico, mi evoca ricordi lontani di quando passavo la Pasqua nelle Marche insieme ai miei cugini e ai miei zii e si andava a passare il giorno di Pasqua da nonna Lina e nonno Bruno in campagna. Dalla cucina rustica provenivano profumi che mi ricorderò per sempre e c’erano sempre le pizze di Pasqua  pronte, così fragranti….ecco la ricetta

5zzaf4-ok

Ingredienti

- 500g di farina

- 150g di parmigiano grattugiato

- 5 uova

- 150g di olio extravergine d’oliva (la ricetta originale prevede lo strutto)

- 1 cubetto di lievito di birra

- 1/2 bicchiere di latte tiepido

- 1 cucchiaino di zucchero semolato

- 10g di sale

- Pepe a piacere (deve essere bella pepata!)

- Formaggio a cubetti (ci andrebbe il pecorino ma va bene anche l’emmentaler o il fontal)

 

1)In una ciotola (o direttamente nella planetaria) mettere la farina, il parmigiano grattugiato, le uova, l’olio, il sale, il pepe ed il lievito sciolto nel latte con lo zucchero

2)Lavorare bene l’impasto finchè non risulta omogeneo, continuare a lavorarlo per altri 10 min

3)Poi (dato che l’impasto risulterà morbido) cospargere con farina e lavorare a mano, incorporare i cubetti di formaggio e mettere in uno stampo cilindrico a bordi alti ben imburrato e infarinato

4)Coprire con un canovaccio e mettere a lievitare in forno tiepido per circa due ore, poi spennellarlo con olio extravergine d’oliva, infilare ancora qualche cubetto di formaggio in superficie ed infornare di nuovo a 180/200° per 50-60 min

 

Con questa ricetta partecipo al contest di Esperya e Il cucchiaio d'oro

 

 

”Image

 

 

 

5zzaf3-ok 5zzaf2-ok

martedì 16 marzo 2010

Sformatini di riso thai rosso con salmone e broccolo romanesco su crema di topinambur

 

Dico basta alla dieta triste!!! Smettiamola di pensare che mangiare in modo leggero e ipocalorico debba essere anche poco sfizioso…voglio giocare con le cose che mi fanno bene e voglio che il mio regime dietetico non influisca negativamente sul mio umore!!! E allora sdoganiamo quelle ricette che ci fanno sentire coccolate ma senza sensi di colpa (e dico senza!)…e voi volete aiutarmi? Allora, da dopo Pasqua inizia la mia sfida con la bilancia, in realtà e già iniziata da un po’ ma ho deciso che da dopo Pasqua la mia missione assumerà una valenza praticamente storica, l’obiettivo sarà quello di arrivare alla prova costume (sono tipo 15 anni che perdo il turno!!) in modo decente…beh allora mi aiutate??Chi meglio di voi che possedete la padronanza degli alimenti può aiutarmi nella mia missione??Nessuno! Allora diamo il via alla sfida, la voglio chiamare…Una ricetta per la “vita”, vi piace?? Cosa dovete fare? Postate qui i link delle vostre ricette…mi raccomando solo light e niente dolci a meno che non si tratti di qualcosa di davvero ipoipocalorico!!! Lascerò poi questo post a lato del blog così potrete inserire tutte le ricette che vi verranno in mente anche prossimamente…che dire? Grazie a tutti…vi terrò informati sulle evoluzioni del mio peso…poi vi dico se funziona!!!

Un bacione

PS per Damiana: Le zeppole non valgono!

sfor3_ok

 

Ingredienti:

- 250g di riso thai rosso

- 250g di filetto fresco di salmone

- 600g di cimette di broccoli romaneschi cotte

- Succo di limone

- 1 scalogno

- 4 topinambur

- Olio extravergine d’oliva

- Sale rosa dell’himalaya

1)Sistemare il riso in una casseruola con mezzo litro di acqua fredda, salare e pepare

2)Portare ad ebollizione e cuocere per circa 15 minuti circa finchè l’acqua non si è assorbita completamente

3)Nel frattempo pulire i topinambur e metterli a rosolare insieme allo scalogno in poco olio extravergine per qualche minuto poi coprirli con dell’acqua e farli cuocere finchè non risulteranno morbidi, regolare di sale e pepe

4)Eliminare l’acqua dei topinambur senza buttarla, passare i topinambur al mini pimer aggiungendo di volta in volta l’acqua di vegetazione fino all’ottenimento di una crema morbida e omogenea

5)Cuocere le cimette di broccolo ed il salmone al vapore

6)Ungere 6 stampini, riempirli di riso thai pressando bene

7)Preparare il condimento miscelando in un barattolo olio extravergine, succo di limone, pochissimo sale e pepe

8)Impiattare mettendo la salsina di topinambur come base, le cupolette di riso, il salmone e i broccoli sul riso, condire il tutto con il condimento di olio e limone e completare con qualche chicco di sale rosa

 

sfor5_ok sfor6_ok

lunedì 15 marzo 2010

Crocchette filanti di cavolfiore

 

Questa è stata la mia prima vittoria nella crociata per l’assunzione delle verdure da parte di mio marito: Ambra 1-Marcy 0!

…E’ la settimana di mio marito?…mah, può essere, non ho ancora deciso…

Comunque, molti di voi sanno che Marcy mangia 3/4 tipi di verdure, o meglio mangiava…da quando siamo sposati ne sono cambiate di cose!!! E ancora ne cambieranno…spero, per una appassionata di verdure come me!!! So di non essere sola a combattere questa battaglia (vero Vale?) e riuscirò a conquistare altri traguardi…vi terrò aggiornati!! Naturalmente il cavolfiore era una delle verdure fuori dalla lista, adesso lo mangia molto volentieri sottoforma di Gateau e di crocchette…ecco la ricetta

Ingredienti:

- 1 cavolfiore lessato

- 1 uovo + 1 o 2 uova per la panatura

- 4 cucchiai di parmigiano grattugiato

- Pangrattato q.b.

- Formaggio tipo fontal o emmentaler tagliato a cubetti un po’ grossi

- Noce moscata

- Farina

- Sale e pepe

- Olio di semi per frittura

1)Mettere il cavolfiore nel mixer e frullare fino ad ottenere una purea

2)Mettere la purea di cavolfiore in una terrina e unire il parmigiano grattugiato, l’uovo, la noce moscata e il pangrattato q.b. per ottenere una consistenza compatta ma non troppo dura, regolare di sale e di pepe

3)Formare delle palline e inserire al centro della crocchetta il formaggio

4)Passare le polpettine prima nella farina, poi nell’uovo ed infine nel pangrattato

5)Friggere in abbondante olio di semi caldo, girando di tanto in tanto

6)Servire belle calde

Croc2-ok Croc3-ok

domenica 14 marzo 2010

Lime per il Manager

Lime4-ok

Dal primo di marzo il mio maritino è diventato Project Manager!!! Evviva! E allora festeggiamo la promozione dell’ingegnere…ma come? Come già anticipato a qualcuna di voi in separata sede io e mio marito dal punto di vista culinario siamo male assortiti, lui è una delle poche persone che conosco che mangia solo per sfamarsi, assolutamente disinteressato al cibo (non quantitativamente), le sue papille gustative non sono mai state rinvenute ed è anche in quella minoranza che non ama i dolci ed in quella ancora più esigua percentuale di persone che non ama il cioccolato!!

Ha un debole però per la panna montata e i pochi dolci che ama davvero sono completamente bianchi: gelato solo, e dico solo, fiordilatte, budino solo vaniglia e guai se c’è il caramello!!!

Quindi la torta celebrativa doveva essere bianca per forza, qualche giorno fa avevo adocchiato una crema alla ricotta e panna montata nel blog di Rita che faceva al caso mio ma mi sono lasciata tentare dai lime che avevo in casa…bianca sì, ma con brio però!!!

Ok, lo so, l’effetto non è proprio entusiasmante, sembrano fettine di cetriolo, però il risultato non è niente male: una base di torta al lime, crema alla ricotta e lime e fettine di cosa?? Ma di lime no??

Congratulazioni tesoro…questa è per te!!

Ingredienti:

Per la torta:

- 200g di farina

- 2 cucchiaini di lievito vanigliato

- 200g di zucchero

- 4 uova

- 1 vasetto di yogurt bianco

- la scorza di un lime grattugiata

- 4 cucchiai di succo di lime

- 1,5 dl di olio di semi

Per la crema:

- 300g di ricotta fresca

- 200g di zucchero

- 250g di panna montata

'- la scorza di un lime grattugiata

Per decorare:

- Confettini argentati

- Fettine sottilissime di lime

- Poco sciroppo di amarene per colorare

1)Setacciare la farina e il lievito in una terrina unendo anche lo zucchero

2)Sbattere le uova con lo yogurt, la scorza e il succo di lime, e l’olio di semi

3)Versare poco alla volta il composto di uova nella farina mescolando ad ogni aggiunta fino ad ottenere un composto omogeneo

4)Versare il tutto in due teglie da plum cake imburrate ed infarinate ed infornare a 180° per 30 min

5)Intanto preparare la crema alla ricotta lavorando la ricotta con lo zucchero e la scorza di lime e poi aggiungendo la panna montata e mescolando delicatamente dal basso verso l’alto senza smontare la panna

6)Assemblare la la torta ormai fredda ottenendo due strati da ogni tortina e alternarli alla crema di ricotta, decorare la superficie con fettine di lime, ciuffetti di crema alla ricotta, confettini argentati e sciroppo di amarene

 

Lime3-ok Lime2-ok

Lime1-ok

Di chi è questa manina??

venerdì 12 marzo 2010

Più gusto ai piatti di tutti i giorni...

 
 
Un paio di settimane fa ho ricevuto una fornitura completa di campioni di Ariosto, il famoso insaporitore, devo dire che non sono mai stata una grande consumatrice di questo tipo di prodotti e così in queste due settimane ho deciso di testarlo nella cucina di tutti i giorni…

 

Sono rimasta piacevolmente colpita: i piatti più semplici diventano davvero saporiti e le pietanze più banali acquistano brio e personalità!!Fettine di carne, petto di pollo (non ho ancora provato quello per il pesce e per il sugo), ma anche le verdure!! E’ perfetto per la cena da preparare in pochi minuti la sera al ritorno dal lavoro (a casa mia è un classico…che faccio??Ho 3 minuti per preparare!!!) ma anche con il pollo arrosto con patate e scalogni della domenica…provatelo anche voi, poi fatemi sapere…i miei bimbi hanno apprezzato!

 

giovedì 11 marzo 2010

Strudel "truset" e salsiccia




La domanda sorge spontanea...cosa sono i "truset"? E' un insalata mista che in Piemonte ha questo nome, se qualcuno mi aiuta ad identificarla (in italiano) mi fa una cortesia...(indivia?boh!)...resta il fatto che a me piace moltissimo sia cruda che cotta: eccola qui!

 

Così, ne faccio incetta al mercato (dal mio fornitore fidato) e decido di farne qualcosa di diverso...ma cosa? E' da un po' che ho voglia di strudel e allora che strudel sia...ma con la salsiccia e con i semi di finocchio!!!Che bontà! Come è venuto?...sì lo so è un'altra delle mie ricette verdurose...che ci posso fare? Sono fatta così!



Ingredienti:

- 300g di truset puliti e lavati
- 300g di salsiccia
- 1 scalogno
- 1 rotolo di pasta brisè
- 1 uovo per dorare la pasta
- Semi di finocchio
- Olio extravergine
- Sale e pepe

1)Soffriggere lo scalogno tagliato fine in poco olio extravergine d'oliva, unire i truset e lasciare appassire (se tendono ad attaccarsi, bagnare con poca acqua) e cuocere fino a quando il liquido di cottura non è completamente evaporato, regolare di sale e di pepe
2)Nel frattempo in un'altra padellina mettere a rosolare in un filo d'olio la salsiccia privata della pelle e tagliata a tocchetti e cuocerla fino a che non diventa bella dorata
3)Stendere il rotolo di pasta brisè, bucherellare con i rebbi di una forchetta, adagiarvi i truset intiepiditi e poi qua e la i tocchetti di salsiccia
4)Chiudere bene lo strudel, spennellare la superficie con l'uovo leggermente sbattuto e con un coltello incidere la superficie creando tre tagli
5)Cospargere con i semi di finocchio e cuocere in forno già caldo a 180/200° per circa 20 min



Colgo l'occasione per fare alcuni ringraziamenti:
In primis volevo ringraziare Mauro de il
Bloggatore che da alcuni giorni mi ha accolto in squadra...grazie di cuore!
Poi devo ringraziare il mio babbo natale personale, la carissima
Luna che mi ha di nuovo omaggiato di premi inattesi:



Questa bellissima pianta dell'amicizia la voglio regalare a chi in questi mesi mi ha dimostrato davvero di essere mia amica e quindi la dono alla mia super amica Fede (ce l'ho fatta a premiarti ih, hi, hi!!) , a Fabiana che è come una sorella di blog, a Damiana che è dolce come un babbà e ad Ale che ha creduto in me più di quanto possa farlo io e mi ha iscritto al contest di Squisito - Blog dell'anno...l'ho davvero apprezzato...grazie!
Ma veniamo a queste belle rose...

 

Le voglio donare a delle nuove amiche conosciute da poco ma con cui ho trovato subito punti in comune e calore umano e sono Tina e Giulia...un bacio grosso...ve lo meritate!