lunedì 12 aprile 2010

La mia prima rubrica...La casa nel bosco: Sapori di montagna


Questa rubrica nasce da sola.
La classica idea che cerchi di ignorare ma che sempre più forte si fa strada fino a diventare praticamente un chiodo fisso.
Chi mi ha conosciuto in questi mesi ha visto l'aspetto più frivolo di me, fatto di tacchi, unghie laccate e  borsette strapiene.
Sono una donna piena di contraddizioni e con questa rubrica vi mostrerò un altro lato del mio carattere, quello più riflessivo, essenziale, solitario e profondamente legato alla natura.
Un anno fa abbiamo fatto un incontro particolare (gli incontri non sono mai casuali), abbiamo incontrato una Signora speciale che ci ha mostrato quella che sarebbe diventata la nostra casetta nel bosco, in un luogo totalmente disabitato, dove il silenzio è punteggiato solo da suoni magici: il cadere di una ghianda, il fruscio di una lucertola tra le foglie, lo scroscio della pioggia, il cinguettio degli uccellini.
Ci siamo innamorati subito di questa casetta che non è nè grande nè bella ma rappresenta il nostro rifugio, dove trascorrere momenti solo per noi, dove guarire le ferite, dove scoprire mille meraviglie e dove i profumi ed i sapori sono semplici e genuini ma sembra tutto più buono.





La casetta in questione si trova in montagna nelle Valli di Lanzo nella frazione della frazione della borgata..., sono solo 800m di altitudine quindi non è in alta montagna, non è una zona turistica nè sciistica, quindi una montagna povera...questo pensavo io...in realtà in questo anno mi sono resa conto della ricchezza di questa terra, di quanto la montagna può offrire se solo ci facciamo attenzione...in realtà credo di non essere mai tornata a casa con le mani vuote dai nostri fine settimana: erbe di campo, fiori e frutti selvatici, il mio piccolo orto e tante altre delizie.
In questa rubrica (che pubblicherò ogni due lunedì...io comincio...chissà dove andremo a finire?!) cercherò di portarvi con me attraverso racconti e soprattutto ricette sempre semplici, fatte con quello che trovo nella mia montagna, non sono piatti della tradizione...non sarei in grado (chissà magari quando divento più brava!!)...semplicemente cucinerò quello che trovo e con i pochi mezzi a disposizione: la grande stufa, che avete visto nella foto di apertura, di cui sono molto orgogliosa e dove sistematicamente borbottano sughi e stracotti; la vecchia cucina a gas, che odio, che riesce a bruciare tutto senza cuocere e il pezzo forte...un forno a legna antico e perfettamente funzionante che però io e mio marito, pur avendo fatto alcuni tentativi, non siamo ancora riusciti a far funzionare (spero mi riservi grandi soddisfazioni in futuro)...eccolo...


Non so se questo possa essere di vostro interesse, non so se riuscirò nel corso di questo anno a farvi vivere qualcosa di autentico... ma ci proverò, cercherò di raccontarvi come cambiano qui le stagioni (probabilmente per le mie amiche napoletane ci vorrà uno sforzo di immaginazione!?) e non c'è stagione migliore di questa per imboccare il nostro sentiero. La natura si risveglia, l'erbetta nuova si fa strada in mezzo al manto invernale e le gemme germogliano.


A tutti voi che vorrete seguirmi...buon viaggio.


Capitolo primo - Di Tarassaco, primule e violette


Il bosco era pieno di primule e viole, i prati puntaggiati da questi colori vivaci e irresistibili, il verde violento dell'erba nuova il viola profondo delle violette ed il giallo solare delle primule...uno spettacolo per gli occhi!
Nei prati ho trovato l'ultimo tarassaco che qui in montagna è ancora piccolo e tenero e ho deciso di prepararvi con queste erbe e fiori di campo due piatti semplici e colorati



Spaghettini con tarassaco, coppa croccante e primule fritte


Ingredienti:

- 250g di spaghettini
- 100g di coppa
- 250g circa di tarassaco pulito e lavato
- 1 cestino di primule pulite e lavate
- Olio evo
- Olio di semi per friggere
- Sale e pepe


1) Tagliare la coppa a pezzetti piccoli col coltello e metterla a rosolare in poco olio fino a che non risulta croccante (io l'ho fatta rosolare sulla stufa), mettere da parte
2) Intanto friggere le primule in abbondante olio di semi caldo (servono abbastanza primule perchè si riducono molto)
3) Cuocere gli spaghettini insieme al tarassaco in abbondante acqua bollente salata
4) Quando la pasta col tarassaco è pronta scolarla e farla saltare con la coppa, regolare di sale e pepe
5) Impiattare e ultimare con le primule croccanti sopra



Pain Perdu alle violette e miele di montagna


Ingredienti:

- 8 fette di pan carrè
- 2 dl di latte
- 2 uova
- 2 manciate abbondanti di violette pulite e lavate
- 150g circa di ricotta vaccina buona (purtroppo non ho trovato quella locale)
- 1 cucchiaio di zucchero a velo + quello per decorare
- 2 cucchiai abbondanti di miele di montagna (io adoro quello di tiglio)
- 30g circa di burro (io ho usato dell'ottimo burro di malga)


1) Sbattere le uova e amalgamarle bene con il latte
2) Tagliare le fette di pan carrè a metà e passarle nel composto di latte e uova
3) Intanto lavorare bene la ricotta setacciata con lo zucchero a velo
4) Riscaldare il miele (io sulla stufa) e aggiungerci le violette, farle andare col miele qualche istante
5) Distribuire il composto di ricotta su metà fetta di pancarrè, colarci sopra 1 cucchiaio di miele con le violette, chiudere il tutto con l'altra metà della fetta di pancarrè premendo bene i bordi per evitare fuoriuscite di ripieno, proseguire con tutte le altre fette
6) Fare sciogliere il burro in una padella e farci rosolare i toast qualche minuto per lato in modo che risultino belli coloriti
7) Fare intiepidire, spolverizzare con zucchero a velo e servire

33 commenti:

  1. questo lato del tuo carattere traspare anche attraverso la tua frivolezza,mica lo nascodi tanto bene!Si à capito che sei un peperino dal cuore soffice e guarda che è stato bello seguirti nella tua casetta.Le tue amiche napoletane non sono mica tutto sole e mare, un pò di montagna col suo fascino le incuriosisce tanto!la casetta è quel posticino tranquillo di cui parlavo poco tempo fa e dove l'anima à libera,anch'io ogni tanto col pensiero verrò a trovarci un pò di pace!Che dire le foto come sempre sono fantastiche,i piatti una botta di chicceria esagerata..una bomba!Na bellezz ciùciù !Un bacio e bellissima giornata ambrù!

    RispondiElimina
  2. Ma quel trusset..era tarassaco no?Boh mi sembra uguale,magari abbiamo risolto il mistero!

    RispondiElimina
  3. ambra bellissima e di atmosfera questa tua rubrica son certa che sarà un attrazione inresistibile per me!!e poi questi spaghetti sono di un buono nella loro semplicita!!!brava ambra un vulcano di idee...baci imma

    RispondiElimina
  4. fantastica questa rubrica!! e gli spaghetti una delizia! complimenti!

    RispondiElimina
  5. Ciao Ambra! Ma io non ti conoscevo! Menomale che sei passata da me e iniziare a leggerti partendo subito da questa rubrica sulla cucina di montagna mi ha entusiasmato. E' bellissimo cucinare con i fiori e le piante che possiamo raccogliere. Mi sono aggiungiuta ai tuoi sostenitori così ti seguo! :) Grazie per avermi inserita nel tuo blogroll. Ti auguro una buonissima settimana

    RispondiElimina
  6. Ambrina, come ti sono vicina!!!Ho alcune cose uguali a te, ma mi manca la tua esperienza, la tua capacità ed audacia di abbinamenti, la tua immaginazione. La stufa uguale alla tua ce l'ho, peccato che la trascuro un pò e ti devo dire che quando la accendevamo tutti i giorni, i nostri piatti erano più buoni e le bruschette si facevano tutte le sere. E' un aiuto, una cannonata! Ed anche tu sei una "cannonata" buona giornata deny
    ps: Mi dimenticavo: Anche le foto sono una...cannonata!!!

    RispondiElimina
  7. Tesoro caro...siamo in perfetta sintonia.. so già che adorerò questa tua rubrica...così come mi paice questa casetta a cui verrei a far visita volentieri...per perdermi a raccoglier erbette...e girar per boschi!
    Belle le violette...ci verrebbe un delizioso sciroppo!:)
    cmq questa ricetta è fantastica e me la segno!!!...alemno pe ril tarassaco...per le primule ho paura che devo rinunciare....qui nada!:)

    baci baci e complimenti!

    RispondiElimina
  8. Ciao Ambra... eccomi di ritorno... meravigliosa questa apertura di settimana!!!!! mi piace il racconto, mi piacciono le foto e mi piace da matti la casetta!!!!!! ma chi ha detto che non si possono amare le cose vere pur curando i dettagli personali??? sei fantastica e chi ti conosce lo sa molto ma molto bene!!!!! bacio fanciulla ci sentiamo dopo per domani!!!

    RispondiElimina
  9. mi sembra un'idea splendida! il bello dei blog secondo me è proprio lo scambio delle esperienze, dei pezzetti di vita, oltre che di ricette, che di questa vita comunque fanno parte. le foto sono divine e le ricette anche!!:) grazie

    RispondiElimina
  10. questa tua nuova rubrica è fenomenale, bravissima una ventata di novità nel mondo dei blogger da cucina, complimenti
    qualche anno fa avevo scritto un post sui fiori da mangiare un argomento che mi piace molto

    RispondiElimina
  11. Bellissima questa rubrica!!!...le ricette sono fantastiche...belle ed invitanti!!! mi piace il fatto che utilizzi i fiori in cucina!!! un bacione

    RispondiElimina
  12. O mamma!!!! Da dove comincio stamattina?!?!? Il pitbull è rimasto senza parole e si è sciolto trasformandosi in un tenero scoiattolino che in quel boschetto ci starebbe d'incanto! Stupenda l'atmosfera, stupende le foto, deliziosa la ricetta...insomma, mi piace tutto e di più di questo post. Un bacione :X

    RispondiElimina
  13. Ambra, la stufa della prima foto è uguale uguale a quella che aveva mia nonna nella sua casa. Lei non aveva il gas e cuoceva tutto li...ci faceva una crostata che era una favola!!!!
    Certo che questo posticino nascosto che avete scoperto sembra proprio un paradiso per la mente e per lo spirito!

    RispondiElimina
  14. Che meraviglia! Devi sapere che un posto così è da tanto il sogno mio e di mio marito, magari qui vicino sull'appennino romagnolo. Aspettando che si avveri mi tuffo nelle tue foto e nel tuo racconto, che magia e che profumi! Un bacio
    Francesca

    RispondiElimina
  15. ...che sogno, Ambra...mi hai fatto venire i brividi, al solo pensiero di poter avere un posto così, dove io e mio marito potessimo staccare la spina da tutto! Non sai quanto ne avrei bisogno...Perciò, oltre a provare un po' di sana invidia :> ti auguro di goderti ogni volta che puoi questa casetta incantata e fare il pieno di aria e colori...!
    A me questa rubrica piace un sacco! Baci, Gab

    RispondiElimina
  16. che dire, devo farti un lungo elenco di complimenti, per quella stufa che mi suscita dei ricordi che allargano il cuore, per la rubrica che è geniale come geniali sono queste due ricette, per le foto strepitose e per quella casetta in mezzo al bosco che pare di vivere in una fiaba!!

    RispondiElimina
  17. Questa rubrica mi piace moltissimo...ricette degne di nota, atmosfera da sogno, foto stupende...che dire?!mancano solo i folletti!!! ;P

    RispondiElimina
  18. posso dirlo? mi sono commossa.... e con tanta tanta invidia (ma di quelle buone) per il tuo forno e per l'economica (la cucina di cui tu parli qui si chiama così) ti seguirò con molta gioia, saranno anche ingredienti poveri ma questa ricetta è ricca di natura, passato e amore! come sempre sei al top! un bacio

    RispondiElimina
  19. mamma mia che ricetta interessantissima!!! e che rubrica speciale!!! pensa che sto giusto per crearne una anche io nel mio blog, dedicata a un libro di ricette a cui tengo molto... che dire? complimenti e in bocca al lupo! certo è che se parti così... e chi ti ferma più?? ^.^ baci
    Vale

    RispondiElimina
  20. finalmente ho un po' di tempo per poter leggere la nuova rubrica e ammirare queste bellissime foto! E' da stamani che ho visto l'aggiornamento, ma non ho potuto soffermarmarmi a leggere.
    complimenti per questa iniziativa, che seguirò con piacere e che dire delle foto? sono stupende!

    RispondiElimina
  21. Mi piace tanto la tua nuova rubrica!!E' molto bella e interessantissima! Le ricette sono veramente strepitose! Complimenti, Ambra!!!!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  22. Oh ziaaaaaaa!!!! Ciao!!!! Che bella rubrichetta che hai messo su! Mi piace un sacco la casetta in campagna, non sai come mi piacerebbe avere un rifugio del genere tutto mio!!! Mi piace, mi piace tutto!!! Brava zia, la tua nipotina napoletana è tanto orgogliosa di te! Aspetterò gli aggiornamenti dalla montagna con ansia!

    Oh oh ma che bella casetta!!! ^_^

    Un bacione zietta!!!

    P.S. Ma lo sai che venerdi sono andata a Firenze e ho incontrato Mamma Iana? Sono contentissima! Sarebbe ancora più bello se anche zia e nipote riuscissero a vedersi... uff... devo ritornare a risparmiare!

    RispondiElimina
  23. Ogni volta che arrivo nel tuo blog resto sempre a bocca aperta. E non solo per le ricette, che sono golosissime, ma anche per le splendide foto. E poi questa casetta nel bosco., Mi piace tantissimo l'idea di una rubrica che raccolga un pò della tua vita immersa nel verde, che ci accompagni di stagione in stagione a scoprire ciò che la Natura ha da offrirci.
    In bocca al lupo.
    Un bacione
    Paola

    RispondiElimina
  24. @Dami: Grazie come sempre!!!Ci tengo molto al tuo giudizio anche se mi sembra un po' di parte ormai!!!!PS Ma è tutto diverso il tarassaco dai truset!!!Ho capito che le misteriose verdure non sono altro che una specie di piccola cicoria!Bacio
    @Imma: Questi complimenti da parte tua mi riempiono il cuore...grazie!
    @Federica: Grazie tante cara...sono contenta!
    @Elisakitty: Ma non sai che onore è per me averti qui...il tuo blog è veramente strepitoso ed io cerco pian piano di migliorare guardando i tuoi piatti e le tue foto...grazie di cuore!
    @Deny: Grazie cara del tuo consueto supporto...ho visto la tua stufa uguale alla mia...che meraviglia!!!Usala non lasciarla lì se no diventa triste...bacio!
    @Terry: La sintonia si era intuita...per me almeno è così...mi fa davvero piacere che la mia rubrica ti piaccia!!Bacio
    @Fabi: Fra qualche ora ci si vede per un'incursione in uno dei bellissimi negozi di Torino...naturalmente da documentarte...porta la macchina!
    @Vale: Grazie Vale anche io la penso come te, voglio lasciare qualcosa di me tra queste pagine...chissà se ci riuscirò...Bacio
    @Gunther: Che complimentone! Beh cerco comunque di essere originale e preferisco essere me stessa anche nell'impronta che cerco di dare al blog!
    @Lucy: Ultimamente cucinerei qualsiasi cosa!!!Beh i fiori sono una interessante scoperta!Bacio
    @Fede: Sono contenta di aver creato una bella atmosfera, questo era il mio intento!!!Bacione
    @Elenuccia: La crostata nella stufa non l'ho ancora provata...interessante!!Devo lavorarci su!!Bacio
    @Francy: Grazie di cuore e spero possa trovare anche tu presto il tuo rifugio!!
    @Gabry: Ma grazie!!!Mi fa davvero piacere, questa rubrica è davvero una sfida per me spero di non deludervi!Bacio
    @Dauly: Il tuo dolcissimo commento mi ha davvero toccato...grazie
    @Unazebrapois: Mi sto attrezzando per gli elfi e i folletti!!!Chissà...vi stupirò con effetti speciali!!Bacio
    @Ely: Cosa posso rispondere alle bellissime parole che mi hai dedicato? Non mi viene nulla se non la gioia di averti incontrato!Grazie...bacio
    @Vale: Dai!!Aspetto con ansia la tua rubrica!!!Mi piace molto l'idea...chissà che meraviglie ci riserverai!!Bacione
    @Sergio: Non esagerare!!
    @Puff: Grazie cara...come sempre troppo buona!!Bacio
    @Oxana: Grazie mille, mi fa piecere che ti sia piaciuta, ci tengo molto al tuo giudizio...un bacione!
    @Rita: Grazie tesoro...anche a me piacerebbe incontrarti anche perchè prenderei due piccioni con una fava...te e Damiana!!Domani io invece vado a fare shopping con Fabiana...ormai è nata un'amicizia!Bacio PS E poi non sono mai stata a Napoli...quanto mi piacerebbe!

    RispondiElimina
  25. Bella l'idea, bella la pasta e delizioso quel pain perdu!

    RispondiElimina
  26. Complimenti per la bellissima rubrica e per le ricette deliziose e raffinate! Baci

    RispondiElimina
  27. Aspetter� con ansia questo appuntamento, che gi� dall'introduzione e dalla prima ricetta si presenta molto suggestivo. Bellissimo e profumato questo menu creato nei campi e nei boschi!

    RispondiElimina
  28. che bella! mi piace questa tua rubrica, ti seguirò con attenzione!
    io non ho una casetta in montagna ma una in campagna e devo dire che i prati intorno abbondano di erbette, fiori ecc. ecc. tutto lontanissimo dal centro abitato, per fortuna!
    ti seguirò ;-)
    bacissimi cara.

    RispondiElimina
  29. complimenti per le tue foto!!!!bellissimo il tuo blog!!!ti seguiro' con grande curiosita'!!!bacibaciotti,clavirste

    RispondiElimina
  30. Cara Ambra, complimenti per la rubrica: aspettero' anche gli altri capitoli!
    Le foto sono meravigliose ed il modo di raccontarti mi piace tantissimo!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  31. Ciao Ambra, questo post me l'ero proprio perso. Mi hai fatto sognare e tornare a qualche anno fà quando andavo a trovare mia suocera che cuoceva tutto con una cucina a legna molto simile alla tua. Complimenti davvero, le tue foto ci fanno respirare l'aria fresca e pura che ci dev'essere da quelle parti. E qualche raggio di sole ci accarezza la pelle. Grazie, sei fantastica!

    RispondiElimina
  32. @Sarah: Che bello averti qui...è davvero un onore per me!
    @Lady Bohme: Grazie tesoruccio!!Bacio
    @Betty: Grazie mille davvero per l'entusiasmo...sono contenta!!Bacio
    @Lafamevienmangiando: Mi fa piacere averti nel mio cantuccio!!A presto
    @Luna:Amica mia! Mi fa sempre un gran piacere quando passi da queste parti!!Ti abbraccio
    @Tina: Ti ringrazio davvero con tutto il cuore, sono commossa dell'entusiasmo con cui è stata accolta la mia rubrica!Un abbraccio

    RispondiElimina